Apri il menu principale

Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/44



Libera. E1 sta in casa co bara Trigolo (a).

Checca. E el battalo el lo gh’ha in rio (i) de Palazzo (e), in fazza alla pescarla, arente al battelo de Checco Bodolo.

Titta Nane. A mi; lasse far a mi: se lo trovo, lo taggio in fette co fa l’asiao (d).

Checca. Eh! se lo volè trovare, lo troverè da Lucietta.

Titta Nane. Da Lucietta?

Orsetta. Sì, dalla vostra novizza.

Titta Nane. No, no la xe più la mia novizza. La voggio lassare, la voggio impiantare; e quel galiotto de Marmottina, sangue de diana, che lo voggio scannare. (parte)

Fortunato. Anemo, a casa ve digo; andemo a casa, andemo.

Libera. Sì, andemo, burattaora (e), andemo.

Fortunato. Cossa seu egnue a dire? Cossa seu egnue a fare? Cossa seu egnue a legolare (/)? A fare precipitare, a fare? Mae e diana! Se nasse gnente, gnente se nasse, e oggio maccare el muso, e oggio maccare, e oggio fae stae in letto, e oggio: in letto, in letto, maleettonazze, in letto. (parte)

Libera. Tolè suso (g)! Anca mio mario me manazza (h). Per causa de vualtre pettazze (/’), me tocca sempre a tiore de mezzo a mi, me tocca. Mo cossa diavolo seu? Mo che lengua ghaveu? Ave promesso de no parlare, e pò vegnì a dire, e pò vegnì a fare. Mare de troccolo, che me volè far desperare, (parte)

Orsetta. Sentistu?

Checca. Oe! cossa gh’astu paura?

Orsetta. Mi? gnente.

Checca. Se Lucietta perderà el novizzo, so danno.

Orsetta. Mi lo gh’ho intanto.

Checca. E mi me lo saverò trovare.

Orsetta. Oh che spasemi!

Checca. Oh che travaggi! (a) Soprannome supposto. (b) Canale interno della città, (e) S’intende il palazzo del pubblico Rappresentante. (J) Sorta di pesce. (e) Che parla presto, come la ruota del frullone, che in veneziano si dice buratta. (/) A pettegoleggiare, (g) Ecco qui. (h) Mi minaccia. (/) Ragazzaccie, imprudenti.