Apri il menu principale

Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/179



Zamaria. Giusto mo vu, comare, ave da zogar per la prima. Zogherè con mi.

Alba. Mo se mi no so.

Marta. E elo, sior Zamaria, ghe ne salo?

Zamaria. Mi sarà vint’anni che no ho zogà.

Marta. Bisogna compagnar un che sa, e un che no sa. Via, la fazza eia, siora Domenica; la unissa eia i zogadori; da brava.

Domenica. Mi no so, no gh’ho pratica; la fazza eia.

Marta. Vorla che fazza mi?

Domenica. Sì, la me fa finezza.

Marta. Sior’Alba...

Alba. La me metta con uno che ghe ne sappia, perchè, prima mi no ghe ne so, e pò me diol la testa che la me va in pezzi.

Marta. La zogherà con mio mano, che 1 xe bravo.

Bastian. (Cospetto! M’ala fatto un bel regalo mia muggier?)

Marta. Sior Momolo zogherà co siora Elenetta.

Elenetta. Siora?

Marta. La zogherà co sior Momolo.

Elenetta. Mi no, la veda.

Momolo. La me rehida?

Marta. Via, via, ho inteso. La zogherà co so mario.

Momolo. La se ferma. Son qua; chi me voi? Son refudà. I bocconi refudai xe meggio dei altri.

Marta. Vu zogherè co siora Polonia.

Polonia. No lo voggio.

Momolo. Chi no me voi, no me merita.

Polonia. Vare che fusto! (a)

Marta. Via, via, destrighemose, che vien tardi. L’è dita. Siora Polonia, e sior Momolo. Mi zogherò co sior Lazaro, e siora Domenica co sior Anzoletto.

Anzoletto. (Sì ben; sto incontro Io desiderava). (si accosta)

Domenica. No, cara siora Marta, mi la me lassa fora.

Zamaria. Coss’è? Farastu anca ti delle puttelae? (a) Guardate il bei soggetto!