Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, IX.djvu/471


IL CONTRATTEMPO 457

Beatrice. (È la verità dunque?) (come sopra)

Pantalone. (Oh tocco1de desgrazià! Se pol far pezo! In casa mia no ghe lo voggio più). (da sè)

Beatrice. (Ottavio non mi ha detto il falso. Per questa parte non posso dir che sia reo). (da sè)

Lelio. Cara signora Beatrice, se aveste della bontà per me ...

Beatrice. A miglior tempo, signor Lelio. (sostenuta)

Pantalone. Oh che lengua! Oh che omo! Oh che desgrazià! Siora sì, za che el se sa, lo digo in pubblico, no scondo la verità. Mia fia innamorada, debole de temperamento, e dolce de cuor, no vedendo el so sposo, la lo xe andada a trovar. E per questo ala fatto un gran mal? El xe el so novizzo, e presto la lo sposerà. E sto tocco de baron ha d’andar a desonorar mia fia e la mia casa, disendo che l’è scampada?

SCENA XXI.
Ottavio e detti.

Ottavio. Una parola, signora Beatrice.

Pantalone. Cossa feu qua? Cossa voleu qua, sior chiacchiaron, sior omo ingrato, senza prudenza e senza reputazion?

Ottavio. A me?

Pantalone. A vu, sior sì, a vu. Cossa seu andà a dir a siora Beatrice?

Ottavio. Di che?

Pantalone:. Che mia fia giera scampada via?

Ottavio. V’era bisogno che lo veniste a dire al signor Pantalone? Ciarliera, imprudente. (a Beatrice)

Beatrice. Indegno! A me si perde il rispetto?

Ottavio. Se a voi ho fatto tal confidenza, non dovevate dirlo.

  1. Zatta: Oh che tocco ecc.