Apri il menu principale

Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/31



Lucietta. (Oh che matto!) (a Toffolo)

Orsetta. (Cossa diseu?) (a Libera, accennando Lucietta)

Toffolo. Donna Pasqua, voleu tabacco?

Pasqua. Xelo bon?

Toffolo. E1 xe de quello de Malamocco (a).

Pasqua. Damene una presa.

Toffolo. Volentiera.

Checca. (Se Titta Nane lo sa, poveretta eia). (</a sé)

Toffolo. E vu, Lucietta, ghe ne voleu?

Lucietta. (De qua, sì ben (b). Per far despetto a culìa). (accenna Checca)

Toffolo. (Mo che occhi baroni (e)!) (a Lucielia)

Lucietta. (Oh giusto! No i xe miga quelli de Checca). (a Toffolo)

Toffolo. (Chi? Checca? gnanca in mente (e/)). (a Lucietta)

Lucietta. (Vare, co bella che la xe!) (a Toffolo, accennando Checca,) con derisione.

Toffolo. (Vara chiòe (e)!) (a Lucietta)

Checca. (Anca sì che i parla de mi). (da sé)

Lucietta. (No la ve piase?) (a Toffolo)

Toffolo. (Made (/)). (a Lucietta)

Lucietta. (1 ghe dise puinetta (g)). (a Toffolo, sorridendo)

Toffolo. (Puinetta i ghe dise?) (a Lucietta, sorridendo e guardando)

Checca.

Checca. Oe, digo; no so miga orba, vare. La voleu fenire? (forte verso Toffolo e Lucietta)

Toffolo. Puina fresca, puina (A), (forte, imitando quelli che vendono) la puina, cioè la ricotta.

Checca. Cossa xe sto parlare? Cossa xe sto puinare (i)? (s’alza)

Orsetta. No te n’impazzare. (a Checca, e s’alza) (a) Picciola città eintica, non lontana da Chiozza, dove in quel tempo si vendeva del buon tabacco, (è) Lo stesso che si. (e) Occhi furbi, (d) Non ci penso nemmeno, (e) Esclamazione negativa e di disprezzo. (/) Vuol dir no, come l’antico toscano Mai no. (g) Ricottina. (h) Imita quelli che ven- dono la ricotta. (/) Verbo immaginato a piacere; come se dicesse ricottare, per dire: che maniera è questa? A me ricottina?