Apri il menu principale

Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/181



Anzoletto. (La me permetta che me possa giustificar).

Domenica. (Zitto, zitto; za che mio padre no ha savesto gnente) fin adesso, no veggio che ’I se n’incorza, e che 1 m’abbia da criar senza sugo). (siedono ai loro posti)

Marta. Mettemo suso do soldi per omoC). Semo diese; do fia diese, vinti (a). La prima carta tira sette. La segonda sie, perchè se lassa el soldo dell’invido; e in ultima resta sette. (tutti pongono il loro soldo nel tondino)

Anzoletto. (Ghe voi più ben de quello che la se imagina). (a Domenica)

Domenica. (Eh! caro sior, s’el me volesse ben, no l’anderave) in Moscovia). (ad Jlnzoleilo)

Anzoletto. (Ma la prego de considerar...).

Domenica. (Zitto, zitto, eh ’el tasa).

Polonia. La diga, siora Domenica. M’imagino che faremo l’in- vido ligà (b).

Domenica. Per mi, quel che la comanda.

Polonia. Che no se passa un traero (e).

Marta. Oh! per un traero no se poi far cazzate (2)! Cossa disela eia? (ad Alba)

Alba. Che i fazza pur quel che i voi. (a Marta) Me casca i occhi da sonno. (a Bastian)

Bastian. (Stago fresco! M’ha tocca una bona compagna).

Marta. (Dando le carte per veder a chi tocca) Mi diria che se po- desse invidar almanco do traeri.

Agustin. Mi no veggio che se invida più de do soldi.

Marta. Tanto fa che lassemo star.

Zamaria. Via, fiozzo, no siè cussi spilorza. Co se ghe xe, se ghe sta.

Elenetta. Ben; co avemo perso un da vinti, no zoghemo altro.

Zamaria. Gh’aveu paura? Zoghè per mi. (a) Maniera di conteggiare in Venezia: do fia diese, vinti, quasi due fiate dieci, venti. (b) Propone di far l’invito limitato; vedi cos’è l’invito nella prefazione. (e) Cinque soldi, moneta di Venezia. (1) Per ciascuno. (2) Vedasi prefazione, pag. 129.