Apri il menu principale

Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, IX.djvu/469


Pantalone. Ho savesto, e i m’ ha anca dito, che tutto giera giusta.

Lelio. Io veramente ho donato tutto a un cavaliere che mi può comandare, ma colla condizione però, che Ottavio mi dovesse fare un atto di scusa in presenza del cavaliere medesimo e d’altri di lui amici. Sono quattr’ ore che sei cavalieri lo aspettano, ed egli non si è veduto (I). Tutti sono irritati, ed hanno messo me in libertà di far qualunque risentimento. So che voi pro- teggete questo pazzo, e però, prima di risolvere cosa alcuna, per quel rispetto che a voi professo, vengo a dirvi, che se consigliato da voi non farà il suo dovere, farò io verso di lui quello che mi suggerirà il mio decoro.

Rosaura. (Non ho inteso neanche una parola). (da se)

Pantalone. Sior, la ringrazio della bontà che la gh’ha per mi. Sior Ottavio l’ ho assistìo e lo assisto per atto puro de bon amor, e col vegnirà, ghe parlerò, e quel che poderò far per la pase, per la giustizia, la se assicura che lo farò.

SCENA XVIII.

Lo Spenditore e detti.

Spenditore. Signore, la signora Beatrice vonebbe riverirla.

Pantalone. Che la resta servida.

Rosaura. E tornato il signor Florindo ?

Spenditore. Signora no. (parte.

SCENA XIX.

RosAURA, Pantalone e Lelio.

Rosaura. Non torna mai. Signore, siete sposo voi? (a Lelio)

Pantalone. Zitta là. (a Rosaura)

Lelio. No, signora, perchè?

Pantalone. La prego de parlar con mi. La ferida xela cattiva? (I) Zatta : non è venuto.