Apri il menu principale

Scola della Patienza/Parte terza/Capitolo VI

PARTE TERZA CAPITOLO VI

../Capitolo V ../../ IncludiIntestazione 3 aprile 2009 50% Da definire

Parte terza - Capitolo V Scola della Patienza

Come tutte le afflizioni s’hanno da sopportare conformando la volontà dell’huomo alla divina

L’uovo, come dicono, nell’acqua salsa se ne stà a galla, nella dolce và al fondo. Il Real Profeta David fra tante stragi e pubbliche e private, fra tanti ammazzamenti e morti dei suoi, se ne stava in tanta varietà di miserie e afflizzioni, come in salsissime acque sempre a galla con un animo invitto e costante, huomo veramente secondo il cuor di Dio, il quale si andava sempre conformando con ogni diligenza possibile ad ogni cenno della divina volontà Ma Salomone suo figlio, ritrovandosi nell’acque dolci di tante delizie e piaceri se ne andava miserabilmente al fondo. Intese benissimo Salomone la volontà di Dio ma non si conformò con essa. Habbiamo dato in questa parte cinque modi di sopportare l’avversità e le afflizzioni, cioè pazientemente, allegramente, costantemente, con preparazione. Sentiamo hora il sesto e l’ultimo ma il più utile e necessario, ch’è conformare la sua volontà a quella di Dio. E se bene habbiamo dichiarato questa conformità dell’humana volontà con la divina in cinque libri del nostro Heliotropio, l’andremo però qui brevemente e sommariamente confermando. E ciò a proposito di questa nostra Scuola della Pazienza senza replicare le cose già dette.

§ Paragrafi