Apri il menu principale

Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/35



!»• SCENA V. Veduta del canale con varie barche pescareccie, fra le quali la tartana di paron Toni. Paron FORTUNATO, Beppo, TlTTA NaNE e altri uomini nella tartana, e paron ToNI in terra, poi paron VlCENZO.

Toni. Via, da bravi, a bel bello, mette in terra quel pesse. VlCENZO. Ben vegnuo, paron Toni.

Toni. Schiao (a), paron Vicenzo. VlCENZO. Com’eia andada?

Toni. Eh! no se podemo descontentare. VlCENZO. Cossa gh’aveu in tartana?

Toni. Gh’avemo un puoco de tutto, gh’avemo. VlCENZO. Me dareu quattro cai (i) de sfoggi?

Toni. Pare ((), sì. VlCENZO. Me dareu quattro cai de barboni (</)?

Toni. Pare, sì. VlCENZO. Bòseghe (e) ghe n’aveu?

Toni. Mare de diana! ghe n’avemo de cussi grande, che le pare, co buò respetto (/), lengue de manzo, le pare. VlCENZO. E rombi?

Toni. Ghe n’aemo siè, ghe n’aemo, co è el fondi d’una barila (g). VlCENZO. Se porlo veder sto pesse?

Toni. Ande in tartana, che ghe xe (0 paron Fortunato; avanti che) lo spartimo (h), fèvelo mostrare. VlCENZO. Anderò a vede se se podemo giustare.

Toni. Ande a pian. Oe, deghe man a paron Vicenzo. VlCENZO. (Gran boni omeni che xe i pescaori!) (va in tartana)

Toni. Magari lo podessimo vende tutto a bordo el pesse, che (a) Schiavo. Saluto amichevole. (i) Quattro canestri di sogliole. (e) Quasi compare, (e/) Triglie, (e) Specie di ceffali grossi. (/) Con buon rispetto. (g) Ne abbiamo sei, grandi come il fondo di un barile, (/i) Avanti che lo dividiamo. (I) Neil’ed. Pasquali è stampato che xe, e nell’ed. Zaita ghe xe.