Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, IX.djvu/459


IL CONTRATTEMPO 445

Beatrice. Se il signor Ottavio avesse un poco più di prudenza, sarebbe adorabile.

Brighella. Qualcossa bisogna donar al temperamento delle persone. Tutti avemo qualche difetto.

Beatrice. Ma i suoi sono troppo grandi.

Brighella. El se correggerà, no la se dubita. La vederà.

SCENA VII.
Corallina e detti.

Corallina. Signora padrona, un pazzo simile non l’ho mai veduto.

Beatrice. Di chi parli?

Corallina. Del signor Ottavio.

Brighella. Coss’alo fatto?

Corallina. Andate a vederlo, se volete aver gusto.

Beatrice. Dove?

Corallina. E giù nella strada, che fa ridere quelli che passano. Ha picchiato alla porta, e voleva entrare. Io gli ho detto, per ordine vostro, che non gli doveva aprire ...

Brighella. Una bella cossa! (a Corallina)

Corallina. La padrona me l’ha comandato.

Beatrice. È vero, in atto di collera; e così, che cosa è stato?

Corallina. Quest’uomo ha dato nelle smanie, si è messo a piangere ...

Beatrice. In mezzo alla strada?

Brighella. Poverazzo! l’è innamnorà.

Corallina. Peggio; son passati di quelli che lo conoscono; gli hanno dimandato che cosa aveva, ed egli a tutti diceva: la signora Beatrice non mi vuole, mi ha scacciato di casa; son disperato.

Beatrice. Che pazzia è codesta?

Brighella. L’amor, signora, l’amor fa far de ste cosse. Cara ela, per carità la permetta che el vegna su, la lo ascolta, la lo consola ...

Corallina. Eh, se è pazzo, vada a farsi legare.