Apri il menu principale
Atto I

../Personaggi ../Atto II IncludiIntestazione 6 agosto 2019 25% Da definire

Personaggi Atto II

[p. 17 modifica]

ATTO PRIMO.

SCENA PRIMA.

Strada con varie casupole.

Pasqua e Lucietta da una parte. Libera, Orsetta e Checca dall’altra. Tutte a sedere sopra seggiole di paglia, lavorando merletti sui loro cuscini posti ne’ loro scagnetti.

Lucietta. Creature, cossa diseu de sto tempo?

Orsetta. Che ordene (a) xelo?

Lucietta. Mi no so, vare (b). Oe, cugnà (e), che ordene xelo? (a Pasqua) (a) Qui significa vento, (b) Vare, vuol dir vedete, ma qui è come un intercalare, che aggiunge forza alla negazione. (e) In toscano cognata, e in veneziano cugnada; ma i Chiozzotti in tali nomi terminano il femminino come il mascolino. [p. 18 modifica]


Pasqua. No ti senti che boccon de sirocco?

Orsetta. Xelo bon da vegnire de sottovento (a )?

Pasqua. Sì ben, sì ben. Se i vien i nostri omeni, i gh’ha el vento in poppe.

Libera. Ancuo o doman i doverave vegnire.

Checca. Oh! bisogna donca che spessega (b) a laorare: avanti che i vegna, lo vorave fenire sto merlo.

Lucietta. Di’, Checca: quanto te n’amanca a fenire?

Checca. Oh! me n’amanca un brazzo.

Libera. Ti laori molto puoco, fia mia. (a Checca)

Checca. Oh! quanto xe che gh’ho sto merlo su sto balon (e)?

Libera. Una settemana.

Checca. Ben (d)! una settemana?

Libera. Destrìghete (e), se ti vuol la carpetta (/).

Lucietta. Oe, Checca, che carpetta te fastu?

Checca. Una carpetta niova de caliman (’).

Lucietta. Dasseno? Te mettistu in donzelon (g)?

Checca. In donzelon? No so miga cossa che voggia dire.

Orsetta. Oh che pandola (/i)! No ti sa che co una putta xe granda, se ghe fa el donzelon; e che co la gh’ha el donzelon, xe segno che i soi (i) i la vuol mandare?

Checca. Oe, sorella! (a Libera)

Libera. Fia mia.

Checca. Me voleu mandare?

Libera. Aspetta che vegna mio mario.

Checca. Donna Pasqua, mio cugnà Fortunato no xelo andà a pescare co paron Toni? (a) Chiamano sotlovenlo tutto quel litorale, che tiene da Chiozza sino in Ancona, citta papale, (b) Ch’io solleciti, (e) Cuscino. (J) Oh! cosa dite? (e) Spicciati. (/) Gonnella, (g) Dicesi che una figlia è in donzelon, quando è in età da marito, e si veste con qualche differenza da quelle che non lo sono. (A) Sciocca, (i) Cioè i suoi genitori o parenti. (I) « Calmano, drappo che ha del rapporto a ciò che chiamavaii una volta Rato d’Utrecht, che si fabbrica nel Brabanle e in Fiandra ecc. ’i: Diz.’" dì commercio Jet ilgn»rt fratelli Sauar)) ecc., prima ed. ila!., Venezia, Pasquali, t. I, 1770. [p. 19 modifica]


Pasqua. Sì, no lo sastu che el xe in tartana col mio paron (a) e co Beppe (1) so f radalo?

Checca. No ghe xe anca Titta Nane co lori?

Lucietta. Si ben: cossa voressistu dir? Cossa pretenderavistu da Titta Nane? (a Checca)

Checca. Mi? gnente.

Lucietta. No ti sa che xe do anni che mi ghe parlo (2)? E che col vien in terra, el m’ha promesso de darme el segno?

Checca. (Malignaza culìa! La i voi tutti per eia!)

Orsetta. Via, via, Lucietta, no star a bacilare (i). Avanti che Checca mia sorella se maride, m’ho da mandare mi, m’ho da mandare (e). Co vegnirà in terra Beppe to hadelo, el me sposerà mi, e se Titta Nane vorrà, ti te poderà sposare anca ti. Per mia so- rela, gh’è tempo.

Checca. Oh! vu, siora, no voressi mai che me maridasse. (a Orsetta)

Libera. Tasi là; tendi al to laoriere.

Checca. Se fusse viva mia donna mare (J)...

Libera. Tasi, che te trago el balon in coste (e).

Checca. (Si, sì, me voggio maridare, se credesse de aver da tiore) un de quei squartai (/) che va a granzi (g)).

SCENA li.

Toffolo e suddette, poi CANOCCHIA.

Lucietta. Oe, bondì, Toffolo. (a) El mio paron, o patron, qui vuol dir mio marito. (i) Non ci pensare, (e) Questa ripetizione viziosa è comune al popolo basso. (^) Le genti basse dicono al padre: Missier pare; ed alla madre: Dona mare, (e) Il coscino nelle costole. Si direbbe in toscano: Taci, che ti getto questo coscino in faccia. U) Qui significa birbanti, oziosi, miserabili. (g) In quelle paludi vi è una quemtità prodigiosa di granchi, che non sono buoni a mangiare; ma li pren- dono e li pestano, e ne fcmno esca per pigliare i pesci. Andare a granchi s intende di que’ miserabili che vanno a raccogliere di tali granchi, eh è il più vile ed il più povero de’ mestieri. (I) Qui e altrove è stampato Beppe. Il Goldoni, come anche il popolo, usa in questa commedia le due forme: ora Beppe e ora Beppo. (2) Che amoreggio con lui? [p. 20 modifica]


Toffolo. Bondì, Lucietta.

Orsetta. Sior mamara (a), cossa sémio nualtre?

Toffolo. Se avere pazenzia, ve saluderò anca vualtre.

Checca. (Anca Toffolo me piaserave (i)).

Pasqua. Coss’è, putto? No laorè ancuó (e)?

Toffolo. Ho laorà fin adesso. So sta col battello sotto marina (d) a cargar dei fenochi (1): i ho portai a Brondolo (e) al corrier de Ferrara, e ho chiappa (/) la zornada.

Lucietta. Ne pagheu gnente?

Toffolo. Sì ben; comande.

Checca. (Uh! senti che sfazzada (g)?) (ad Orsetta)

Toffolo. Aspettè. Oe! zucche barucche (A). (chiama)

Canocchia. (Con una tavola con sopra vari pezzi di zucca gialla cotta) Comande, paron.

Toffolo. Lasse veder.

Canocchia. Adesso: vare, la xe vegnua fora de forno (2).

Toffolo. Voleu, Lucietta? (le offerisce un pezzo di zucca)

Lucietta. Sì ben, de qua.

Toffolo. E vu, donna Pasqua, voleu?

Pasqua. De diana! la me piase tanto la zucca barucca! Dèmene un pezzo.

Toffolo. Tolè. No la magne, Lucietta?

Lucietta. La scotta. Aspetto che la se giazze.

Checca. Oe! bara (0 Canocchia.)

Canocchia. Son qua.

Checca. Dèmene anca a mi un bezze (/). (a) Babbuino, (i) Mi piacerebbe, (e) Non lavorate oggi? (d) Sul litorale, che divide il mare dalle paludi, ewi una fila di case che formano un villaggio, e chiamasi Sotto- Marina. (e) Altro villaggio tre miglia distante da Chiozza, per dove passano vari corrieri, che non corrono, perchè vanno per acqua. (/) Ho guadagnato la mia giornata, (g) Oh! sentite che sfacciata? (h) Zucche gialle, arrostite nel forno, e che vendono a Chiozza, tagliate in pezzi, ed a buon mercato, (j) Come se dicesse Messere, o cosa simile. (/) Cioè un bezzo, ch’è la metà di un soldo. ( I ) Finocchi. Neir ed. Pasquali i stampalo: de fenochi. (2) Cosi nel testo. Forse sarebbe meglio slampare: Adesso, vare ecc. [p. 21 modifica]


Toffolo. So qua mi; ve la pagherò mi.

Checca. Sior no, no veggio.

Toffolo. Mo per cossa?

Checca. Perchè no me degno.

Toffolo. S’ha degna Lucietta.

Checca. Sì sì, Lucietta xe degnevole, la se degna de tutto.

Lucietta. Coss’è, siora? Ve ne aveu per mal, perchè so stada la prima mi?

Checca. Mi co vu, siora, no me n’impazzo (a). E mi no togo (6) gnente da nissun.

Lucietta. E mi cossa toghio (e)?

Checca. Siora sì, ave tolto anca i trigoli (d) dal putto donzelo (e) de bara Losco (/).

Lucietta. Mi, busiara?

Pasqua. A monte.

Libera. A monte, a monte.

Canocchia. Gh’è nissun che voggia altro?

Toffolo. Ande a bon viazo.

Canocchia. Zucca barucca, barucca calda. (gridando parte)

SCENA III.

/ suddetti, fuor di Canocchia.

Toffolo. (Arecordève, siora Checca, che m’avè dito che de) mi no ve degne).

Checca. (Ande via, che no ve tendo) (g).

Toffolo. (E sì, mare de diana (A), gh’aveva qualche bona intenzion).

Checca. (De cossa?) (a) Non tratto, non parlo. (b) Non prendo, (e) Cosa prendo? (d) Sono una specie di frutti marini che si trovano nelle paludi, ed hanno tre punte acu- tissime; si fanno bollire, si tagliano col coltello, ed hanno dentro una polpa simile quasi a quella della castagna, (e) Giovane da maritare. (/) Di messer Losco, nome o soprannome supposto, (g) Non vi bado, (hi) Mare de diana I Escla- mazione, come se dicesse: corpo di bacco! ecc. [p. 22 modifica]


Toffolo. (Mio santolo (a) me voi metter suso peota (b), e co son a traghetto (e), anca mi me voi mandare).

Checca. (Dasseno?)

Toffolo. (Ma vu ave dito che no ve degne).

Checca. (Oh! ho dito della zucca, no ho miga dito de vu).

Libera. Oe, oe, digo: cossa xe sti parlari?

Toffolo. Vare? vardo a laorare.

Libera. Ande via de là, ve digo.

Toffolo. Cossa ve fazzio? Tolè; anderò via. (si scosta, e va bel bello) dall’altra parte.

Checca. (Sia malignazo!)

Orsetta. (Mo via, cara sorella, se el la volesse, savè che putto) che el xe: no ghe la voressi dare?)

Lucietta. (Cossa diseu, cugnà? La se mette suso a bonora (d)).

Pasqua. (Se ti savessi che rabbia che la me fa!) (a Ludetta)

Lucietta. (Vare che fusto! (e) Viva cocchietto! (/) la voggio far desperare). (da sé)

Toffolo. Sfadigheve a pian, donna Pasqua.

Pasqua. Oh! no me sfadigo, no, fio: no vede che mazzette grosse? El xe merlo da diese soldi.

Toffolo. E vu, Lucietta?

Lucietta. Oh! el mio xe da trenta.

Toffolo. E co bello che el xe!

Lucietta. Ve piaselo?

Toffolo. Mo CO pulito! Mo cari quei deolini (g).

Lucietta. Vegnì qua; sentève.

Toffolo. (Oh! qua son più alla bonazza (A)). (siede)

Checca. (Oe! cossa diseu?) (a Orsetto, facendole osservare Toffolo) vicino a Lucietta.

Orsetta. (Lassa che i fazza, no te n’impazzare). (a Checca)

Toffolo. (Se starò qua, me bastonerali?) (a Lucietta) (a) Patrino. (i) Barca coperta da condur passeggieri. (c\ Luogo dove si) trovano simili barche, (d) Comincia per tempo ad aver delle pretensioni, (e) Guardate che malagrazia! (/) Altra esclamazione, (g) Dita graziose, (/i) Qui sto meglio. [p. 23 modifica]


Lucietta. (Oh che matto!) (a Toffolo)

Orsetta. (Cossa diseu?) (a Libera, accennando Lucietta)

Toffolo. Donna Pasqua, voleu tabacco?

Pasqua. Xelo bon?

Toffolo. E1 xe de quello de Malamocco (a).

Pasqua. Damene una presa.

Toffolo. Volentiera.

Checca. (Se Titta Nane lo sa, poveretta eia). (</a sé)

Toffolo. E vu, Lucietta, ghe ne voleu?

Lucietta. (De qua, sì ben (b). Per far despetto a culìa). (accenna Checca)

Toffolo. (Mo che occhi baroni (e)!) (a Lucielia)

Lucietta. (Oh giusto! No i xe miga quelli de Checca). (a Toffolo)

Toffolo. (Chi? Checca? gnanca in mente (e/)). (a Lucietta)

Lucietta. (Vare, co bella che la xe!) (a Toffolo, accennando Checca,) con derisione.

Toffolo. (Vara chiòe (e)!) (a Lucietta)

Checca. (Anca sì che i parla de mi). (da sé)

Lucietta. (No la ve piase?) (a Toffolo)

Toffolo. (Made (/)). (a Lucietta)

Lucietta. (1 ghe dise puinetta (g)). (a Toffolo, sorridendo)

Toffolo. (Puinetta i ghe dise?) (a Lucietta, sorridendo e guardando)

Checca.

Checca. Oe, digo; no so miga orba, vare. La voleu fenire? (forte verso Toffolo e Lucietta)

Toffolo. Puina fresca, puina (A), (forte, imitando quelli che vendono) la puina, cioè la ricotta.

Checca. Cossa xe sto parlare? Cossa xe sto puinare (i)? (s’alza)

Orsetta. No te n’impazzare. (a Checca, e s’alza) (a) Picciola città eintica, non lontana da Chiozza, dove in quel tempo si vendeva del buon tabacco, (è) Lo stesso che si. (e) Occhi furbi, (d) Non ci penso nemmeno, (e) Esclamazione negativa e di disprezzo. (/) Vuol dir no, come l’antico toscano Mai no. (g) Ricottina. (h) Imita quelli che ven- dono la ricotta. (/) Verbo immaginato a piacere; come se dicesse ricottare, per dire: che maniera è questa? A me ricottina? [p. 24 modifica]


Libera. Tendi a laorare. (a Orsetta e Checca, alzandosi)

Orsetta. Che el se varda elo, sior Toffolo Marmottina (a).

Toffolo. Coss’è sto Marmottina?

Orsetta. Sior sì; credeu che noi sappiemo che i ve dise Tof- folo Marmottina?

Lucietta. Vare che sesti! Vare che bella prudenzia!

Orsetta. Eh via, cara siora Lucietta Panchiana (b)\

Lucietta. Cossa xe sta Panchiana? Tende a vu, siora Orsetta Meggiotto (e).

Libera. No stè a strapazzar mie sorelle, che mare de diana...

Pasqua. Porte respetto a mia cugnà. (s’alza)

Libera. Eh! tasè, donna Pasqua Fersora (J).

Pasqua. Tasè vu, donna Libera Gallozze (e).

Toffolo. Se no fussi donne, sangue de un’anguria (/)...

Libera. Vegnirà el mio paron.

Checca. Vegnirà Titta Nane. Che vói contare tutto, ghe voi contare.

Lucietta. Cóntighe. Cossa m’importa?

Orsetta. Che el vegna paron Toni Canestro (g)...

Lucietta. Sì, sì, che el vegna paron Fortunato Baìcolo (/?)...

Orsetta. Oh che temporale (;)!

Lucietta. Oh che susio(/)!

Pasqua. Oh che bissabuova (m)!

Orsetta. Oh che stramanio (n)!

SCENA IV.

Paron VlCENZO e detti.

VlCENZO. Olà, olà! zitto, donne. Cossa diavolo gh’aveu?

Lucietta. Oe, vegnì qua, paron Vicenzo. (a) Soprannome di Toffolo. (b) Sopremnome di Lucietta, che significa parabolano. (e) Soprannome di Orsetta. Meggiotto si dice ad un pane di fanna grossa, mescolato con farina di miglio, (d) Padella, soprannome di Pasqua, (e) Cappone male accomodato, che in parte è ancora gallo; sopran- nome di Libera. (/) Cocomero. (g) Soprannome di Toni, (h) Pesce di tal nome, soprannome di Fortunato. (r) (/) (m) (n) Tutte queste quattro esclama- zioni significano lo stesso, quasi oh che baruffa 1 [p. 25 modifica]


Orsetta. Oe, sentì, paron Vicenzo Lasagna (a), VlCENZO. Quieteve, che xe arriva in sto ponto la tartana de paron

Toni.

Pasqua. Oe, zitto, che xe arriva mio mano. (a Lucietta)

Lucietta. Uh, ghe sarà Titta Nane!

Libera. Oe, putte, no fé che vostro cugnà sappia gnente.

Orsetta. Zitto, zitto, che gnanca Beppe no sappia.

Toffolo. Lucietta, so qua mi, no ve stè a stremire (i).

Lucietta. Va via. (a Toffolo)

Pasqua. Via. (a Toffolo)

Toffolo. A mi? sangue d’un bisatto (e)!

Pasqua. Va a ziogare al trottolo (rf).

Lucietta. Va a ziogare a chiba (e).

Toffolo. A mi, mare de diana? Anderò mo giusto, mo, da Checchma. ( $’accosta a Checca)

Libera. Via, sporco.

Orsetta. Càvete (/).

Checca. Va in malora.

Toffolo. A mi sporco? A mi va in malora? (con sdegno) VlCENZO. Va in burchio (g).

Toffolo. Olà, olà, paron Vicenzo. (con caldo) VlCENZO. Va a tirar l’alzana (A). (gli dà uno scappellotto)

Toffolo. Gh’avè rason, che no voggio precipitare. (parte)

Pasqua. Dove xeli co la tartana? (a Vicenza) VlCENZO. In rio (i) xe secco, no i ghe può vegnire. I xe ligai a Vigo(/). Se volè gnente, vago a vedere se i gh’ha del pesse, e se i ghe n’ha, ghe ne voi comprare per mandarlo a vendere a Pontelongo (m). (a) Soprannome di Vicenzo: lasagna è un pezzo di pasta larga e sottile, che si mangia come si mangiano i maccheroni, (b) Non abbiate timore, (e) San- gue di un anguilla: esclamazione, (d) Va a giuocare alla trottola, per di- sprezzo, (e) Altro giuoco da fanciulli. (/) Levati di qui. (g) Burchio è una barcaccia che trasporta le mercanzie; qui, per disprezzo, lo tratta come un cane da burchio, un cane da guardia, (h) Alzana è quella corda con cui dagli uomini o dai cavalli si tirano lungo un fiume le barche che vanno contro la corrente. ((’) Canale della città. (/) Luogo dove comincia la città di Chiozza. (m) Grosso villaggio lungo l’Adige, sul territorio Padovano. [p. 26 modifica]


Lucietta. Oe, no ghe disè gnente. (a Vicenza)

Libera. Oe, paron Vicenzo, no ghe stessi miga a contare. VlCENZO. Che cade (a)!

Orsetta. No ghe stessi a dire... VlCENZO. Mo no stè a bacilare(è). (parte)

Libera. Via, no femo che i nostri omeni n’abbia da trovare in baruffa.

Pasqua. Oh, mi presto la me monta, e presto la me passa.

Lucietta. Checca, xestu in collera?

Checca. No ti sa far altro che far despetti.

Orsetta. A monte, a monte. Semio amighe?

Lucietta. No voleu che lo semio?

Orsetta. Dame un baso, Lucietta.

Lucietta. Tiò, vissere. (si badano)

Orsetta. Anca ti, Checca.

Checca. (No gh’ho bon stomego (O).

Lucietta. Via, matta.

Checca. Via, che ti xe doppia co fa le ceole (e).

Lucietta. Mi? Oh, ti me cognossi puoco. Vie qua; dame un baso.

Checca. Tiò (d). Varda ben, no me minchionare.

Pasqua. Tiò el to balon, e andemo in cà (e), che pò anderemo in tartana. (piglia lo scagno col cuscino, e parte)

Libera. Putte, andemo anca nu, che li anderemo a incontrare. (parte col suo scagno)

Orsetta. No vedo l’ora de vederlo el mio caro Beppe. (parte col suo scagno)

Lucietta. Bondì, Checca. (prende il suo scagno)

Checca. Bondì. Vòggieme ben. (prende il suo scagno, e parte)

Lucietta. No t’indubitare. (prende il suo scagno, e parte) (a) Non dubitate. (A) Non ci pensate. (e) Doppia come le cipolle, cioè finta, (d) Prendi, (e) In casa. ( I ) Non ho stomaco abbastanza forte per sofirìrla; mi ripugna. [p. 27 modifica]


!»• SCENA V. Veduta del canale con varie barche pescareccie, fra le quali la tartana di paron Toni. Paron FORTUNATO, Beppo, TlTTA NaNE e altri uomini nella tartana, e paron ToNI in terra, poi paron VlCENZO.

Toni. Via, da bravi, a bel bello, mette in terra quel pesse. VlCENZO. Ben vegnuo, paron Toni.

Toni. Schiao (a), paron Vicenzo. VlCENZO. Com’eia andada?

Toni. Eh! no se podemo descontentare. VlCENZO. Cossa gh’aveu in tartana?

Toni. Gh’avemo un puoco de tutto, gh’avemo. VlCENZO. Me dareu quattro cai (i) de sfoggi?

Toni. Pare ((), sì. VlCENZO. Me dareu quattro cai de barboni (</)?

Toni. Pare, sì. VlCENZO. Bòseghe (e) ghe n’aveu?

Toni. Mare de diana! ghe n’avemo de cussi grande, che le pare, co buò respetto (/), lengue de manzo, le pare. VlCENZO. E rombi?

Toni. Ghe n’aemo siè, ghe n’aemo, co è el fondi d’una barila (g). VlCENZO. Se porlo veder sto pesse?

Toni. Ande in tartana, che ghe xe (0 paron Fortunato; avanti che) lo spartimo (h), fèvelo mostrare. VlCENZO. Anderò a vede se se podemo giustare.

Toni. Ande a pian. Oe, deghe man a paron Vicenzo. VlCENZO. (Gran boni omeni che xe i pescaori!) (va in tartana)

Toni. Magari lo podessimo vende tutto a bordo el pesse, che (a) Schiavo. Saluto amichevole. (i) Quattro canestri di sogliole. (e) Quasi compare, (e/) Triglie, (e) Specie di ceffali grossi. (/) Con buon rispetto. (g) Ne abbiamo sei, grandi come il fondo di un barile, (/i) Avanti che lo dividiamo. (I) Neil’ed. Pasquali è stampato che xe, e nell’ed. Zaita ghe xe. [p. 28 modifica] Io venderia volenliera. Se andemo in man de sti bazariotti (a), no i vuol dar gnente; i vuol tutto per lori. Nualtri, poverazzi, andemo a rischiare la vita in mare, e sti marcanti col baretton de veludo (b) i se fa ricchi co le nostre fadighe.

Beppo. (Scende di tartana con due canestri) Oe, fradelo?

Toni. Coss’è, Beppe? Cossa vustu?

Beppo. Se ve contentessi, vorria mandar a donare sto cao de bar- boni (e) al Lustrissimo.

Toni. Per cossa mo ghe li vustu donare?

Beppo. No savè che l’ha da essere mio compare (J)?

Toni. Ben! mandegheli, se ti ghe li vuol mandare. Ma cossa cre- distu? Che in t’un bisogno che ti gh’avessi, el se moverave gnanca dalla cariega (e)? Col te vederà, el te metterà una man sulla spalla: Bravo, Beppe, te ringrazio, comandeme. Ma se ti ghe disi: Lustrissimo, me premeria sto servizio; noi s’arecorda più dei barboni: noi te gh’ha gnanca in mente; noi te co- gnosse più ne per compare, né per prossimo, ne per gnente a sto mondo.

Beppo. Cossa voleu che fazze? Per sta volta lasse che ghe li manda.

Toni. Mi no te digo che no ti li mandi.

Beppo. Chiò (/), Ménola (g). Porta sti barboni a sior cavaliere; dighe che ghe lo mando mi sto presente. ((7 putto parte)

SCENA VI.

Pasqua, Lucietta e detti.

Pasqua. Paron (A)! (a Toni)

Toni. Oh muggiere (i)! (a) Pescivendoli, (i) Berretta di velluto, che portano ordinariamente quelli che comprano il pesce per rivenderlo, a differenza de’ pescatori, che portano in capo un cappellaccio, o un berrettino di lana, (e) Questo canestro di triglie, (d) Intende, che deve essere testimonio, quando si mariterà; ed un tal testimonio a Chiozza e a Venezia si sceglie, si prega, e si chiama compare. (e) Dalla seggiola. (/) Prendi, (g) Soprannome di un garzon pescatore, ed è un pesce picciolo e poco stimato, (/i) Marito, (i) Moglie. [p. 29 modifica]


Lucietta. Fradelo! (a Toni)

Toni. Bondì, Lucietta.

Lucietta. Bondì, Beppe.

Beppo. Stastu ben, sorela?

Lucietta. Mi sì. E ti?

Beppo. Ben, ben. E vu, cugnà, steu ben?

Pasqua. Sì, fio. Ave fatto bon viazo? (a Toni)

Toni. Cossa parleu de viazo? Co semo in terra, no se recordemo più de quel che s’ha passao in mare. Co se pesca (a), se fa bon viazo, e co se chiappa (b), no se ghe pensa a rischiar la vita. Avemo porta del pesse, e semo aliegri, e semo tutti contenti.

Pasqua. Via, via, manco mal. Seu stai in porto?

Toni. Sì ben, semo stai a Senegaggia (e).

Lucietta. Oe, m’aveu porta gnente?

Toni. Sì, t’ho porta do (d) pera de calze sguarde (e) e un fazzoletto da collo.

Lucietta. Oh! caro el mio caro fradelo; el me voi ben mio fradelo.

Pasqua. E a mi, sior, m’aveu porta gnente?

Toni. Anca a vu v’ho portao da farve un cottolo e una vestina (/).

Pasqua. De cossa?

Toni. Vedere.

Pasqua. Mo de cossa?

Toni. Vedere, ve digo, vedere.

Lucietta. E ti, m’astu porta gnente? (a Beppo)

Beppo. Vara chiòe (’)! Cossa vustu che mi te porte? Mi ho compra r anelo per la mia novizza (g).

Lucietta. Xelo bello?

Beppo. Velo qua eh! Varda (/i). (le mostra l’anello)

Lucietta. Oh co bello che el xe! Per culìa (f) sto anelo?

Beppo. Per cossa mo ghe distu culìa? (a) Qui intende, quando si trova molto pesce, (b) Quando risplende, (e) Sinigaglia. (</) Due. (e) Rosse. (/) Una gonnella e un giubboncino. ig) Per la mia sposa. (A) Guarda, (r) Colei. (1) In luogo di ciò eh. [p. 30 modifica]


Lucietta. Se ti savessi cossa che la n’ha fatto! Domandighe alla cugnà: quella frascona (a) de Orsetta, e quali’altra scagaz- zera (6) de Checca, comuodo che le n’ha strapazzao. Oh! cossa che le n’ha dito!

Pasqua. E donna Libera n’ala dito puoco? Ne podevela mal- menare più de quello che la n’ha malmenao?

Toni. Coss’è? Coss’è sta?

Beppo. Cossa xe successo?

Lancietta. Gnente. Lengue cattive. Lengue da tenaggiare.

Pasqua. Semo là sulla porta che laoremo col nostro balon...

Lucietta. Nu no se n’impazzemo...

Pasqua. Se savessi! Causa quel baron de Toffolo Marmottina.

Lucietta. Le gh’ha zelusia de quel bel suggetto.

Beppo. Cossa! Le ha parla co Tofifolo Marmottina?

Lucietta. Se ve piase.

Toni. O via, no vegnì adesso a metter suso sto putto, e a far nassere delle custion.

Lucietta. Uh se savessè (e)!

Pasqua. Tasi, tasi, Lucietta, che debotto torremo de mezo nu.

Beppo. Con chi parlavelo Marmottina?

Lucietta. Con tutte.

Beppo. Anca con Orsetta?

Lucietta. Me par de sì.

Beppo. Sangue de diana!

Toni. Oh via, fenimola, che no voggio sussuri.

Beppo. No, Orsetta no la voggio altro; e Marmottina, corpo de una balena, el me l’ha da pagare.

Toni. Anemo, andemo a casa.

Lucietta. Titta Nane dove xelo?

Toni. El xe in tartana. (con sdegno)

Lucietta. Almanco lo vorria saludare.

Toni. Andemo a casa, ve digo.

Lucietta. Via, che pressa gh’aveu?

Toni. Podevi far de manco de vegnire qua a sussurare. (a) Ragazzaccia. (A) Impertinente, (e) Se sapeste. [p. 31 modifica]


Lucietta. Vedeu, cugnà? Avevimo dito de no parlare.

Pasqua. E chi xe stada la prima a schittare (a)?

Lucietta. Oh! mi coss’oggio dito?

Pasqua. E mi coss’oggio parla?

Beppo. Ave dito tanto, che se fusse qua Orsetta, ghe daria un schiaffazzo in tei muso. Da culìa no voi altro. Voggio vender r anelo.

Lucietta. Dàmelo a mi, dàmelo.

Beppo. E1 diavolo che ve porta.

Lucietta. Oh che bestia!

Toni. To danno, ti meriti pezo. A casa, te digo. Subito a casa.

Lucietta. Vare che sesti! Cossa songio? La vostra massera (0?) Sì, sì, no v’indubitè, che co vu no ghe voggio stare. Co vedere Titta Nane, ghe lo dirò. O che el me sposa subito, o per diana de dia, voggio andar più tosto a servire. (parte)

Pasqua. Mo gh’avè dei grem tiri da matto.

Toni. Voleu ziogar che debotto... (fa mostra di colerle dare)

Pasqua. Mo che omeni! Mo che omeni malignazi! (parte)

Toni. Mo che donne; mo che donne da pestare co fa i granzi (i) per andare a pescare. (parte)

SCENA VII.

Fortunato, Titta Nane, Vicenzo che scendono dalla tartana con uomini carichi di canestri.


Titta Nane. Cossa diavolo xe sta quel sussuro?

Vicenzo. Gnente, fradelo, no saveu? Donna Pasqua Fersora la xe una donna che sempre cria.

Titta Nane. Con chi criàvela?

Vicenzo. Con so mario.

Titta Nane. Lucietta ghe gierela? (a) Cicalare, (i) Vedi la nota alla pagina 19, letterina (g). (I) Serva di casa. [p. 32 modifica] VlCENZO. Me par de sì, che la ghe fusse anca eia.

Titta Nane. Sia maledìo! Giera là sotto prova a stivare el pesse: no ho gnanca podesto vegnire in terra. VlCENZO. Oh che caro Titta Nane! Aveu paura de no vederla la vostra novizza?

Titta Nane. Se savessi! Muoro de voggia.

Fortunato. Parò Izenzo. (parla presto, e chiama paron Vicenza) VlCENZO. Coss’è, paron Fortunato?

Fortunato. Questo xe otto (a) pesse. Quato (i) cai foggi, do ceii baboni, sie, sie, sie boseghe, e un cao baccole (e). VlCENZO. Cossa?

Fortunato. E un cao baccole. VlCENZO. No v’intendo miga.

Fortunato. No intende? Quattro cai de sfoggi, do cai de bar- boni, sie boseghe, e un cao de baracole. VlCENZO. (El parla in t’una certa maniera...).

Fortunato. Mandè a casa e pesse, vegniò pò mi a toC) i bezzi. VlCENZO. Missier sì, co volè i vostri bezzi, vegnì, che i sarà parecchiai.

Fortunato. Na pesa abacco. VlCENZO. Come?

Fortunato. Tabacco, tabacco. VlCENZO. Ho capìo. Volentiera. (gli dà tabacco)

Fortunato. Ho perso a scattoa in mare, e in tartana gh’è puo- chi e to tabacco. A Senegaggia e n’ho comprao un puoco; ma no xe e nostro da Chioza. Tabacco, tabacco de Sene- gaggia, e tabacco, e pare balini chioppo (2). VlCENZO. Compatime, paron Fortunato, mi no v’intendo una ma- ledetta.

Fortunato. Oh bella, bella, bella! no intende? Bella! no parlo mia foeto (3), parlo chiozzotto, parlo. (a) Il vostro, (h) Quattro, (e) Baracole. Pesce più picciolo della razza, ma della stessa specie. (1) Verrò poi io a prendere ecc. (2) Sembrano pallini da schioppo. (3) Foresto. [p. 33 modifica] VlCENZO. Ho capìo. A revederse, paron Fortunato.

Fortunato. Sioìa, paò Izenzo. VlCENZO. Schiavo, Titta Nane.

Titta Nane. Paron, ve saludo. VlCENZO. Putti, andemo. Porte quel pesse con mi. (Mo caro quel) paron Fortunato! El parla che el consola). (parte)

SCENA VIII.

Fortunato e Titta Nane.


Titta Nane. Voleu che andemo, paron Fortunato?

Fortunato. Petè(a).

Titta Nane. Cossa voleu che aspettemo?

Fortunato. Petè.

Titta Nane. Petè, petè, cossa ghe xe da aspettare?

Fortunato. I ha a potare i terra de atro pesse, e de a faìna (1). Petè.

Titta Nane. Petémo. (caricandolo)

Fortunato. Coss’è to bulare? Coss’è to ciare, coss’è to zigare?

Titta Nane. Oh! tasè, paron Fortunato. Xe qua vostra muggiere co so sorela Orsetta e co so sorela Checchina.

Fortunato. Oh oh, mia muggiere, mia muggiere! (con allegria)

SCENA IX.

Libera, Orsetta, Checca e detti.

Libera. Paron, cossa feu che no vegnì a casa? (a Fortunato)

Fortunato. Apetto e pesse, apetto. Ossa fatu(2), muggiere? Tatù ben (3), muggiere?

Libera. Stago ben, fio; e vu steu ben? (a) Intende di dir aspettò. „(’.) ’-’^’’°"° portare a terra, scaricare, dell’altro pesce e della farina. (2) Cosa fai ecc.? (3) Stai bene ecc.? [p. 34 modifica]


Fortunato. Tago ben, tago. Cugnà, saudo; saudo, Checca, saudo. (saluta)

Orsetta. Sioria, cugnà.

Checca. Cugnà, bondì sioria.

Orsetta. Sior Titta Nane, gnanca?

Titta Nane. Patrone.

Checca. Stè molto alla larga, sior. Cossa gh’aveu paura? Che Lucietta ve diga robaO?

Titta Nane. Cossa fala Lucietta? Stala ben?

Orsetta. Eh! la sta ben sì, quella cara zoggia.

Titta Nane. Coss’è, no sé più amighe?

Orsetta. Oh! e come che semo amighe. (ironico)

Checca. La ne voi tanto ben! (con ironia)

Libera. Via, putte, tasè. Avemo dona tutto (2); avemo dito de no parlare, e no veggio che la possa dire de madesì, e de qua, de là (a), che vegnimo a pettegolare.

Fortunato. Oe, muggiere, ho portao de a faìna da sottovento, de a faìna e sogo tucco (i), e faemo a poenta (e), faemo.

Libera. Bravo! ave porta della farina de sorgo turco? Gh’ho ben a caro dasseno.

Fortunato. E ho portao...

Titta Nane. Vorave che me disessi... (a Libera)

Fortunato. Lasse parlare i omeni, lasse parlare, (a Titta Nane)

Libera. Caro vu, quieteve un pochetfo. (a Fortunato)

Titta Nane. Vorave che me disessi cossa ghe xe sta con Lucietta.

Libera. Gnente. (con malizia)

Titta Nane. Gnente?

Orsetta. Gnente, via, gnente. (urtando Libera)

Checca. Xe meggio cussi, gnente. (urtando Orsetto)

Fortunato. Oe putti, potè in terra e sacco faìna, (verso la tartana) (a) De ma de s), e de qua, de là. Frase stravagantissima, e significa che non possano dire di noi che abbiamo parlato. (b) Grano di Turchia, (e) Della farina di questo grano, o granone, si fa la polenta. (I) Dir roba, dir villanie: v. Boerio. (2) Donar, qui significa porte in dimenti- canza: V. Boerio. [p. 35 modifica]


Titta Nane. Mo via, care creature, se gh’è sta qualcossa, diselo. Mi no voggio che siè nemighe. So che vualtre sé bona zente. So che anca Lucietta la xe una perla.

Libera. Oh caro!

Orsetta. Oh che perla!

Checca. Oh co palicaria (a)!

Titta Nane. Cossa podeu dir de quella putta?

Orsetta. Gnente.

Checca. Domandeghelo a Marmottina.

Titta Nane. Chi elo sto Marmottina?

Libera. Mo via, putte, tasè. Cossa diavolo gh’aveu che no ve podè tasentare (é)?

Titta Nane. E chi elo sto Marmottina?

Orsetta. No lo cognossè Toffolo Marmottina?

Checca. Quel battelante, no lo cognossè? (scendono di tartana col pesce e un sacco.)

Fortunato. Andemo, andemo, el pesse e a faìna, (a Titta Nane)

Titta Nane. Eh, sia maledetto! (a Fortunato) Cossa gh’ìntrelo con Lucietta?

Checca. El se ghe senta darente(l).

Orsetta. El voi imparar a laorare a mazzette.

Checca. El ghe paga la zucca barucca.

Libera. E pò sto baron, per causa soa el ne strapazza.

Titta Nane. Mo, me la disè ben grandonazza!

Fortunato. A casa, a casa, a casa. (alle donne)

Libera. Oe, el n’ha manazzà fina (e). (a Titta Nane)

Checca. El m’ha dito puinetta.

Orsetta. Tutto per causa della vostra perla.

Titta Nane. Dov’elo? dove stalo? dove zirelo? dove lo pode- ravio trovare? (affannoso)

Orsetta. Oe, el sta de casa in calle della Corona, sotto el sot- toportego in fondi per sboccar in canale. (a) Preziosa. (b) Che non potete tacere? (a) Ehi! ci ha fino mi- nacciato. (1) Si siede vicino. [p. 36 modifica]


Libera. E1 sta in casa co bara Trigolo (a).

Checca. E el battalo el lo gh’ha in rio (i) de Palazzo (e), in fazza alla pescarla, arente al battelo de Checco Bodolo.

Titta Nane. A mi; lasse far a mi: se lo trovo, lo taggio in fette co fa l’asiao (d).

Checca. Eh! se lo volè trovare, lo troverè da Lucietta.

Titta Nane. Da Lucietta?

Orsetta. Sì, dalla vostra novizza.

Titta Nane. No, no la xe più la mia novizza. La voggio lassare, la voggio impiantare; e quel galiotto de Marmottina, sangue de diana, che lo voggio scannare. (parte)

Fortunato. Anemo, a casa ve digo; andemo a casa, andemo.

Libera. Sì, andemo, burattaora (e), andemo.

Fortunato. Cossa seu egnue a dire? Cossa seu egnue a fare? Cossa seu egnue a legolare (/)? A fare precipitare, a fare? Mae e diana! Se nasse gnente, gnente se nasse, e oggio maccare el muso, e oggio maccare, e oggio fae stae in letto, e oggio: in letto, in letto, maleettonazze, in letto. (parte)

Libera. Tolè suso (g)! Anca mio mario me manazza (h). Per causa de vualtre pettazze (/’), me tocca sempre a tiore de mezzo a mi, me tocca. Mo cossa diavolo seu? Mo che lengua ghaveu? Ave promesso de no parlare, e pò vegnì a dire, e pò vegnì a fare. Mare de troccolo, che me volè far desperare, (parte)

Orsetta. Sentistu?

Checca. Oe! cossa gh’astu paura?

Orsetta. Mi? gnente.

Checca. Se Lucietta perderà el novizzo, so danno.

Orsetta. Mi lo gh’ho intanto.

Checca. E mi me lo saverò trovare.

Orsetta. Oh che spasemi!

Checca. Oh che travaggi! (a) Soprannome supposto. (b) Canale interno della città, (e) S’intende il palazzo del pubblico Rappresentante. (J) Sorta di pesce. (e) Che parla presto, come la ruota del frullone, che in veneziano si dice buratta. (/) A pettegoleggiare, (g) Ecco qui. (h) Mi minaccia. (/) Ragazzaccie, imprudenti. [p. 37 modifica]


Orsetta. Gnanca in mente!

Checca. Gnanca in ti busi del nasoO! (partono)

SCENA X.

Strada con case, come nella prima scena.

Toffolo, poi Beppo.

Toffolo. Sì ben, ho fatto male; ho fatto male, ho fatto male. Co Lucietta no me ne doveva impazzare. La xe novizza; co eia no me n’ho da impazzare. Checca xe ancora donzella: un de sti zorni i la metterà in donzelon, e co eia posso fare r amore. La se n’ha avuo per male. La gh’ha rason, se la se n’ha avuo per male. Xe segno che la me voi ben, xe segno. Se la podesse vede almanco! Se ghe podesse un puoco parlare, la voria pasentare (a). Xe vegnìi paron Fortunato: sì ben che no la gh’ha el donzelon, ghe la poderia domandare. La porta xe serrada; no so se i ghe sia in casa, o se no i ghe sia in casa. (si accosta alla casa)

Beppo. Velo qua quel furbazzo! (uscendo dalla sua casa)

Toffolo. Se podesse, vorave un puoco spionare. (si accosta di più)

Beppo. Olà! olà! sior Marmottina.

Toffolo. Coss’è sto Marmottina?

Beppo. Cavete(è).

Toffolo. Vara, chiòe! Cavete! Coss’è sto cavete?

Beppo. Vustu ziogare che le dago tante peae (e), quante che ti ghe ne può portare?

Toffolo. Che impazzo (J) ve daghio?

Beppo. Cossa fastu qua?

Toffolo. Pazzo quel che voggio, fazzo.

Beppo. E mi qua no voggio che ti ghe staghe. (a) La vorrei pacificare. (è) Levati di qui. (e) Colei. (d) Che fa- stidio vi do? (1) « Maniera plebea che dicesi per disprezzo d’alcuno, e vale non lo stimo un cavolo; non lo curo ecc. ^: Boerio, Dizionario cit. [p. 38 modifica]


Toffolo. E mi che voggio mo stare. Ghe veggio stare, ghe veggio.

Beppo. Va via, te digo.

Toffolo. Made(a).

Beppo. Va via, che te dago una sberla (b).

Toffolo. Mare de diana, ve trarò una pierada. (raccoglie delle pietre)

Beppo. A mi, galiotto? (mette mano a un coltello)

Toffolo. Lasseme star, lasseme.

Beppo. Cavete, te digo.

Toffolo. No me voggio cavare gnente, no me voggio cavare.

Beppo. Va via, che te sbuso (e).

Toffolo. Sta da lonzi (d), che te spacco la testa. (con un sasso)

Beppo. Tìreme, se ti gh’ha cuor. 1 OFFOLO. (Tira dei sassi, e Beppo tenta cacciarsi sotto.)

SCENA XI.

Paron ToNI esce di casa, poi rientra, e subito torna a sortire; poi Pasqua e Lucietta.


Toni. Cossa xe sta cagnara (e)?

Toffolo. (Tira un sasso a paron Toni.)

Toni. Agiuto; i m’ha dà una pierà. Aspetta, galiotto, che voi che ti me la paghe. (entra in casa)

Toffolo. Mi no fazzo gnente a nissun, no fazzo. Cossa me vegniu a insolentare? (prendendo sassi)

Beppo. Metti zo quelle piere.

Toffolo. Metti via quel cortello.

Toni. Via, che te taggio a tocchi. (sorte con un pistoiese)

Pasqua. Paron, fermeve. (trattenendo paron Toni)

Lucietta. Fradei, fermeve. (trattenendo paron Toni)

Beppo. Lo volemo mazzare.

Lucietta. Via, strambazzo (/), fermete. (trattiene Beppo) (a) No. (b) Uno schiaffo, (e) Che ti do una ferita. (d) Sta lontano, (e) Sussurro. (/) Imprudente, precipitoso. [p. 39 modifica]


Toffolo. Stè in drio (’), che ve coppo. (minacciando con sassi)

Lucietta. Zente! (gridando)

Pasqua. Creature! (gridando)

SCENA XII.

Paron FORTUNATO, Libera, Orsetta, CheCCA. Uomini che portano pesce e farina, ed i suddetti.


Fortunato. Com’ela? Com’ela? Forti, forti, cotn’ela?

Orsetta. Oe! custion (2).

Checca. Custion? poveretta mi! (corre in casa)

Libera. Inspiritai, fermeve.

Beppo. Per causa vostra. (alle donne)

Orsetta. Chi? cossa?

Libera. Me maraveggio de sto parlare.

Lucietta. Sì, sì, vualtre tegnì tenzon (a).

Pasqua. Sì, sì, vualtre sé zente da precipitare.

Orsetta. Sentì che sproposita!

Libera. Sentì che lengue!

Beppo. Ve lo mazzero sulla porta.

Orsetta. Chi?

Beppo. Quel furbazzo de Marmottina.

Toffolo. Via, che mi no son Marmottina. (tira de’ sassi)

Pasqua. Paron, in casa. (spingendo Toni)

Lucietta. In casa, fradelo, in casa. (spingendo Beppo)

Toni. Stè ferma.

Pasqua. In casa, ve digo, in casa. (lo fa entrare in casa con lei)

Beppo. Lasseme stare. (a Lucietla) Lucietta Va drento, te digo, matto; va drento. (lo fa entrare con lei. Serrano la porta)

Toffolo. Baroni, sassini, vegnì fuora se gh’ave coraggio. (a) Tenete mano. (I) Indietro. (2) Contesa, lite: Boerìo: [p. 40 modifica]


Orsetta. Va in malora. (a Toffolo)

Libera. Vatte a far squartare. (/o spinge eia)

Toffolo. Coss’è sto spenzere? Cossa xe sto parlare?

Fortunato. Va ia, va ia, che debotto, se te metto e ma (0 a) torno, te fazzo egnì fuora e buelle pe a bocca.

Toffolo. Ve porto respetto, ve porto, perchè sé vecchio, e perchè se cugnà de Checchina. Ma sti baroni, sti cani, sangue de diana, me l’ha da pagare. (verso la porta di Toni)

SCENA XIII.

Titta Nane con pistoiese, e detti.

Titta Nane. Vardete, che te sbuso. (corìtro Toffolo, battendo il pistoiese per terra.)

Toffolo. Agiuto! (si tira alla porta)

Fortunato. Saldi. Femève. (lo ferma)

Libera. No fé (a)!

Orsetta. Tegnilo.

Titta Nane. Lassème andare, lassème. (si sforza contro Toffolo)

Toffolo. Agiuto I (dà nella porta che si apre, e cade dentro)

Fortunato. Titta Nane, Titta Nane, Titta Nane. (tenendolo e tirandolo)

Libera. Menèlo in casa, menèlo. (a Fortunato)

Titta Nane. No ghe voggio vegnire. (sforzandosi)

Fortunato. Ti gh’ha ben da egnire. (lo tira in casa per forza)

Libera. Oh che tremazzo!

Orsetta. Oh che batticuore!

Pasqua. (Cacciando di casa Toffolo) Va via de qua.

Lucietta. (Cacciando Toffolo) Va in malora.

Pasqua. Scarcavallo (i). (via) (a) Non fate. (b) Precipizio. (1) Le mani. [p. 41 modifica]


Lucietta. Scavezzacollo. (via, e serra la porta)

Toffolo. Cossa diseu, creature? (a Libera e Orsetto 0)

Libera. To danno. (vìa)

Orsetta. Magari pezo. (via)

Toffolo. Sangue de diana, che li voi querelare (a). (parte) Fine dell’Atto Primo. (a) Intende voler andare al Criminale a dar una querela contro quelli che r hanno offeso, o insultato: solita vendetta di quel popolo minuto. (1) Nelle edizioni Pasquali, Zatla e in moltissime altre del settecento e dell’ottocento aggiungesi qui il nome di Checca, ma Checca è corsa in casa fin dal principio della scena precedente.

[p. 42 modifica]