Il contrattempo/Atto III

Atto III

../Atto II ../Nota storica IncludiIntestazione 6 maggio 2020 100% Da definire

Atto II Nota storica

[p. 435 modifica]

ATTO TERZO
SCENA PRIMA.
Camera in casa di Pantalone.
Pantalone e Brighella.

Brighella. Caro sior Pantalon, la prego, agiutemo sto poveromo, e se se pol, no lo lassemo perir.

Pantalone. Da cossa deriva sta premura che gh’avè per sto sior Ottavio? Xelo vostro parente? Che interessi gh’aveu con élo?

Brighella. No l’è gnente del mio: interessi con lu no ghe n’ho; ma quel che me move a assisterlo, a agiutarlo, no l’è altro che amicizia, gratitudine e buon amor. A Napoli giera senza padron; el m’ha tegnù in casa soa tre mesi, el m’ha assistido in t’una malattia pericolosa, el m’ha dà bezzi per far el viazo [p. 436 modifica] e tornar in ti mi paesi; un fradello no podeva far più de quel che lu l’ha fatto per mi. Son poveromo, ma son galantomo. Me ricordo el ben che ho recevesto, e procuro, se posso, recompensarlo. Se le mie forze podesse, ghe daria mi da magnar. Ma son un povero servitor, gh’ho fameggia, e no lo posso agiutar. Procuro in qualche altra maniera de darghe stato, lo raccomando a tutti, e specialmente a sior Pantalon, che avendo vissere de pietà, e essendo inclinà per natura a far del ben, l’agiuterà, el soccorrerà sto povero forestier. Sior Pantalon farà col sior Ottavio quello che sior Ottavio ha fatto con mi, per quella rason che al mondo semo tutti fradelli, e se agiutemo un con l’altro, e chi gh’ha la fortuna de star meggio, gh’ha anca l’obbligo de far de più.

Pantalone. Caro Brighella, no so cossa dir. Savè se son inclinà a far del ben, co posso, e savè che impegno aveva tolto per st’omo; ma el xe un strambazzo. Nol gh’ha giudizio, nol gh’ha prudenza.

Brighella. Questo l’è el so difetto; el gh’ha poca prudenza. Per altro l’è de un ottimo cuor, incapace de una baronada, disinteressà, virtuoso, e capace de tutto.

Pantalone. Gnente, caro vu, co nol gh’ha prudenza, nol farà gnente. Vardè che pezzo de matto, andar per spasso a tirar zoso mia fia! El vedeva pur che la giera una povera creatura innocente; el saverà pur che a una testa debole se fa presto delle cattive impression. Orsù, Brighella, in casa mia no lo voggio assolutamente.

Brighella. Se no la lo vol in casa, pazenzia; ma almanco no la lo abbandona affatto. La lo aggiusta1 in piazza, la lo spalleggia a far qualche negozietto, tanto ch’el possa tirar avanti per un poco, perchè coll’ombra della so assistenza, della so protezion, se pol dar che ghe tocca una fortuna, che non è tanto ordinaria.

Pantalone. Che voi dir mo?

Brighella. Che dirò, signor, la signora Beatrice, quella signora [p. 437 modifica] vedova dove che l’è allozà, la gh’ha della stima de lu, e credo anca dell’amor, e so che la lo sposaria volentiera, ma la vorria che l’avesse qualche ombra d’impiego, qualche principio de fondamento per stabilirse in Bologna: caro sior Pantalon, con poco la lo pol aiutar.

Pantalone. Ma come sarala co sior Lelio? El dise che el l’ha ferìo. La giustizia lo cerca.

Brighella. Niente, signor, avemo giustà ogni cossa. Ho messo de mezzo el mio padron, che la sa che cavalier d’impegno che l’è. Sior Lelio se contenta de una piccola sodisfazion, e per la Giustizia la cossa l’è accomodata.

Pantalone. Cossa voleu che fazza per elo?

Brighella. La lo impiega in qualcossa. L’è un omo pien d’abilità.

Pantalone. De conti ho paura che nol ghe ne sappia.

Brighella. L’è capace de tutto, ghe digo, e po a sior Pantalon no ghe manca el modo. O in t’una casa, o in t’un’altra, col vol, el lo impiegherà. In verità, sior, se la fa sta opera de pietà, el cielo la ricompenserà con usura.

Pantalone. No so cossa dir. Fèmelo vegnir qua.

Brighella. Subito el vien, cara ela, ghe lo raccomando.

Pantalone. Che el me parla schietto, che el me diga la verità, e vederò de assisterlo, de impiegarlo.

Brighella. No la se dubita, che no l’è capace de dir busie; anzi el so mal maggior l’è quello de dir troppo la verità.

Pantalone. Certo, che co se xe chiamai a parlar, bisogna dir la verità più tosto che la busia; ma la prudenza insegna a taser, quando la verità ne pol far del mal.

Brighella. La ghe daga anche ela qualchedun de sti boni arrecordi.

Pantalone. No ve dubitè; lo tratterò come se el fusse un mio fio.

Brighella. Sielo benedetto, el me consola. Vado a consolarlo anca lu, e lo mando qua. (E poi subito corro da siora Beatrice, a remediar, se posso, quell’altro mal). (da sè) Mi per natura son inclinà a far del ben, e a chi m’ha fatto del ben a mi, ghe daria per gratitudine anca el sangue delle mie vene. (parte) [p. 438 modifica]

SCENA II.
Pantalone solo.

Brighella xe un omo de cuor, e l’esempio dei boni dispone i altri a far ben; anca mi son inclinà a soccorrer i bisognosi, e l’ho fatto volentiera co sior Ottavio, ma le so male grazie me lo aveva fatto scartar. Brighella me torna a pregar, e me torna a mover a compassion; dove che posso l’agiuterò, ma in casa mia no certo.

SCENA III.
Ottavio e detto.

Ottavio. Servitor umilissimo, signor Pantalone. (mortificato)

Pantalone. Coss’è, sior? Seu mortificà?

Ottavio. Assai.

Pantalone. Vostro danno. Chi v’ha insegna a parlar co le putte cussì da matto?

Ottavio. Sono una bestia, lo confesso. L’ho però fatto senza malizia, ve ne domando scusa.

Pantalone. Vardè se gh’avè giudizio: in tempo che geri qua per far un conto che v’aveva dà da far, lasse el conto da banda, e ve perde in pettegolezzi?

Ottavio. Per carità, non mi mortificate d’avvantaggio. Il conto, signore, eccolo qui.

Pantalone. Elo fatto? (lo prende)

Ottavio. é fatto.

Pantalone. (Osserva, e legge piano, borbottando, poi dice) Bon, pulito, el conto va ben: diseme, caro sior Ottavio, da galantomo e da omo d’onor. Sto conto l’aveu veramente fatto vu?

Ottavio. Da galantuomo? Da uomo d’onore? Con questi scongiuri? Non l’ho fatto io.

Pantalone. Ma donca, con che idea ve seu esebio de vegnir in tel mio negozio, se no sè franco de sta sorte de conti?

Ottavio. Vi dirò. Di conti ho qualche infarinatura. Qualche [p. 439 modifica] talento io l’ho, sperava in poco tempo francarmi, e non credeva che così subito mi dovesse arrivar addosso un conteggio sì stravagante.

Pantalone. Vedeu, sior Ottavio? Anca questa la xe poca prudenza esponerse a far una cossa che no se sa, sul fondamento de dir gh’ho del spirito, imparerò.

Ottavio. E pure col tempo imparerò.2

Pantalone. Sì, imparerè, e invece de pagar el maestro, vorressi trovar un minchion che ve pagasse vu.

Ottavio. Ma caro signor Pantalone, se voi mi abbandonate, io son disperato. Brighella vi avrà detto ...

Pantalone. Brighella m’ha dito tutto, e el m’ha parlà de vu con tanto amor, e el m’ha tanto savesto dir, che m’ho impegnà de assisterve in quel che posso.

Ottavio. Signore, per amor del cielo.

Pantalone. Gran obligazion gh’avè con Brighella, el xe un gran bon omo.

Ottavio. Sì, è vero. È un uomo di buonissimo cuore. Ha i suoi difetti, ma in fondo è buono.

Pantalone. Ma che difetti gh’alo?

Ottavio. È ignorante, ostinato, per altro poi è un buonissimo galantuomo.

Pantalone. Vu però de un vostro benefattor no doveressi gnanca parlar cussì.

Ottavio. A dir i suoi difetti, non fo torto alle sue virtù; quel ch’è buono, è buono, quel ch’è cattivo, è cattivo, e non si può nascondere la verità.

Pantalone. Ma vol la prudenza, che se loda el ben, e che se tasa o che se dissimula el mal.

Ottavio. È vero, avete ragione; da qui avanti lo voglio fare. Voglio mettermi anch’io sull’aria dell’adulare.

Pantalone. No dell’adular, ma del parlar con cautela, con civiltà, con respetto. [p. 440 modifica]

Ottavio. Lo farò, lo farò certamente.

Pantalone. Se lo farè, sarà ben per vu.

Ottavio. Caro signor Pantalone, che cosa farete per me? In che cosa m’impiegherete?

Pantalone. Diseme un poco, se ve mettesse per fattor con un mio amigo, ghe anderessi?

Ottavio. Oh sì, sarebbe un impiego tagliato al mio dosso.

Pantalone. Come stemio d’economia?

Ottavio. Oh signore, ho imparato a mie spese: per non abbadare all’economia, ho distrutto un patrimonio di quattromila scudi d’entrata.

Pantalone. Bon negozio!

Ottavio. Ma ho imparato a mie spese. Mi regolerò.

Pantalone. Eh fio caro, chi no ha savesto deriger la roba soa, no saverà gnanca deriger quella dei altri. Ve diletteu gnente de zogar?

Ottavio. Oh, non giuoco più.

Pantalone. Ma ave zogà.

Ottavio. Pur troppo. Il giuoco mi ha rovinato.

Pantalone. Quanto xe che no zoghè più.

Ottavio. Un pezzo. Saranno... quattro3 mesi.

Pantalone. Che vol dir da dopo che no gh’avè bezzi.

Ottavio. Oh, non giuoco più.

Pantalone. Sior Ottavio caro, no so se abbia da dirve in sto proposito, che siè sincero o imprudente, ma la descrizion che andè facendo da vu medesimo, fa cognosser che no sè omo da manizzar.

Ottavio. Certo che avrei piacer d’un impiego, in cui non si maneggiasse denaro. L’occasione alle volte fa prevaricare.

Pantalone. Bravo. Za v’ho capio. Ma in cossa ve poderessi impiegar? I vostri studi quai xeli stadi? A cossa aveu applicà?

Ottavio. Io ho studiato di tutto. Ho applicato a tutto, e so un poco di tutto. [p. 441 modifica]

Pantalone. Vedeu? Anca questo xe mal. Savè un poco de tutto, ma no saverè gnente che staga ben; l’omo che gh’ha giudizio, el studia ben una cossa sola, el se applica a quella principalmente, e se l’impara qualch’altra cossa, el se la fa servir de divertimento, e nol confonde le profession.

Ottavio. Io applicherei volentieri alla letteratura.

Pantalone. Anderessi per segretario?

Ottavio. Oh sì, volentierissimamente.

Pantalone. Lassè far a mi, parlerò al conte Asdrubale: lo conosseu ?

Ottavio. Lo conosco, egli ha bisogno di segretario.

Pantalone. Savè che el ghe n’ha bisogno?

Ottavio. E come! é un ignorantaccio che non sa nè leggere, nè scrivere; anderò con lui.

Pantalone. E cussì parlè de elo?

Ottavio. Lo dico a voi in confidenza; non mi sente nessuno.

Pantalone. Oh, voleu che ve la diga? Vedo che se un pezzo de matto, e de vu no ghe ne vôi più saver.

Ottavio. Ah signor Pantalone, se voi mi abbandonate, io mi do alla disperazione.

Pantalone. Cossa voleu che fazza? No vôi per causa vostra aver dei disgusti più grandi de quei che ho abuo4.

Ottavio. Che cosa ho io da fare al mondo, se tutti mi discacciano, se mi disprezzano tutti?

Pantalone. No gh’aveu siora Beatrice, che ve assiste, che ve vol ben?

Ottavio. Se voi mi abbandonate, anch’essa mi discaccia; son disperato.

Pantalone. (Coss’oggio da far?) (da sè) Sentì... femo cussì... Se intanto ve contente de quel poco che ve pol dar casa mia...

Ottavio. Sì, signore, mi contenterò dell’avanzo dei vostri servi.

Pantalone. Via, quieteve. No ve manderò via; se el cielo no ve provvede, magnerè quel poco che ghe sarà. [p. 442 modifica]

Ottavio. Oh siate benedetto! Mi contenterò d’ogni cosa. In casa non vi sarò disutile. Avrò gli occhi alla vostra economia, alla vostra servitù.

Pantalone. No, vu no ve n’avè da impazzar.

Ottavio. Signore, voi ne avete di bisogno. Il vostro spenditore vi ruba; lo so di certo.

Pantalone. Ma come lo saveu?

Ottavio. Giuoca, ha una pratica, è un briccone, e so che certamente vi ruba.

Pantalone. Furbazzo! Lo cazzerò via.

Ottavio. E il cuoco va d’accordo con lui, e tutti vi rubano.

Pantalone. Vu me mette in t’una gran agitazion.

Ottavio. In fatti è una cosa dura. Voi siete un uomo così sottile che, come si suol dire, scorticherebbe il pidocchio per avanzar la pelle, e quei bricconi vi rubano!

Pantalone. Sior Ottavio, questa xe un’insolenza. Mi scortegar el peocchio?

Ottavio. Per amor del cielo, non ve ne offendete. Questo è un proverbio che si usa per ispiegare l’economia.

Pantalone. Basta; per far ben, no vorave aver dei disgusti.

SCENA IV.
Lo Spenditore di Pantalone, e detti.

Spenditore. Signor... (a Pantalone)

Pantalone. Sior spenditor, sè vegnù a tempo.

Spenditore. Signore, presto, per amor del cielo ...

Pantalone. Coss’è sta?

Spenditore. La signora Rosaura ... Oimè!

Pantalone. Presto, cossa xe sta?

Spenditore. È fuggita di casa, e non si sa dove sia; solo si è rilevato aver ella chiesto ad un bottegaio dove sta di casa il signor Florindo.

Pantalone. Oh poveretto mi! Presto, mandèghe drio.

Spenditore. Subito. (parte) [p. 443 modifica]

SCENA V.
Pantalone ed Ottavio.

Pantalone. Sentìu? Per causa vostra. (ad Ottavio)

Ottavio. Io non l’ho più veduta.

Pantalone. Ah desgraziada! Se la trovo, la scanno.

Ottavio. Prudenza, signor Pantalone, prudenza.

Pantalone. Bisogna trovarla, e far che subito sior Florindo la sposa. Questa xe la maniera de salvar la reputazion della casa.

Ottavio. Ma non convien che si sappia; badate bene che nessuno lo dica.

Pantalone. Avviserò tutti che i tasa. Vu, sior Ottavio, che se facile de lengua, no lo disè a nissun.

Ottavio. Non vi è pericolo. Sono un uomo, e non sono un ragazzo.

Pantalone. Voggio andar mi a cercarla.

Ottavio. Anderò ancor io.

Pantalone. Chi mai avesse dito, che quella putta così innocente...

Ottavio. Che innocenza! È maliziosissima.

Pantalone. No xe vero. La opera con semplicità.

Ottavio. Voi la credete semplice, ed io dico ch’ella è fInta e doppia, di mal cuore e di pessima inclinazione. (parte)

Pantalone. Sentì come el parla de mia fia. Ma dove sarala andada? Gran pericoli, gran suggizion xe le putte in casa! Spiritose mal, ignoranti pezo. Brutte, degrazia; belle, travaggi. Oh donne, desperazion dei padri, tormento dei marii, precipizio della povera zoventù! (parte)

SCENA VI.
Beatrice e Brighella.

Brighella. Siora Beatrice, la creda sicuramente che sior Ottavio gh’ha per ella tutta la stima, tutto el rispetto e tutto l’amor.

Beatrice. S’egli avesse della stima e dell’amore per me, non mi porrebbe in ridicolo com’egli fa. [p. 444 modifica]

Brighella. El gh’ha quel natural cattivo de dir la barzelletta co la vien, senza pensarghe suso. Ma finalmente queste no le son cosse da far perder el merito a un uomo de quella sorte.

Beatrice. In casa mia vuol far troppo da padrone, comanda con troppa autorità, strapazza troppo la servitù.

Brighella. Questo succede perchè la servitù no fa stima de elo; finalmente l’è un omo civil; l’è abbattù dalle disgrazie, ma l’è nato ben. Le serve e i servitori gh’ha invidia, perchè i lo vede dalla padrona amà e ben accolto. I se tol della libertà; lu l’è delicato, e nol li pol sopportar.

Beatrice. Tutte le vostre scuse, tutte le vostre ragioni sono inutili.

Brighella. Donca l’ha rissolto de volerlo scazzar affatto?

Beatrice. No, non ho ancora risoluto di volerlo fare assolutamente. Egli ha un altro difensore più tenero, che in suo favore mi parla.

Brighella. Chi èlo, signora?

Beatrice. Il mio cuore, il quale lo ho amato, e l’ama ancora pur troppo.

Brighella. Co la ghe vol ben, tutto se aggiusterà.

Beatrice. L’amo, è vero, ma non intendo che l’amor mio abbia da superare tutte le altre mie convenienze.

Brighella. Che vol mo dir, signora?

Beatrice. Vuol dire, che non soffrirò ch’egli mi perda il rispetto, che non verrà in casa mia se non colla condizione di conoscere i suoi doveri, e che non vi durerà lungamente, s’egli in Bologna non avrà un impiego conveniente, sicuro e durabile.

Brighella. Tutte ste cosse la le vederà in effetto. Con ela el sarà umile e rispettoso, come se convien; in casa el starà con quella moderazion che se deve, e circa l’impiego, sior Pantalon m’ha assicurà, che senz’altro el lo averà quanto prima.

Beatrice. E il signor Lelio?

Brighella. Tutto è giustà.

Beatrice. Mi dispiace assaissimo l’inconveniente.

Brighella. Accidenti che nasce. Ma ghe digo de certo, che tutto è accomodà. [p. 445 modifica]

Beatrice. Se il signor Ottavio avesse un poco più di prudenza, sarebbe adorabile.

Brighella. Qualcossa bisogna donar al temperamento delle persone. Tutti avemo qualche difetto.

Beatrice. Ma i suoi sono troppo grandi.

Brighella. El se correggerà, no la se dubita. La vederà.

SCENA VII.
Corallina e detti.

Corallina. Signora padrona, un pazzo simile non l’ho mai veduto.

Beatrice. Di chi parli?

Corallina. Del signor Ottavio.

Brighella. Coss’alo fatto?

Corallina. Andate a vederlo, se volete aver gusto.

Beatrice. Dove?

Corallina. E giù nella strada, che fa ridere quelli che passano. Ha picchiato alla porta, e voleva entrare. Io gli ho detto, per ordine vostro, che non gli doveva aprire ...

Brighella. Una bella cossa! (a Corallina)

Corallina. La padrona me l’ha comandato.

Beatrice. È vero, in atto di collera; e così, che cosa è stato?

Corallina. Quest’uomo ha dato nelle smanie, si è messo a piangere ...

Beatrice. In mezzo alla strada?

Brighella. Poverazzo! l’è innamnorà.

Corallina. Peggio; son passati di quelli che lo conoscono; gli hanno dimandato che cosa aveva, ed egli a tutti diceva: la signora Beatrice non mi vuole, mi ha scacciato di casa; son disperato.

Beatrice. Che pazzia è codesta?

Brighella. L’amor, signora, l’amor fa far de ste cosse. Cara ela, per carità la permetta che el vegna su, la lo ascolta, la lo consola ...

Corallina. Eh, se è pazzo, vada a farsi legare. [p. 446 modifica]

Brighella. Vu no gh’intrè, siora. Via, siora Beatrice, ghe va del so decoro, della so estimazion. Finalmente cossa mai gh’alo fatto? La vede che l’è innamora, poveretto, che per l’amor el fa de sta sorte de bestialità. Vorla ridurlo all’ultima desperazion?

Corallina. Con queste vostre ciarle...

Beatrice. Chetati. Fatelo venire. (a Brighella)

Brighella. Brava. La usa st’altro atto de carità.

Beatrice. Sì, voglio usargli carità; ma per l’ultima volta. Se torna ad irritarmi, ditegli che non vi sarà più rimedio.

Brighella. Ghe lo dirò. La vederà. No gh’è pericolo. Vado subito. (Anca questa ghe l’ho giustada, ma son debotto stufo anca mi). (da sè, parte)

SCENA VIII.
Beatrice e Corallina.

Corallina. Signora padrona?

Beatrice. Che c’è?

Corallina. Non ne avete avute abbastanza delle male grazie?

Beatrice. Bada a te. Corallina, Non parlo.

Beatrice. (Ancora l’amo, ancora mi fa pietà). (da sè)

Corallina. (Ora sì monterà in superbia). (da sè)

Beatrice. Che dici?

Corallina. Niente, signora. Il signor Lelio è col braccio al collo.

Beatrice. Me ne dispiace. Ma con il signor Ottavio si è pacificato.

Corallina. Il signor Ottavio è fortunato.

SCENA IX.
Ottavio e dette.

Ottavio. Signora, eccomi qui. Vi domando perdono. Scordatevi d’ogni mia debolezza. Non mi private della vostra grazia, e se una volta mi faceste sperare le vostre nozze ... [p. 447 modifica]

Beatrice. (Zitto, che diavolo dite?) (piano ad Ottavio, mostrandogli Corallina)

Ottavio. (Maledetta costei! Non l’aveva veduta). (da sè.)

Beatrice. Vattene. (a Corallina)

Corallina. Sì, signora. (Crede che non si sappiano i suoi pasticci: sì, sì, lo sposi, che le toccherà un bel terno), (da sè, parte)

SCENA X.
Beatrice e Ottavio.

Beatrice. V’ho pur detto, che niuno ha da sapere ... (ad Ottavio)

Ottavio. Compatitemi: la passione, il dolore, la confusione mi avevano tolto la vista. Eccomi qui, signora, eccomi nelle vostre braccia. Voi mi potete dare la vita: voi mi potete dare la morte.

Beatrice. Se faceste capitale dell’amor mio, non sareste a questi passi venuto.

Ottavio. Io vi amo colla maggior tenerezza del mondo.

Beatrice. Come si può accordar l’amor vostro colle insolenze che voi mi dite?

Ottavio. Io non vi ho detto insolenze. Siete voi, signora Beatrice, che interpretando le cose a rovescio ...

Beatrice. Già, io sono una pazza.

Ottavio. No ... compatitemi ... io sono uno stolido, che non sa parlare ...

Beatrice. Orsù, lasciamo andare per ora. Il signor Pantalone de Bisognosi vi ha trovato l’impiego?

Ottavio. Non l’ha trovato; ma lo troverà.

Beatrice. E intanto...

Ottavio. Intanto vi dirò. Sul dubbio che voi non mi voleste in casa, mi sono ad esso raccomandato, ed egli mi ha esibito l’alloggio, la tavola e tutto il mio bisognevole.

Beatrice. Dunque non avete più bisogno di me?

Ottavio. Io? Sto con voi ... Quelle pietanze che mi potete dar voi, non me le può dare il signor Pantalone. [p. 448 modifica]

Beatrice. No, no, starete meglio coll’amabile compagnia della signora Rosaura.

Ottavio. Eh, la signora Rosaura è andata ...

Beatrice. Dov’è? In ritiro?

Ottavio. Sì, altro che ritiro!

Beatrice. Vi è qualche novità?

Ottavio. Novità non piccola. È fuggita.

Beatrice. Quando? Come?

Ottavio. Non sarà un’ora, che ella è fuggita di casa, dietro certo Florindo degli Aretusi.

Beatrice. Lo conosco. Oh diamine! Chi l’avesse mai detto, che quella giovane sì modesta, sì semplice ...

Ottavio. Se tanto fanno le semplici, figuriamoci poi che cosa faranno le spiritose.

Beatrice. (Mi pare impossibile). (da sè)

Ottavio. Ecco qui, anche questa ve la prendete per voi.

Beatrice. No, io non me lo sognava: ma voi mi mettete in malizia. Dunque si può temer di peggio delle spiritose..

Ottavio. Da uno spirito regolato e prudente, siccome il vostro, non si può sperare che azioni buone, eroiche ed esemplari.

Beatrice. Grazie della burla.

Ottavio. (Vorrei imparar a adulare, ma non ci ho grazia), (da sè)

Beatrice. Che dice il povero signor Pantalone?

Ottavio. Si dispera; ma suo danno.

Beatrice. Perchè suo danno?

Ottavio. Perchè doveva maritarla. Quando io l’ho esaminata a quattr’occhi, e le ho fatti certi discorsi, me ne sono avveduto benissimo, ch’ella voleva marito.

Beatrice. Avete avuto per lei dell’amore?

Ottavio. Se avessi voluto! Ma! Non vi è pericolo. Son tutto vostro.

Beatrice. (Non sono libera da’ miei sospetti). (da sè)

Ottavio. Cara signora Beatrice, mi avete perdonato?

Beatrice. Sì, vi ho perdonato.

Ottavio. Io, dopo che mi son veduta aprire la porta di questa [p. 449 modifica] casa, mi si è anche5 aperto il cuore, e giubbilo dall’allegrezza.

Beatrice. (Voglio assicurarmi). (da sè)

Ottavio. Ma voi state li ingrugnata, che parete la balia di Radamanto.

Beatrice. Grazioso al solito!

Ottavio. Me la vo’ mordere questa linguaccia del diavolo! (Non mi posso tenere). (da sè.)

Beatrice. (Anderò io dal signor Pantalone). (da aè)

Ottavio. Via, finalmente siamo soli. Quando non vi è nessuno, datemi licenza che io possa dir qualche barzelletta.

Beatrice. Trattenetevi, signor Ottavio, che or ora torno.

Ottavio. Andate fuori di casa?

Beatrice. Vo qui da una mia vicina. Torno a momenti.

Ottavio. Accomodatevi; ma non mi fate aspettar sino a sera.

Beatrice. Tornerò presto. (Il cuor mi dice ch’io non gli creda). (da sè, parte)

SCENA XI.
Ottavio solo.

Bisogna poi dirla, ch’io piuttosto son fortunato. Per due o tre delle mie vivezze aveva perso in un giorno e la grazia di Beatrice, e quella del signor Pantalone; lode al cielo, ho ricuperata l’una e l’altra, e spero con questi due appoggi stabilire la mia fortuna. Brighella in verità ha fatto assai per me, gli sono veramente obbligato. A suo tempo lo saprò riconoscere. Quando ne ho, non mi lascio vincer da nessuno. Così avessi tenuto conto del mio, come ora sarei in grado di darne, e non di andare, si può dir, mendicando. Eh, da qui innanzi averò giudizio; sarò cauto, sarò prudente. [p. 450 modifica]

SCENA XII.
Corallina e detto.

Corallina. (Eccolo qui quel suggettaccio). (da se)

Ottavio. Signora Corallina, la riverisco.

Corallina. Serva sua divotissima. (con ironia caricata)

Ottavio. Padrona mia sguaiatissima.

Corallina. È un signore molto grazioso vossignoria.

Ottavio. I suoi riflessi, signora.

Corallina. Eh, io non sono nè bella, nè graziosa, nè spiritosa.

Ottavio. Ho tanto rispetto per lei, che non ardisco di darle contro.

Corallina. Ma con tutto questo, ho più denari in tasca che lei.

Ottavio. Oh senz’altro. Fra il salario, gli avanzi di tavola, le chiavi della dispensa, quelle della cantina, qualche ambasciata, qualche viglietto amososo, chi ha spirito fa denari.

Corallina. Come! Io una ladra? Io una mezzana? Mi maraviglio di voi. Sono una fanciulla onorata.

Ottavio. Ditemi la verità, che cosa frutta più? La dispensa, la cantina, o l’acciarino? (fa il cenno di batter l’acciarino)

Corallina. Cos’è questo battere l’acciarino? Con questa impertinenza offendete me, offendete la mia padrona.

Ottavio. Ambasciate amorose a lei non ne avete mai fatte?

Corallina. Signor no, mai.

Ottavio. La vostra padrona è tanto sincera, che non le darebbe l’animo di dir cosi.

Corallina. Sentite che impertinenza!

Ottavio. Ma quando sarà mia moglie, vossignoria averà finito.

Corallina. Si fanno dunque queste nozze?

Ottavio. Si fanno, non6 si fanno ... Dico che se la signora Beatrice fosse mia moglie, le ambasciate sarebbero finite.

Corallina. Eh sì, queste nozze si faranno senz’altro.

Ottavio. Perchè, signora? [p. 451 modifica]

Corallina. Perchè dice il proverbio, che le donne si attaccano sempre al peggio.

Ottavio. Ella ha fatto così, quando ha preso voi per cameriera.

Corallina. Povera padrona! se ne accorgerà.

Ottavio. Non vi è pericolo che si accorga di niente.

Corallina. No, perchè?

Ottavio. Non si è mai accorta d’avere una temeraria per serva.

Corallina. È vero, è vero; non si accorge nemmeno d’avere alla sua tavola uno scroccone.

Ottavio. Si accorgerà bene quando tu averai la testa in due pezzi.

Corallina. Può essere che veda voi senza un occhio.

Ottavio. Corallina! (minacciandola)

Corallina. Signor Ottavio...

Ottavio. Voglio usar prudenza.

Corallina. Oh, la signora Prudenza voi non la conoscete.

Ottavio. Sì, è vero, non sono stato prudente quando ho trattata voi da principio con troppa cortesia, con troppa confidenza. Dice bene il proverbio: chi lava la testa all’asino, perde il ranno e il sapone.

Corallina. È vero, la mia padrona ha fatto così con voi.

Ottavio. Tu di questo pane ne mangerai poco più.7

Corallina. Se io non mangerò di questo, non me ne mancherà altrove. Ma voi, se la padrona vi dà lo sbratto, anderete a far la birba.

Ottavio. Povera sciocca! Io ho il signor Pantalone de’ Bisognosi, che mi dà casa e tavola, e quanto voglio.

Corallina. Io non vi credo una maladetta.

Ottavio. A me non importa che tu creda o no.

Corallina. Gli è che non lo crede nemmen la padrona.

Ottavio. Sei una sciocca; ella lo crede, e lo sa di certo.

Corallina. Se lo credesse, non anderebbe ella in persona dal signor Pantalone per assicurarsene.

Ottavio. Vuol andar dal signor Pantalone? [p. 452 modifica]

Corallina. Anzi vi è andata.

Ottavio. Quando?

Corallina. Ora in questo momento.

Ottavio. (Diavolo! A far che?) (da sè)

Corallina. (Oh, come è restato brutto!) (da sè) Avete paura che si scoprano le vostre bugie, eh!

Ottavio. Sei un’impertinente. Io non son capace di dir bugie.

Corallina. Basta, la padrona non vi crede.

Ottavio. (Non vorrei ch’ella dicesse averle io confidato la fuga della signora Rosaura; ma non averà sì poca prudenza), (da sè)

Corallina. Certamente vi è qualche imbroglio.

Ottavio. Presto, presto. Anderò prima di lei. (vuol partire)

Corallina. Se ne va, signore?

Ottavio. Padrona sì.

Corallina. A rotta di collo.

Ottavio. Giuro al cielo, ti romperò la testa.

Corallina. Se ardirete toccarmi, povero voi.

Ottavio. Lingua maladetta.

Corallina. Scroccone, insolente. (fugge via)

Ottavio. Eh, corpo di bacco. (le corre dietro col bastone, glielo tira, e rompe lo specchio di dentro)

SCENA XIII.
Ottavio solo.

Oh diamine! Ho rotto lo specchio grande. Che dirà la signora Beatrice? Maladetta colei, per sua cagione... Se potessi impedire che la signora Beatrice almeno non risapesse il modo ... ma intanto, se la signora Beatrice parla col signor Pantalone? Presto, ho perso del tempo soverchiamente. Chi sa se arriverò più a tempo! Oh quant’imbrogli, quante disgrazie: piucchè procuro di usar prudenza, sempre mi torna peggio. (parte) [p. 453 modifica]

SCENA XIV.
Camera in casa di Pantalone.
Pantalone e Rosaura.

Pantalone. Vien qua, vien qua, desgraziada. Te vôi parlar a quattro occhi.

Rosaura. Signor padre, non mi date. Non lo farò più.

Pantalone. Te par una bella azion quella che ti ha fatto? Andar fora de casa sola, co fa una matta, senza che mi, ne nissun lo sappia? Andar a casa d’un zovene, che no xe to mario? Lassar in t’un mar d’affanni el to povero pare? Metter a rischio la toa e la mia reputazion? Farte ridicola a tutto el mondo? Manco mal che nissun lo sa, che sior Florindo istesso, che gh’ha giudizio e fin de reputazion, t’ha tornè a menar da to pare, che col matrimonio se remedierà el desordene, e quel che xe sta, xe sta. Ma anca maridada che ti sarà, arrecordete che ste cosse le xe indegne de una donna onorata, che el respetto che prima ti portavi a to pare, da qua avanti ti l’ha da portar al mario, che altri omeni no ti ghe n’ha da vardar, e sora tutto t’ha da premer l’amor del mario, la pase della to casa, e la reputazion de tutta la to fameggia. M’astu inteso? M’astu capìo?

Rosaura. Il signor Florindo è restato di là?

Pantalone. Sì! Tanto fa parlar con un legno. Va là, el cielo te benediga, e el cielo ghe la manda bona a quel pampalugo8 che te sposerà.

Rosaura. Signor padre, il mio sposo?

Pantalone. El to sposo adesso el vegnirà. (con caricatura)

Rosaura. Mi burlate?

Pantalone. Siben che la xe mia fia, la me fa una rabbia maledetta, e al sior Florindo la ghe piase9: me par ancora impussibile. [p. 454 modifica]

SCENA XV.
Lo Spenditore e detti.

Spenditore. Signore, è qui il signor Lelio che vorrebbe riverirla.

Pantalone. Padron, che el resta servido.

Rosaura. Chi! Il mio sposo dov’è?

Spenditore. È andato fuori di casa. (parte)

SCENA XVI.
Pantalone e Rosaura.

Rosaura. Voglio andar ancor io.

Pantalone. Estu matta?

Rosaura. Ma io ...

Pantalone. Aspèttelo, che el vegnirà.

Rosaura. Anderò intanto ....

Pantalone. A cossa far?

Rosaura. A salutare la mia bambola.

Pantalone. (Vardè che sesto de muggier!) Siora no. Stè qua. (Se la lasso andar via, la fa qualche strambezzo. No vedo l’ora che Florindo la sposa, e che el me leva sto spin dai occhi). (da sè)

SCENA XVII.
Lelio e detti.

Lelio. Signore, scusate se vengo ad incomodarvi.

Pantalone. Patron, me maraveggio. In cossa la possio servir?

Rosaura. (Signor padre). (piano)

Pantalone. (Cosse gh’è?)

Rosaura. (Se il signor Florindo non torna, prenderò questo). (piano)

Pantalone. (Se pol sentir de pezo? Aspèttelo, che el tornerà), (da sè) E cussì la diga, sior.

Lelio. Avete saputo l’insulto fattomi dal signor Ottavio? [p. 455 modifica]

Pantalone. Ho savesto, e i m’ha anca dito, che tutto giera giustà.

Lelio. Io veramente ho donato tutto a un cavaliere che mi può comandare, ma colla condizione però, che Ottavio mi dovesse fare un atto di scusa in presenza del cavaliere medesimo e d’altri di lui amici. Sono quattr’ore che sei cavalieri lo aspettano, ed egli non si è veduto10. Tutti sono irritati, ed hanno messo me in libertà di far qualunque risentimento. So che voi proteggete questo pazzo, e però, prima di risolvere cosa alcuna, per quel rispetto che a voi professo, vengo a dirvi, che se consigliato da voi non farà il suo dovere, farò io verso di lui quello che mi suggerirà il mio decoro.

Rosaura. (Non ho inteso neanche una parola). (da se)

Pantalone. Sior, la ringrazio della bontà che la gh’ha per mi. Sior Ottavio l’ho assistìo e lo assisto per atto puro de bon amor, e col vegnirà, ghe parlerò, e quel che poderò far per la pase, per la giustizia, la se assicura che lo farò.

SCENA XVIII.
Lo Spenditore e detti.

Spenditore. Signore, la signora Beatrice vorrebbe riverirla.

Pantalone. Che la resta servida.

Rosaura. È tornato il signor Florindo?

Spenditore. Signora no. (parte)

SCENA XIX.
Rosaura, Pantalone e Lelio.

Rosaura. Non torna mai. Signore, siete sposo voi? (a Lelio)

Pantalone. Zitta là. (a Rosaura)

Lelio. No, signora, perchè?

Pantalone. La prego de parlar con mi. La ferida xela cattiva? [p. 456 modifica]

Lelio. Il male della ferita è leggiero: ma l’azione è stata briccona. Mi assaltò con una furia da disperato.

Pantalone. E per cossa?

Lelio. Per gelosia di quella vedova, che ora viene da voi.

SCENA XX.
Beatrice e detti.

Beatrice. Perdonate, signore.

Pantalone. La xe patrona.

Beatrice. (Come! Qui Rosaura? Ottavio dunque è bugiardo). (da sè)

Lelio. Ecco, signora Beatrice: per causa vostra. (le mostra il braccio)

Beatrice. Credetemi, che ho udito il caso col maggior dispiacere del mondo.

Lelio. Io sarò sempre in ogni modo adoratore del vostro merito.

Beatrice. Troppa bontà. Favorisca, signor Pantalone: è vero che ella ha esibito al signor Ottavio la casa e la tavola?

Pantalone. Siora si, per atto de carità; perchè scazzà da ela nol saveva più come far.

Beatrice. (Indegno! Voleva uscire da me, per avere la compagnia di Rosaura!) (da sè)

Lelio. Vi preme molto questo signor Ottavio.

Beatrice. Mi preme che il signor Pantalone gli dia ricovero, per liberarmene.

Lelio. Se così fosse ...

Pantalone. Ma mi non intendo farlo per sempre.

Beatrice. (Dica, signor Pantalone, perdoni la libertà. È vero che la signora Rosaura sua figlia fosse fuggita di casa?) (piano a Pantalone)

Pantalone. (Chi gh’ha dito sta cossa?) (piano a Beatrice)

Beatrice. (Mi è stata detta). (come sopra)

Pantalone. (Anca sì, che ghe l’ha dita sior Ottavio?) (come sopra) [p. 457 modifica]

Beatrice. (È la verità dunque?) (come sopra)

Pantalone. (Oh tocco11de desgrazià! Se pol far pezo! In casa mia no ghe lo voggio più). (da sè)

Beatrice. (Ottavio non mi ha detto il falso. Per questa parte non posso dir che sia reo). (da sè)

Lelio. Cara signora Beatrice, se aveste della bontà per me ...

Beatrice. A miglior tempo, signor Lelio. (sostenuta)

Pantalone. Oh che lengua! Oh che omo! Oh che desgrazià! Siora sì, za che el se sa, lo digo in pubblico, no scondo la verità. Mia fia innamorada, debole de temperamento, e dolce de cuor, no vedendo el so sposo, la lo xe andada a trovar. E per questo ala fatto un gran mal? El xe el so novizzo, e presto la lo sposerà. E sto tocco de baron ha d’andar a desonorar mia fia e la mia casa, disendo che l’è scampada?

SCENA XXI.
Ottavio e detti.

Ottavio. Una parola, signora Beatrice.

Pantalone. Cossa feu qua? Cossa voleu qua, sior chiacchiaron, sior omo ingrato, senza prudenza e senza reputazion?

Ottavio. A me?

Pantalone. A vu, sior sì, a vu. Cossa seu andà a dir a siora Beatrice?

Ottavio. Di che?

Pantalone:. Che mia fia giera scampada via?

Ottavio. V’era bisogno che lo veniste a dire al signor Pantalone? Ciarliera, imprudente. (a Beatrice)

Beatrice. Indegno! A me si perde il rispetto?

Ottavio. Se a voi ho fatto tal confidenza, non dovevate dirlo. [p. 458 modifica]

SCENA XXII.
Corallina e detti.

Corallina. Signora padrona. Sapete che cosa ha fatto il signor Ottavio?

Ottavio. Taci lì. (a Corallina)

Beatrice. Che ha fatto?

Corallina. Mi ha strapazzata. Mi ha tirato un bastone, mi ha colpita nella testa, e poi ha rotto lo specchio.

Beatrice. Anche lo specchio?

Ottavio. Ve lo pagherò.

Corallina. Con quali denari?

Ottavio. Maladetta! Me la pagherai.

SCENA XXII.
Florindo e detti.

Florindo. Eccomi qui.

Rosaura. Eccolo, eccolo.

Pantalone. Presto, deve la man da sposi.

Florindo. Ma non volete aspettare ... (a Pantalone)

Pantalone. No gh’è altro aspettar, subito deghe la man.

Florindo. Per me son pronto. Che dice la signora Rosaura?

Rosaura. Io ve l’avrei data, che sarebbe un pezzo.

Florindo. Ecco la mano.

Rosaura. Sì, eccola.

Pantalone. Sè mario e muggier. Vedeu, siori? (a Lelio e a Beatrice) Per questo mia fia giera andada in traccia de lu, perchè el doveva esser el so caro mario. E vu, sior tocco de desgrazià, che avè messo alla berlina do volte la mia reputazion, andè via de sta casa, e no ghe vegnì mai più, se no volè che ve fazza romper i brazzi.

Ottavio. Signora Beatrice ...

Beatrice. Beatrice non è più per voi. La vostra temerità, la vostra [p. 459 modifica] audacia, scancella affatto ogni tenerezza che ho provata per voi: manderò qui le vostre robe.

Pantalone. Qua no, la veda: qua nol ghe sta più.

Corallina. Tutti i suoi mobili stanno in una calzetta.

Beatrice. Andiamo, signor Lelio. (gli dà la mano) E voi, uomo ingrato, uomo di mal costume, che ardite vilipendere chi vi ha fatto del bene, non vi accostate più alla mia casa, se non volete ch’io vi faccia fare qualche brutto giuoco. (Tremo nel dirlo, ma la mia riputazione lo vuole). (da sè, parte)

Lelio. E degli insulti a me fatti fuori di qui, me ne renderai conto. (parte)

Corallina. Ah, ah, ah, signor scroccone! (ridendogli in faccia)

Ottavio. Giuro al cielo, non mi insultare. (le va contro; Pantalone lo tiene)

Corallina. Eh chiacchierone, non mi cucchi più. (parte)

Florindo. Anche a me renderete conto ...

Pantalone. Gnente, lassè che el vaga, e no ve ne impazzè co sto matto.

Florindo. Basta. Ringraziate il signor Pantalone. (parte)

Rosaura. Sposo, sposo, sposo. (gli corre dietro, e parte)

Ottavio. Ah signor Pantalone....

Pantalone. No gh’è altro sior Pantalon. Andè via de sta casa, se no volè che ve fazza portar.

SCENA XXIV.
Brighella, Pantalone ed Ottavio.

Brighella. Cossa gh’è, coss’è sta? Sempre cosse nove.

Ottavio. Ah Brighella, aiutatemi.

Pantalone. Sì, agiutèlo sto omo grato, sto omo da ben, che pò el dirà in premio dei vostri benefìzi, che sè ignorante e ustinà.

Brighella. A mi sta roba?

Pantalone. Brighella, menemelo via de qua, e za che vu sè [p. 460 modifica] stà quello che me l’ha introdotto, siè quello anca che lo fazza partir, se no volè véder un omo raccomandà da vu, andar via colla testa rotta. Via, lengua de vacca. (parte)

SCENA ULTIMA.
Ottavio e Brighella.

Ottavio. Sono stordito. Non so in qual mondo mi sia.

Brighella. Sior Ottavio, l’è finia. Bisogna tor suso el bastonzello, e andarsene via da Bologna. Per ultimo atto de carità, ve compagnerò mi fora della porta, acciò che chi avè offeso, no se vendica sora de vu, e siben che disè che son un avaro, ve darò anca qualche soldo, da viver tre o quattro dì.

Ottavio. Ma che ho fatto di male? Non ho rubato, non ho ingannato il prossimo, non ho calunniato, anzi ho sempre detta la verità.

Brighella. Sior Ottavio, ve l’ho sempre dito, e ve lo digo per l’ultima volta. Tutta la causa del vostro mal xe la vostra lengua imprudente.

Ottavio. È vero: lo conosco, lo confesso, e mi12 merito peggio. La natura mi ha dati doni bastanti per esser uomo di garbo. La fortuna mi ha assistito per far comparsa nel mondo. Ho avuti amici, ho avute protezioni ed aiuti; ma tutto ho perso per l’imprudente loquacità, la quale mi ha rovinato sempre con qualche miserabile Contrattempo.

Fine della Commedia.



Note

  1. Zatta: agiuta.
  2. Zatta: impararei.
  3. Zatta: Un pezzo ... quattro ecc.
  4. Così l’ed. Zatta; l’ed. Paperini: avudo.
  5. Zatta: ancora.
  6. Zatta: o non.
  7. Zatta: più poco.
  8. O pampalughetto: «fantoccio che figura da scimunito», quindi «uomo stolido»: Boerio, Dizion.
  9. Zatta: la ghe piase tanto.
  10. Zatta: non è venuto.
  11. Zatta: Oh che tocco ecc.
  12. Zatta: ed io.