Apri il menu principale

Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/189



Domenica. Per mi, no vói altro.

Momolo. Questo qua xe e! lustrissimo sior cavallo.

Bastian. Altri diese soldetti su quel lustrissimo sior cavallo. (li mette in piatto)

Momolo. El re xe a monte; la meneghella xe zoso; no gh’è altro che l’asso. O l’asso, o una cazzadaC). A Momolo man- ganer cazzae no se ghe ne fa. Son qua, diese soldi, compare

Bastian.

Bastian. Aspettè; avanti che i mette suso, voleu che spartimo? (a)

Momolo. No, compare, o tutti vostri, o tutti mii. (li mette)

Bastian. Co l’è cussi, tireveli.

Momolo. Grazie. (vuol tirar il piatto)

Bastian. Fermeve. Questo xe l’asso, compare.

Momolo. Tegnìme la testa, tegnìme la testa.

Elenetta. Vedistu? (ad Agostino)

Agustin. Ti gh’ha rason. (ad Elena)

Bastian. Tiremo sto piattelo. (tira il piatto)

Alba. Xeli tutti nostri?

Bastian. Tutti nostri.

Alba. Tutti nostri?

Bastian. Tutti nostri.

Alba. Oh! bravo sior Bastian, bravo sior Bastian, bravo sior

Bastian. (ridendo)

Marta. Vedeu? Questo xe un bel incontro. Nu de ste fortune no ghe n’avemo. (a Lazaro)

Lazaro. Gh’ho gusto che mia muggier se diverta. Ala sentìo come l’ha ridesto?

Marta. Vardè, vede! Fé sbarar i mascoli (i) per sta bella cossa. Oh! via, che i metta suso, patroni. Tocca a far le carte a sior Agustin. (Agostino mescola le carte, e tutti mettono)

Domenica. (Caro sior Anzoletto, saria troppo felice se succe-) desse sta cossa!) (a) Che dividiamo? (i) I mortaletti. (1) Prefazione, pag. 129.