Apri il menu principale

Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/43



Titta Nane. Mo via, care creature, se gh’è sta qualcossa, diselo. Mi no voggio che siè nemighe. So che vualtre sé bona zente. So che anca Lucietta la xe una perla.

Libera. Oh caro!

Orsetta. Oh che perla!

Checca. Oh co palicaria (a)!

Titta Nane. Cossa podeu dir de quella putta?

Orsetta. Gnente.

Checca. Domandeghelo a Marmottina.

Titta Nane. Chi elo sto Marmottina?

Libera. Mo via, putte, tasè. Cossa diavolo gh’aveu che no ve podè tasentare (é)?

Titta Nane. E chi elo sto Marmottina?

Orsetta. No lo cognossè Toffolo Marmottina?

Checca. Quel battelante, no lo cognossè? (scendono di tartana col pesce e un sacco.)

Fortunato. Andemo, andemo, el pesse e a faìna, (a Titta Nane)

Titta Nane. Eh, sia maledetto! (a Fortunato) Cossa gh’ìntrelo con Lucietta?

Checca. El se ghe senta darente(l).

Orsetta. El voi imparar a laorare a mazzette.

Checca. El ghe paga la zucca barucca.

Libera. E pò sto baron, per causa soa el ne strapazza.

Titta Nane. Mo, me la disè ben grandonazza!

Fortunato. A casa, a casa, a casa. (alle donne)

Libera. Oe, el n’ha manazzà fina (e). (a Titta Nane)

Checca. El m’ha dito puinetta.

Orsetta. Tutto per causa della vostra perla.

Titta Nane. Dov’elo? dove stalo? dove zirelo? dove lo pode- ravio trovare? (affannoso)

Orsetta. Oe, el sta de casa in calle della Corona, sotto el sot- toportego in fondi per sboccar in canale. (a) Preziosa. (b) Che non potete tacere? (a) Ehi! ci ha fino mi- nacciato. (1) Si siede vicino.