Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, IX.djvu/467


IL CONTRATTEMPO 453

SCENA XIV.
Camera in casa di Pantalone.
Pantalone e Rosaura.

Pantalone. Vien qua, vien qua, desgraziada. Te vôi parlar a quattro occhi.

Rosaura. Signor padre, non mi date. Non lo farò più.

Pantalone. Te par una bella azion quella che ti ha fatto? Andar fora de casa sola, co fa una matta, senza che mi, ne nissun lo sappia? Andar a casa d’un zovene, che no xe to mario? Lassar in t’un mar d’affanni el to povero pare? Metter a rischio la toa e la mia reputazion? Farte ridicola a tutto el mondo? Manco mal che nissun lo sa, che sior Florindo istesso, che gh’ha giudizio e fin de reputazion, t’ha tornè a menar da to pare, che col matrimonio se remedierà el desordene, e quel che xe sta, xe sta. Ma anca maridada che ti sarà, arrecordete che ste cosse le xe indegne de una donna onorata, che el respetto che prima ti portavi a to pare, da qua avanti ti l’ha da portar al mario, che altri omeni no ti ghe n’ha da vardar, e sora tutto t’ha da premer l’amor del mario, la pase della to casa, e la reputazion de tutta la to fameggia. M’astu inteso? M’astu capìo?

Rosaura. Il signor Florindo è restato di là?

Pantalone. Sì! Tanto fa parlar con un legno. Va là, el cielo te benediga, e el cielo ghe la manda bona a quel pampalugo1 che te sposerà.

Rosaura. Signor padre, il mio sposo?

Pantalone. El to sposo adesso el vegnirà. (con caricatura)

Rosaura. Mi burlate?

Pantalone. Siben che la xe mia fia, la me fa una rabbia maledetta, e al sior Florindo la ghe piase2: me par ancora impussibile.

  1. O pampalughetto: «fantoccio che figura da scimunito», quindi «uomo stolido»: Boerio, Dizion.
  2. Zatta: la ghe piase tanto.