Apri il menu principale

Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/188



Agustin. Mo via, siora, seu patrona vu? (a Elena)

Elenetta. Mi la veggio cussi. (ad Agostino)

Agustin. Debotto, debotto...

Elenetta. Coss’è sto debotto?

Agustin. Insolente.

Elenetta. Musso (a).

Momolo. Le se ferma.

Marta. Mo no fali stomego? (i) (a Lazaro, parlando di Agostino) e di Elena.

Domenica. Via, ghe xe altri?

Bastian. Vorla che i mettemo? (ad Alba)

Alba. Cossa? Basti AN. Sti sette soldi?

Alba. Per mi, che 1 ghe ne metta anca trenta, cossa m’importa?

Bastian. Mo la zoga molto de gusto! Ecco qua sette soldi. (/(■ mette)

Domenica. Questo xe el fante de danari. (scopre la carta)

Agustin. Vedeu, siora? (ad Elena)

Elenetta. e cussi?

Agustin. Col re la m’ha fatto andar via.

Elenetta. Chi se podeva imaginar che co una strazza de carta la andasse a invidar sette soldi? Se vede che la gh’ha dei bezzi da buttar via.

Domenica. Cara siora, se zoga; se fa per tegnir el zogo in vivaC). No gh’avemo bezzi da buttar via; ma no semo gnanca spilorzi.

Momolo. La se ferma. Su quel fante altri diese soldetti.

Bastian. Vorla che ghe tegnimo? (ad Alba)

Alba. A mi el me domanda? Co sto sussuro me va attorno la testa, che no ghe vedo.

Bastian. Son qua mi con diese soldetti.

Momolo. Cossa disela eia? (a Domenica) (a) Vuol dir asino, ma più decentemente. (i) Non fanno venire il vomito? (I) Così in tutte le più antiche edizioni.