Apri il menu principale

Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/27



Pasqua. Sì, no lo sastu che el xe in tartana col mio paron (a) e co Beppe (1) so f radalo?

Checca. No ghe xe anca Titta Nane co lori?

Lucietta. Si ben: cossa voressistu dir? Cossa pretenderavistu da Titta Nane? (a Checca)

Checca. Mi? gnente.

Lucietta. No ti sa che xe do anni che mi ghe parlo (2)? E che col vien in terra, el m’ha promesso de darme el segno?

Checca. (Malignaza culìa! La i voi tutti per eia!)

Orsetta. Via, via, Lucietta, no star a bacilare (i). Avanti che Checca mia sorella se maride, m’ho da mandare mi, m’ho da mandare (e). Co vegnirà in terra Beppe to hadelo, el me sposerà mi, e se Titta Nane vorrà, ti te poderà sposare anca ti. Per mia so- rela, gh’è tempo.

Checca. Oh! vu, siora, no voressi mai che me maridasse. (a Orsetta)

Libera. Tasi là; tendi al to laoriere.

Checca. Se fusse viva mia donna mare (J)...

Libera. Tasi, che te trago el balon in coste (e).

Checca. (Si, sì, me voggio maridare, se credesse de aver da tiore) un de quei squartai (/) che va a granzi (g)).

SCENA li.

Toffolo e suddette, poi CANOCCHIA.

Lucietta. Oe, bondì, Toffolo. (a) El mio paron, o patron, qui vuol dir mio marito. (i) Non ci pensare, (e) Questa ripetizione viziosa è comune al popolo basso. (^) Le genti basse dicono al padre: Missier pare; ed alla madre: Dona mare, (e) Il coscino nelle costole. Si direbbe in toscano: Taci, che ti getto questo coscino in faccia. U) Qui significa birbanti, oziosi, miserabili. (g) In quelle paludi vi è una quemtità prodigiosa di granchi, che non sono buoni a mangiare; ma li pren- dono e li pestano, e ne fcmno esca per pigliare i pesci. Andare a granchi s intende di que’ miserabili che vanno a raccogliere di tali granchi, eh è il più vile ed il più povero de’ mestieri. (I) Qui e altrove è stampato Beppe. Il Goldoni, come anche il popolo, usa in questa commedia le due forme: ora Beppe e ora Beppo. (2) Che amoreggio con lui?