Apri il menu principale

Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, IX.djvu/450



e tornar in ti mi paesi ; un fradello no podeva far più de quel che lu l’ha fatto per mi. Son poveromo, ma son galantomo. Me ricordo el ben che ho recevesto, e procuro, se posso, re- compensarlo. Se le mie forze podesse, ghe daria mi da magnar. Ma son un povero servitor, gh’ho fameggia, e no lo posso agiutar. Procuro in qualche altra maniera de darghe stato, lo racco- mando a tutti, e specialmente a sior Pantalon, che avendo vissere de pietà, e essendo inclina per natura a far del ben, r agiuterà, el soccorrerà sto povero forestier. Sior Pantalon farà col sior Ottavio quello che sior Ottavio ha fatto con mi, per quella rason che al mondo semo tutti fradelli, e se agiutemo un con l’altro, e chi gh’ ha la fortuna de star meggio, gh’ ha anca V obbligo de far de più.

Pantalone. Caro Brighella, no so cossa dir. Savè se son inclina a far del ben, co posso, e savè che impegno aveva tolto per st’ omo ; ma el xe un strambazzo. Noi gh’ ha giudizio, noi gh’ ha prudenza.

Brighella. Questo l’ è el so difetto ; el gh’ ha poca prudenza. Per altro l’è de un ottimo cuor, incapace de una baronada, disin- teressa, virtuoso, e capace de tutto.

Pantalone. Gnente, caro vu, co noi gh’ ha prudenza, noi farà gnente. Vardè che pezzo de matto, andar per spasso a tirar zoso mia fìa! El vedeva pur che la giera una povera crea- tura innocente ; el saverà pur che a una testa debole se fa presto delle cattive impression. Orsù, Brighella, in casa mia no lo voggio assolutamente.

Brighella. Se no la lo voi in casa, pazenzia; ma almanco no la lo abbandona affatto. La lo aggiusta (0 in piazza, la lo spal- leggia a far qualche negozietto, tanto ch’ el possa tirar avanti per un poco, perchè coli’ ombra della so assistenza, della so protezion, se poi dar che ghe tocca una fortuna, che non è tanto ordinaria.

Pantalone. Che voi dir mo?

Brighella. Che dirò, signor, la signora Beatrice, quella signora (I) Zatta : agiula.