Apri il menu principale

Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/30



Toffolo. (Mio santolo (a) me voi metter suso peota (b), e co son a traghetto (e), anca mi me voi mandare).

Checca. (Dasseno?)

Toffolo. (Ma vu ave dito che no ve degne).

Checca. (Oh! ho dito della zucca, no ho miga dito de vu).

Libera. Oe, oe, digo: cossa xe sti parlari?

Toffolo. Vare? vardo a laorare.

Libera. Ande via de là, ve digo.

Toffolo. Cossa ve fazzio? Tolè; anderò via. (si scosta, e va bel bello) dall’altra parte.

Checca. (Sia malignazo!)

Orsetta. (Mo via, cara sorella, se el la volesse, savè che putto) che el xe: no ghe la voressi dare?)

Lucietta. (Cossa diseu, cugnà? La se mette suso a bonora (d)).

Pasqua. (Se ti savessi che rabbia che la me fa!) (a Ludetta)

Lucietta. (Vare che fusto! (e) Viva cocchietto! (/) la voggio far desperare). (da sé)

Toffolo. Sfadigheve a pian, donna Pasqua.

Pasqua. Oh! no me sfadigo, no, fio: no vede che mazzette grosse? El xe merlo da diese soldi.

Toffolo. E vu, Lucietta?

Lucietta. Oh! el mio xe da trenta.

Toffolo. E co bello che el xe!

Lucietta. Ve piaselo?

Toffolo. Mo CO pulito! Mo cari quei deolini (g).

Lucietta. Vegnì qua; sentève.

Toffolo. (Oh! qua son più alla bonazza (A)). (siede)

Checca. (Oe! cossa diseu?) (a Orsetto, facendole osservare Toffolo) vicino a Lucietta.

Orsetta. (Lassa che i fazza, no te n’impazzare). (a Checca)

Toffolo. (Se starò qua, me bastonerali?) (a Lucietta) (a) Patrino. (i) Barca coperta da condur passeggieri. (c\ Luogo dove si) trovano simili barche, (d) Comincia per tempo ad aver delle pretensioni, (e) Guardate che malagrazia! (/) Altra esclamazione, (g) Dita graziose, (/i) Qui sto meglio.