Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/45


LE BARUFFE CHIOZZOTTE 37

Orsetta. Gnanca in mente!

Checca. Gnanca in ti busi del naso1! (partono)

SCENA X.

Strada con case, come nella prima scena..

Toffolo, poi Beppo.

Toffolo. Sì ben, ho fatto male; ho fatto male, ho fatto male. Co Lucietta no me ne doveva impazzare. La xe novizza; co ela no me n’ho da impazzare. Checca xe ancora donzella: un de sti zorni i la metterà in donzelon, e co ela posso fare l’amore. La se n’ha avuo per male. La gh’ha rason, se la se n’ha avuo per male. Xe segno che la me vol ben, xe segno. Se la podesse vedè almanco! Se ghe podesse un puoco parlare, la voria pasentare2. Xe vegnù paron Fortunato: sì ben che no la gh’ha el donzelon, ghe la poderia domandare. La porta xe serrada; no so se i ghe sia in casa, o se no i ghe sia in casa. (si accosta alla casa)

Beppo. Velo qua quel furbazzo! (uscendo dalla sua casa)

Toffolo. Se podesse, vorave un puoco spionare. (si accosta di più)

Beppo. Olà! olà! sior Marmottina.

Toffolo. Coss’è sto Marmottina?

Beppo. Cavete3.

Toffolo. Vara, chiòe! Cavete! Coss’è sto cavete?

Beppo. Vustu ziogare che le dago tante peae 4, quante che ti ghe ne può portare?

Toffolo. Che impazzo5 ve daghio?

Beppo. Cossa fastu qua?

Toffolo. Pazzo quel che voggio, fazzo.

Beppo. E mi qua no voggio che ti ghe staghe.

  1. «Maniera plebea che dicesi per disprezzo d’alcuno, e vale non lo stimo un cavolo; non lo curo ecc.» : Boerio, Dizionario cit.
  2. La vorrei pacificare.
  3. Levati di qui.
  4. Colei.
  5. Che fastidio vi do?