Apri il menu principale

Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/38



Lucietta. Se ti savessi cossa che la n’ha fatto! Domandighe alla cugnà: quella frascona (a) de Orsetta, e quali’altra scagaz- zera (6) de Checca, comuodo che le n’ha strapazzao. Oh! cossa che le n’ha dito!

Pasqua. E donna Libera n’ala dito puoco? Ne podevela mal- menare più de quello che la n’ha malmenao?

Toni. Coss’è? Coss’è sta?

Beppo. Cossa xe successo?

Lancietta. Gnente. Lengue cattive. Lengue da tenaggiare.

Pasqua. Semo là sulla porta che laoremo col nostro balon...

Lucietta. Nu no se n’impazzemo...

Pasqua. Se savessi! Causa quel baron de Toffolo Marmottina.

Lucietta. Le gh’ha zelusia de quel bel suggetto.

Beppo. Cossa! Le ha parla co Tofifolo Marmottina?

Lucietta. Se ve piase.

Toni. O via, no vegnì adesso a metter suso sto putto, e a far nassere delle custion.

Lucietta. Uh se savessè (e)!

Pasqua. Tasi, tasi, Lucietta, che debotto torremo de mezo nu.

Beppo. Con chi parlavelo Marmottina?

Lucietta. Con tutte.

Beppo. Anca con Orsetta?

Lucietta. Me par de sì.

Beppo. Sangue de diana!

Toni. Oh via, fenimola, che no voggio sussuri.

Beppo. No, Orsetta no la voggio altro; e Marmottina, corpo de una balena, el me l’ha da pagare.

Toni. Anemo, andemo a casa.

Lucietta. Titta Nane dove xelo?

Toni. El xe in tartana. (con sdegno)

Lucietta. Almanco lo vorria saludare.

Toni. Andemo a casa, ve digo.

Lucietta. Via, che pressa gh’aveu?

Toni. Podevi far de manco de vegnire qua a sussurare. (a) Ragazzaccia. (A) Impertinente, (e) Se sapeste.