Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, IX.djvu/455


IL CONTRATTEMPO 441

Pantalone. Vedeu? Anca questo xe mal. Savè un poco de tutto, ma no saverè gnente che staga ben; l’omo che gh’ha giudizio, el studia ben una cossa sola, el se applica a quella principalmente, e se l’impara qualch’altra cossa, el se la fa servir de divertimento, e nol confonde le profession.

Ottavio. Io applicherei volentieri alla letteratura.

Pantalone. Anderessi per segretario?

Ottavio. Oh sì, volentierissimamente.

Pantalone. Lassè far a mi, parlerò al conte Asdrubale: lo conosseu ?

Ottavio. Lo conosco, egli ha bisogno di segretario.

Pantalone. Savè che el ghe n’ha bisogno?

Ottavio. E come! é un ignorantaccio che non sa nè leggere, nè scrivere; anderò con lui.

Pantalone. E cussì parlè de elo?

Ottavio. Lo dico a voi in confidenza; non mi sente nessuno.

Pantalone. Oh, voleu che ve la diga? Vedo che se un pezzo de matto, e de vu no ghe ne vôi più saver.

Ottavio. Ah signor Pantalone, se voi mi abbandonate, io mi do alla disperazione.

Pantalone. Cossa voleu che fazza? No vôi per causa vostra aver dei disgusti più grandi de quei che ho abuo1.

Ottavio. Che cosa ho io da fare al mondo, se tutti mi discacciano, se mi disprezzano tutti?

Pantalone. No gh’aveu siora Beatrice, che ve assiste, che ve vol ben?

Ottavio. Se voi mi abbandonate, anch’essa mi discaccia; son disperato.

Pantalone. (Coss’oggio da far?) (da sè) Sentì... femo cussì... Se intanto ve contente de quel poco che ve pol dar casa mia...

Ottavio. Sì, signore, mi contenterò dell’avanzo dei vostri servi.

Pantalone. Via, quieteve. No ve manderò via; se el cielo no ve provvede, magnerè quel poco che ghe sarà.

  1. Così l’ed. Zatta; l’ed. Paperini: avudo.