Apri il menu principale

Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/39



Lucietta. Vedeu, cugnà? Avevimo dito de no parlare.

Pasqua. E chi xe stada la prima a schittare (a)?

Lucietta. Oh! mi coss’oggio dito?

Pasqua. E mi coss’oggio parla?

Beppo. Ave dito tanto, che se fusse qua Orsetta, ghe daria un schiaffazzo in tei muso. Da culìa no voi altro. Voggio vender r anelo.

Lucietta. Dàmelo a mi, dàmelo.

Beppo. E1 diavolo che ve porta.

Lucietta. Oh che bestia!

Toni. To danno, ti meriti pezo. A casa, te digo. Subito a casa.

Lucietta. Vare che sesti! Cossa songio? La vostra massera (0?) Sì, sì, no v’indubitè, che co vu no ghe voggio stare. Co vedere Titta Nane, ghe lo dirò. O che el me sposa subito, o per diana de dia, voggio andar più tosto a servire. (parte)

Pasqua. Mo gh’avè dei grem tiri da matto.

Toni. Voleu ziogar che debotto... (fa mostra di colerle dare)

Pasqua. Mo che omeni! Mo che omeni malignazi! (parte)

Toni. Mo che donne; mo che donne da pestare co fa i granzi (i) per andare a pescare. (parte)

SCENA VII.

Fortunato, Titta Nane, Vicenzo che scendono dalla tartana con uomini carichi di canestri.


Titta Nane. Cossa diavolo xe sta quel sussuro?

Vicenzo. Gnente, fradelo, no saveu? Donna Pasqua Fersora la xe una donna che sempre cria.

Titta Nane. Con chi criàvela?

Vicenzo. Con so mario.

Titta Nane. Lucietta ghe gierela? (a) Cicalare, (i) Vedi la nota alla pagina 19, letterina (g). (I) Serva di casa.