Apri il menu principale

Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/37



Lucietta. Fradelo! (a Toni)

Toni. Bondì, Lucietta.

Lucietta. Bondì, Beppe.

Beppo. Stastu ben, sorela?

Lucietta. Mi sì. E ti?

Beppo. Ben, ben. E vu, cugnà, steu ben?

Pasqua. Sì, fio. Ave fatto bon viazo? (a Toni)

Toni. Cossa parleu de viazo? Co semo in terra, no se recordemo più de quel che s’ha passao in mare. Co se pesca (a), se fa bon viazo, e co se chiappa (b), no se ghe pensa a rischiar la vita. Avemo porta del pesse, e semo aliegri, e semo tutti contenti.

Pasqua. Via, via, manco mal. Seu stai in porto?

Toni. Sì ben, semo stai a Senegaggia (e).

Lucietta. Oe, m’aveu porta gnente?

Toni. Sì, t’ho porta do (d) pera de calze sguarde (e) e un fazzoletto da collo.

Lucietta. Oh! caro el mio caro fradelo; el me voi ben mio fradelo.

Pasqua. E a mi, sior, m’aveu porta gnente?

Toni. Anca a vu v’ho portao da farve un cottolo e una vestina (/).

Pasqua. De cossa?

Toni. Vedere.

Pasqua. Mo de cossa?

Toni. Vedere, ve digo, vedere.

Lucietta. E ti, m’astu porta gnente? (a Beppo)

Beppo. Vara chiòe (’)! Cossa vustu che mi te porte? Mi ho compra r anelo per la mia novizza (g).

Lucietta. Xelo bello?

Beppo. Velo qua eh! Varda (/i). (le mostra l’anello)

Lucietta. Oh co bello che el xe! Per culìa (f) sto anelo?

Beppo. Per cossa mo ghe distu culìa? (a) Qui intende, quando si trova molto pesce, (b) Quando risplende, (e) Sinigaglia. (</) Due. (e) Rosse. (/) Una gonnella e un giubboncino. ig) Per la mia sposa. (A) Guarda, (r) Colei. (1) In luogo di ciò eh.