Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/176

166 ATTO SECONDO


patroni, i mii amici; e i fatti mii li sa tutto e! mondo. E po, caro sior Zamaria, me crederessi cussì minchion, che stando ben dove son, dove no me manca da laorar, volesse lassar el certo per l’incerto, e rischiar de precipitarme? Considera un altra cossa. I me paga i viazi. Coa se cerca, co se prega, co se fa brogio, ve par a vu che se possa sperar i viazi de andar e tornar?

Zamaria. Fe conto de tornar donca?

Anzoletto. S’el cielo me lassa in vita, lo spero, lo desidero e lo farò.

Zamaria. No so cossa dir; andè che ’l cielo ve benediga. Me despiase che fin che stè via, no gh’averemo dei vostri dessegni.

Anzoletto. E per questo? Manca in sto paese dei ottimi dessegnadori? Venezia no xe scarsa de bei talenti. In tutte le arte, in tutte le scienze la xe stada sempre felice, e adesso più che mai in ste lagune fiorisse i bei spiriti, e ’l bon gusto, e le novità. Per mi ho fatto troppo. Son sta più sofferto de quel che merito.

Zamaria. Mi no so gnente. Savè che nualtri testori no semo boni da altro che da eseguir; e no tocca a nu a giudicar. Ma gierimo usai con vu. I mii teleri principalmente i giera provisti da vu, e la nostra roba incontrava, e i nostri aventori giera contenti.

Anzoletto. Caro sior Zamaria, vu parlè con troppa bontà. De cento e più dessegni che ho fatto, qualchedun ghe n’è andà mal, e qualche volta avè butta via la seda, l’oro e l’arzente per causa mia.

Zamaria. Mi no digo cussì. So che i mii drappi laorai sui vostri dessegni, se no i ho smaltii a Venezia, i ho smaltii in terraferma; e se in qualcun ho descapità, m’ho refatto sora la broccab con quelli che xe andai ben.

Anzoletto. Sieu benedetto! Vu sè un omo onesto. Vu sè un omo da ben. Ma ghe xe dei altri testori che no parla cussì.

  1. Co, vuol dir quando, e ciò sia detto una volta per sempre.
  2. Sora la brocca, abbondantemente.