Apri il menu principale

Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/36



Io venderia volenliera. Se andemo in man de sti bazariotti (a), no i vuol dar gnente; i vuol tutto per lori. Nualtri, poverazzi, andemo a rischiare la vita in mare, e sti marcanti col baretton de veludo (b) i se fa ricchi co le nostre fadighe.

Beppo. (Scende di tartana con due canestri) Oe, fradelo?

Toni. Coss’è, Beppe? Cossa vustu?

Beppo. Se ve contentessi, vorria mandar a donare sto cao de bar- boni (e) al Lustrissimo.

Toni. Per cossa mo ghe li vustu donare?

Beppo. No savè che l’ha da essere mio compare (J)?

Toni. Ben! mandegheli, se ti ghe li vuol mandare. Ma cossa cre- distu? Che in t’un bisogno che ti gh’avessi, el se moverave gnanca dalla cariega (e)? Col te vederà, el te metterà una man sulla spalla: Bravo, Beppe, te ringrazio, comandeme. Ma se ti ghe disi: Lustrissimo, me premeria sto servizio; noi s’arecorda più dei barboni: noi te gh’ha gnanca in mente; noi te co- gnosse più ne per compare, né per prossimo, ne per gnente a sto mondo.

Beppo. Cossa voleu che fazze? Per sta volta lasse che ghe li manda.

Toni. Mi no te digo che no ti li mandi.

Beppo. Chiò (/), Ménola (g). Porta sti barboni a sior cavaliere; dighe che ghe lo mando mi sto presente. ((7 putto parte)

SCENA VI.

Pasqua, Lucietta e detti.

Pasqua. Paron (A)! (a Toni)

Toni. Oh muggiere (i)! (a) Pescivendoli, (i) Berretta di velluto, che portano ordinariamente quelli che comprano il pesce per rivenderlo, a differenza de’ pescatori, che portano in capo un cappellaccio, o un berrettino di lana, (e) Questo canestro di triglie, (d) Intende, che deve essere testimonio, quando si mariterà; ed un tal testimonio a Chiozza e a Venezia si sceglie, si prega, e si chiama compare. (e) Dalla seggiola. (/) Prendi, (g) Soprannome di un garzon pescatore, ed è un pesce picciolo e poco stimato, (/i) Marito, (i) Moglie.