Apri il menu principale

Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, IX.djvu/451



vedova dove che l’ è allozà, la gh’ ha della stima de lu, e credo anca dell’ amor, e so che la lo sposarla volentiera, ma la vorria che l’avesse qualche ombra d’impiego, qualche principio de fondamento per stabilirse in Bologna : caro sior Pantalon, con poco la lo poi aiutar.

Pantalone. Ma come sarala co sior Lelio? El dise che el l’ha ferìo. La giustizia lo cerca.

Brighella. Niente, signor, avemo giusta ogni cossa. Ho messo de mezzo el mio padron, che la sa che cavalier d’ impegno che r è. Sior Lelio se contenta de una piccola sodisfazion, e per la Giustizia la cossa l’ è accomodata.

Pantalone. Cossa voleu che fazza per elo?

Brighella. La lo impiega in qualcossa. L’ è un omo pien d’abilità.

Pantalone. De conti ho paura che noi ghe ne sappia.

Brighella. L’ è capace de tutto, ghe digo, e pò a sior Pantalon no ghe manca el modo. O in t’una casa, o in t’ un’ altra, col voi, el lo impiegherà. In verità, sior, se la fa sta opera de pietà, el cielo la ricompenserà con usura.

Pantalone. No so cossa dir. Fèmelo vegnir qua.

Brighella. Subito el vien, cara eia, ghe lo raccomando.

Pantalone. Che el me parla schietto, che el me diga la verità, e vedere de assisterlo, de impiegarlo.

Brighella. No la se dubita, che no l’è capace de dir busie ; anzi el so mal maggior l’è quello de dir troppo la verità.

Pantalone. Certo, che co se xe chiamai a parlar, bisogna dir la verità più tosto che la busia; ma la prudenza insegna a taser, quando la verità ne poi far del mal.

Brighella. La ghe daga anche eia qualchedun de sti boni ar- recordi.

Pantalone. No ve dubitè ; lo tratterò come se el fusse un mio fio.

Brighella. Sielo benedetto, el me consola. Vado a consolarlo anca lu, e lo mando qua. (E poi subito corro da siora Beatrice, a remediar, se posso, quell’ altro mal), (da sé) Mi per natura son inclina a far del ben, e a chi m’ ha fatto del ben a mi, ghe daria per gratitudine anca el sangue delle mie vene. (parte