Apri il menu principale
Canto quarantesimosesto

../Canto 45 ../Nota IncludiIntestazione 10 giugno 2019 75% Da definire

Canto 45 Nota

[p. 358 modifica]

CANTO QUARANTESIMOSESTO


 1
     Or, se mi mostra la mia carta il vero,
non è lontano a discoprirsi il porto;
sí che nel lito i voti scioglier spero
a chi nel mar per tanta via m’ha scorto;
ove, o di non tornar col legno intero,
o d’errar sempre, ebbi giá il viso smorto.
Ma mi par di veder, ma veggo certo,
veggo la terra, e veggo il lito aperto.

 2
     Sento venir per allegrezza un tuono
che fremer l’aria e rimbombar fa l’onde:
odo di squille, odo di trombe un suono
che l’alto popular grido confonde.
Or comincio a discernere chi sono
questi che empion del porto ambe le sponde.
Par che tutti s’allegrino ch’io sia
venuto a fin di cosí lunga via.

 3
     Oh di che belle e saggie donne veggio,
oh di che cavallieri il lito adorno!
Oh di ch’amici, a chi in eterno deggio
per la letizia c’han del mio ritorno!
Mamma e Ginevra e l’altre da Correggio
veggo del molo in su l’estremo corno:
Veronica da Gambera è con loro,
sí grata a Febo e al santo aonio coro.

[p. 359 modifica]


 4
     Veggo un’altra Genevra, pur uscita
del medesimo sangue, e Iulia seco;
veggo Ippolita Sforza, e la notrita
damigella Trivulzia al sacro speco:
veggo te, Emilia Pia, te, Margherita,
Ch’Angela Borgia e Grazïosa hai teco.
Con Ricciarda da Este ecco le belle
Bianca e Diana, e l’altre lor sorelle.

 5
     Ecco la bella, ma piú saggia e onesta.
Barbara Turca, e la compagna è Laura:
non vede il sol di piú bontá di questa
coppia da l’Indo all’estrema onda maura.
Ecco Genevra che la Malatesta
casa col suo valor si ingemma e inaura,
che mai palagi imperïali o regi
non ebbon piú onorati e degni fregi.

 6
     S’a quella etade ella in Arimino era,
quando superbo de la Gallia doma
Cesar fu in dubbio, s’oltre alla riviera
dovea passando inimicarsi Roma;
crederò che piegata ogni bandiera,
e scarca di trofei la ricca soma,
tolto avria leggi e patti a voglia d’essa,
né forse mai la libertade oppressa.

 7
     Del mio signor di Bozolo la moglie,
la madre, le sirocchie e le cugine,
e le Torelle con le Bentivoglie,
e le Visconte e le Palavigine;
ecco chi a quante oggi ne sono, toglie,
e a quante o greche o barbere o latine
ne furon mai, di quai la fama s’oda,
di grazia e di beltá la prima loda,

[p. 360 modifica]


 8
     Iulia Gonzaga, che dovunque il piede
volge, e dovunque i sereni occhi gira,
non pur ogn’altra di beltá le cede,
ma, come scesa dal ciel dea, l’ammira.
La cognata è con lei, che di sua fede
non mosse mai, perché l’avesse in ira
Fortuna che le fe’ lungo contrasto.
Ecco Anna d’Aragon, luce del Vasto;

 9
     Anna, bella, gentil, cortese e saggia,
di castitá, di fede e d’amor tempio.
La sorella è con lei, ch’ove ne irraggia
l’alta beltá, ne pate ogn’altra scempio.
Ecco chi tolto ha da la scura spiaggia
di Stige, e fa con non piú visto esempio,
mal grado de le Parche e de la Morte,
splender nel ciel l’invitto suo consorte.

 10
     Le Ferrarese mie qui sono, e quelle
de la corte d’Urbino; e riconosco
quelle di Mantua, e quante donne belle
ha Lombardia, quante il paese tòsco.
Il cavallier che tra lor viene, e ch’elle
onoran sí, s’io non ho l’occhio losco,
da la luce offuscato de’ bei volti,
è ’l gran lume aretin, l’Unico Accolti.

 11
     Benedetto, il nipote, ecco lá veggio,
c’ha purpureo il capel, purpureo il manto,
col Cardinal di Mantua e col Campeggio,
gloria e splendor del consistono santo:
e ciascun d’essi noto (o ch’io vaneggio)
al viso e ai gesti rallegrarsi tanto
del mio ritorno, che non facil parmi
ch’io possa mai di tanto obligo trarmi.

[p. 361 modifica]


 12
     Con lor Lattanzio e Claudio Tolomei,
e Paulo Pansa e ’l Dresino e Latino
Iuvenal parmi, e i Capilupi miei,
e ’l Sasso e ’l Molza e Florïan Montino;
e quel che per guidarci ai rivi ascrei
mostra piano e piú breve altro camino,
lulio Camillo; e par ch’anco io ci scerna
Marco Antonio Flaminio, il Sanga, il Berna.

 13
     Ecco Alessandro, il mio signor, Farnese:
oh dotta compagnia che seco mena!
Fedro, Capella, Porzio, il bolognese
Filippo, il Volterano, il Madalena,
Blosio, Pierio, il Vida cremonese,
d’alta facondia inessicabil vena,
e Lascari e Mussuro e Navagero,
e Andrea Marone e ’l monaco Severo.

 14
     Ecco altri duo Alessandri in quel drappello,
dagli Orologi l’un, l’altro il Guarino.
Ecco Mario d’Olvito, ecco il flagello
de’ principi, il divin Pietro Aretino.
Duo Ieronimi veggo, l’uno è quello
di Veritade, e l’altro il Cittadino.
Veggo il Mainardo, veggo il Leoniceno,
il Pannizzato, e Celio e il Teocreno.

 15
     Lá Bernardo Capel, lá veggo Pietro
Bembo, che ’l puro e dolce idioma nostro,
levato fuor del volgare uso tetro,
quale esser dee, ci ha col suo esempio mostro.
Guasparro Obizi è quel che gli vien dietro,
ch’ammira e osserva il sí ben speso inchiostro.
Io veggo il Fracastorio, il Bevazano,
Trifon Gabriele, e il Tasso piú lontano.

[p. 362 modifica]


 16
     Veggo Nicolò Tiepoli, e con esso
Nicolò Amanio in me affissar le ciglia;
Anton Fulgoso ch’a vedermi appresso
al lito mostra gaudio e maraviglia.
Il mio Valerio è quel che lá s’è messo
fuor de le donne; e forse si consiglia
col Barignan c’ha seco, come offeso
sempre da lor, non ne sia sempre acceso.

 17
     Veggo sublimi e soprumani ingegni
di sangue e d’amor giunti, il Pico e il Pio.
Colui che con lor viene, e da’ piú degni
ha tanto onor, mai piú non conobbi io;
ma, se me ne fur dati veri segni,
è l’uom che di veder tanto desio,
Iacobo Sanazar, ch’alle Camene
lasciar fa i monti et abitar l’arene.

 18
     Ecco il dotto, il fedele, il diligente
secretario Pistofilo, ch’insieme
con gli Acciaiuoli e con l’Angiar mio sente
piacer, che piú del mar per me non teme.
Annibal Malaguzzo, il mio parente,
veggo con l’Adoardo, che gran speme
mi dá, ch’ancor del mio nativo nido
udir fará da Calpe agli Indi il grido.

 19
     Fa Vittor Fausto, fa il Tancredi festa
di rivedermi, e la fanno altri cento.
Veggo le donne e gli uomini di questa
mia ritornata ognun parer contento.
Dunque a finir la breve via che resta,
non sia piú indugio, or c’ho propizio il vento
e torniamo a Melissa, e con che aita
salvò, diciamo, al buon Ruggier la vita.

[p. 363 modifica]


 20
     Questa Melissa, come so che detto
v’ho molte volte, avea sommo desire
che Bradamante con Ruggier di stretto
nodo s’avesse in matrimonio a unire;
e d’ambi il bene e il male avea sí a petto,
che d’ora in ora ne volea sentire.
Per questo spirti avea sempre per via,
che, quando andava l’un, l’altro venia.

 21
     In preda del dolor tenace e forte
Ruggier tra le scure ombre vide posto,
il qual di non gustar d’alcuna sorte
mai piú vivanda fermo era e disposto
e col digiun si volea dar la morte:
ma fu l’aiuto di Melissa tosto;
che, del suo albergo uscita, la via tenne
ove in Leone ad incontrar si venne:

 22
     il qual mandato, l’uno a l’altro appresso,
sua gente avea per tutti i luoghi intorno;
e poscia era in persona andato anch’esso
per trovare il guerrier dal liocorno.
La saggia incantatrice, la qual messo
freno e sella a uno spirto avea quel giorno,
e l’avea sotto in forma di ronzino,
trovò questo figliuol di Costantino.

 23
     — Se de l’animo è tal la nobiltate,
qual fuor, signor (diss’ella), il viso mostra;
se la cortesia dentro e la bontate
ben corrisponde alla presenzia vostra,
qualche conforto, qualche aiuto date
al miglior cavallier de l’etá nostra;
che s’aiuto non ha tosto e conforto,
non è molto lontano a restar morto.

[p. 364 modifica]


 24
     Il miglior cavallier, che spada a lato
e scudo in braccio mai portassi o porti;
il piú bello e gentil ch’al mondo stato
mai sia di quanti ne son vivi o morti,
sol per un’alta cortesia c’ha usato,
sta per morir, se non ha chi ’l conforti.
Per Dio, signor, venite, e fate prova
s’allo suo scampo alcun consiglio giova. —

 25
     Ne l’animo a Leon subito cade
che ’l cavallier di chi costei ragiona,
sia quel che per trovar fa le contrade
cercare intorno, e cerca egli in persona;
sí ch’a lei dietro, che gli persuade
sí pietosa opra, in molta fretta sprona:
la qual lo trasse (e non fèr gran camino)
ove alla morte era Ruggier vicino.

 26
     Lo ritrovár che senza cibo stato
era tre giorni, e in modo lasso e vinto,
ch’in piè a fatica si saria levato,
per ricader, se ben non fosse spinto.
Giacea disteso in terra tutto armato,
con l’elmo in testa, e de la spada cinto;
e guancial de lo scudo s’avea fatto,
in che ’l bianco liocorno era ritratto.

 27
     Quivi pensando quanta ingiuria egli abbia
fatto alla donna, e quanto ingrato e quanto
isconoscente le sia stato, arrabbia,
non pur si duole; e se n’affligge tanto,
che si morde le man, morde le labbia,
sparge le guancie di continuo pianto;
e per la fantasia che v’ha sí fissa,
né Leon venir sente né Melissa;

[p. 365 modifica]


 28
     né per questo interrompe il suo lamento,
né cessano i sospir, né il pianto cessa.
Leon si ferma, e sta ad udire intento;
poi smonta del cavallo, e se gli appressa.
Amore esser cagion di quel tormento
conosce ben; ma la persona espressa
non gli è, per cui sostien tanto martire;
ch’anco Ruggier non glie l’ha fatto udire.

 29
     Piú inanzi, e poi piú inanzi i passi muta,
tanto che se gli accosta a faccia a faccia;
e con fraterno affetto lo saluta,
e se gli china a lato, e al collo abbraccia,
Io non so quanto ben questa venuta
di Leone improvisa a Ruggier piaccia;
che teme che lo turbi e gli dia noia,
e se gli voglia oppor, perché non muoia.

 30
     Leon con le piú dolci e piú soavi
parole che sa dir, con quel piú amore
che può mostrar, gli dice: — Non ti gravi
d’aprirmi la cagion del tuo dolore;
che pochi mali al mondo son sí pravi,
che l’uomo trar non se ne possa fuore,
se la cagion si sa; né debbe privo
di speranza esser mai, fin che sia vivo.

 31
     Ben mi duol che celar t’abbi voluto
da me, che sai s’io ti son vero amico,
non sol dipoi ch’io ti son sí tenuto,
che mai dal nodo tuo non mi districo,
ma fin allora ch’avrei causa avuto
d’esserti sempre capital nimico;
e dèi sperar ch’io sia per darti aita
con l’aver, con gli amici e con la vita.

[p. 366 modifica]


 32
     Di meco conferir non ti rincresca
il tuo dolore, e lasciami far prova,
se forza, se lusinga, acciò tu n’esca,
se gran tesor, s’arte, s’astuzia giova.
Poi, quando l’opra mia non ti riesca,
la morte sia ch’al fin te ne rimuova:
ma non voler venir prima a quest’atto,
che ciò che si può far, non abbi fatto. —

 53
     E seguitò con sí efficaci prieghi,
e con parlar sí umano e sí benigno,
che non può far Ruggier che non si pieghi;
che né di ferro ha il cor né di macigno,
e vede, quando la risposta nieghi,
che fará discortese atto e maligno.
Risponde; ma due volte o tre s’incocca
prima il parlar, ch’uscir voglia di bocca.

 34
     Signor mio (disse al fin), quando saprai
colui ch’io son (che son per dirtel ora),
mi rendo certo che di me sarai
non men contento, e forse piú, ch’io muora.
Sappi ch’io son colui che sí in odio hai:
io son Ruggier ch’ebbi te in odio ancora;
e che con intenzïon di porti a morte,
giá son piú giorni, usci’ di questa corte;

 35
     acciò per te non mi vedessi tolta
Bradamante, sentendo esser d’Amone
la voluntade a tuo favor rivolta.
Ma perché ordina l’uomo, e Dio dispone,
venne il bisogno ove mi fe’ la molta
tua cortesia mutar d’opinione;
e non pur l’odio ch’io t’avea, deposi,
ma fe’ ch’esser tuo sempre io mi disposi.

[p. 367 modifica]


 36
     Tu mi pregasti, non sapendo ch’io
fossi Ruggier, ch’io ti facessi avere
la donna; ch’altretanto saria il mio
cor fuor del corpo, o l’anima volere.
Se sodisfar piú tosto al tuo disio,
ch’al mio, ho voluto, t’ho fatto vedere.
Tua fatta è Bradamante; abbila in pace:
molto piú che ’l mio bene, il tuo mi piace.

 37
     Piaccia a te ancora, se privo di lei
mi son, ch’insieme io sia di vita privo;
che piú tosto senz’anima potrei,
che senza Bradamante restar vivo.
Appresso, per averla tu non sei
mai legitimamente, fin ch’io vivo;
che tra noi sponsalizio è giá contratto,
né duo mariti ella può avere a un tratto. —

 38
     Riman Leon sí pien di maraviglia,
quando Ruggiero esser costui gli è noto,
che senza muover bocca o batter ciglia
o mutar piè, come una statua, è immoto:
a statua, piú ch’ad uomo, s’assimiglia,
che ne le chiese alcun metta per voto.
Ben sí gran cortesia questa gli pare,
che non ha avuto e non avrá mai pare.

 39
     E conosciutol per Ruggier, non solo
non scema il ben che gli voleva pria;
ma si l’accresce, che non men del duolo
di Ruggiero egli, che Ruggier, patia.
Per questo, e per mostrarsi che figliuolo
d’imperator meritamente sia,
non vuol, se ben nel resto a Ruggier cede,
ch’in cortesia gli metta inanzi il piede.

[p. 368 modifica]


 40
     E dice:— Se quel dí, Ruggier, ch’offeso
fu il campo mio dal valor tuo stupendo,
ancor ch’io t’avea in odio, avessi inteso
che tu fossi Ruggier, come ora intendo;
cosí la tua virtú m’avrebbe preso,
come fece anco allor, non lo sapendo;
e cosí spinto dal cor l’odio, e tosto
questo amor ch’io ti porto, v’avria posto.

 41
     Che prima il nome di Ruggiero odiassi,
ch’io sapessi che tu fosse Ruggiero,
non negherò; ma ch’or piú inanzi passi
l’odio ch’io t’ebbi, t’esca del pensiero.
E se, quando di carcere io ti trassi,
n’avesse, come or n’ho, saputo il vero;
il medesimo avrei fatto anco allora,
ch’a benefizio tuo son per far ora.

 42
     E s’allor volentier fatto l’avrei,
ch’io non t’era, come or sono, obligato;
quant’or piú farlo debbo, che sarei,
non lo facendo, il piú d’ogn’altro ingrato;
poi che negando il tuo voler, ti sei
privo d’ogni tuo bene, e a me l’hai dato.
Ma te lo rendo, e piú contento sono
renderlo a te, ch’aver io avuto il dono.

 43
     Molto piú a te, ch’a me, costei conviensi,
la qual, ben ch’io per li suoi merit’ami,
non è però, s’altri l’avrá, ch’io pensi,
come tu, al viver mio romper li stami.
Non vo’ che la tua morte mi dispensi,
che possi, sciolto ch’ella avrá i legami
che son del matrimonio ora fra voi,
per legitima moglie averla io poi.

[p. 369 modifica]


 44
     Non che di lei, ma restar privo voglio
di ciò c’ho al mondo, e de la vita appresso,
prima che s’oda mai ch’abbia cordoglio
per mia cagion tal cavalliero oppresso.
De la tua difidenzia ben mi doglio;
che tu che puoi, non men che di te stesso,
di me dispor, piú tosto abbi voluto
morir di duol, che da me avere aiuto. —

 45
     Queste parole et altre soggiungendo,
che tutte saria lungo riferire,
e sempre le ragion redarguendo,
ch’in contrario Ruggier gli potea dire;
fe’ tanto, ch’al fin disse: — Io mi ti rendo,
e contento sarò di non morire.
Ma quando ti sciorrò l’obligo mai,
che due volte la vita dato m’hai? —

 46
     Cibo soave e precïoso vino
Melissa ivi portar fece in un tratto;
e confortò Ruggier, ch’era vicino,
non s’aiutando, a rimaner disfatto.
Sentito in questo tempo avea Frontino
cavalli quivi, e v’era accorso ratto.
Leon pigliar da li scudieri suoi
lo fe’ e sellare, et a Ruggier dar poi;

 47
     il qual con gran fatica, ancor ch’aiuto
avesse da Leon, sopra vi salse:
cosí quel vigor manco era venuto,
che pochi giorni inanzi in modo valse,
che vincer tutto un campo avea potuto,
e far quel che fe’ poi con l’arme false.
Quindi partiti, giunser, che piú via
non fèr di mezza lega, a una badia:

[p. 370 modifica]


 48
     ove posaro il resto di quel giorno,
e l’altro appresso, e l’altro tutto intero,
tanto che ’l cavallier dal liocorno
tornato fu nel suo vigor primiero.
Poi con Melissa e con Leon ritorno
alla cittá real fece Ruggiero,
e vi trovò che la passata sera
l’imbasciata de’ Bulgari giunt’era.

 49
     Che quella nazïon, la qual s’avea
Ruggiero eletto re, quivi a chiamarlo
mandava questi suoi, che si credea
d’averlo in Francia appresso al magno Carlo:
perché giurargli fedeltá volea,
e dar di sé dominio, e coronarlo.
Lo scudier di Ruggier, che si ritrova
con questa gente, ha di lui dato nuova.

 50
     De la battaglia ha detto, ch’in favore
de’ Bulgari a Belgrado egli avea fatta,
ove Leon col padre imperatore
vinto, e sua gente avea morta e disfatta;
e per questo l’avean fatto signore,
messo da parte ogni uomo di sua schiatta:
e come a Novengrado era poi stato
preso da Ungiardo, e a Teodora dato:

 51
     e che venuta era la nuova certa,
che ’l suo guardian s’era trovato ucciso,
e lui fuggito, e la prigione aperta:
che poi ne fosse, non v’era altro avviso.
Entrò Ruggier per via molto coperta
ne la cittá, né fu veduto in viso.
La seguente mattina egli e ’l compagno
Leone appresentossi a Carlo Magno.

[p. 371 modifica]


 52
     S’appresentò Ruggier con l’augel d’oro
che nel campo vermiglio avea due teste,
e come disegnato era fra loro,
con le medesme insegne e sopraveste
che, come dianzi ne la pugna fòro,
eran tagliate ancor, forate e peste;
sí che tosto per quel fu conosciuto,
ch’avea con Bradamante combattuto.

 53
     Con ricche vesti e regalmente ornato
Leon senz’arme a par con lui venia;
e dinanzi e di dietro e d’ogni lato
avea onorata e degna compagnia.
A Carlo s’inchinò, che giá levato
se gli era incontra; e avendo tuttavia
Ruggier per man, nel qual intente e fisse
ognuno avea le luci, cosí disse:

 54
     — Questo è il buon cavalliero il qual difeso
s’è dal nascer del giorno al giorno estinto;
e poi che Bradamante o morto o preso
o fuor non l’ha de lo steccato spinto,
magnanimo signor, se bene inteso
ha il vostro bando, è certo d’aver vinto,
e d’aver lei per moglie guadagnata;
e cosí viene, acciò che gli sia data.

 55
     Oltre che di ragion, per lo tenore
del bando, non v’ha altr’uom da far disegno:
se s’ha da meritarla per valore,
qual cavallier piú di costui n’è degno?
s’aver la dee chi piú le porta amore,
non è chi ’l passi o ch’arrivi al suo segno.
Et è qui presto contra a chi s’oppone,
per difender con l’arme sua ragione.

[p. 372 modifica]


 56
     Carlo e tutta la corte stupefatta,
questo udendo, restò; ch’avea creduto
che Leon la battaglia avesse fatta,
non questo cavallier non conosciuto.
Marfisa, che con gli altri quivi tratta
s’era ad udire, e ch’a pena potuto
avea tacer fin che Leon finisse
il suo parlar, si fece inanzi e disse:

 57
     — Poi che non c’è Ruggier, che la contesa
de la moglier fra sé e costui discioglia;
acciò per mancamento di difesa
cosí senza rumor non sé gli toglia,
io che gli son sorella, questa impresa
piglio contra a ciascun, sia chi si voglia,
che dica aver ragione in Bradamante,
o di merto a Ruggiero andare inante. —

 58
     E con tant’ira e tanto sdegno espresse
questo parlar, che molti ebber sospetto,
che senza attender Carlo che le desse
campo, ella avesse a far quivi l’effetto.
Or non parve a Leon che piú dovesse
Ruggier celarsi, e gli cavò l’elmetto;
e rivolto a Marfisa: — Ecco lui pronto
a rendervi di sé (disse) buon conto. —

 59
     Quale il canuto Egeo rimase, quando
si fu alla mensa scelerata accorto,
che quello era il suo figlio, al quale, instando
l’iniqua moglie, avea il veneno pòrto;
e poco piú che fosse ito indugiando
di conoscer la spada, l’avria morto:
tal fu Marfisa, quando il cavalliero
ch’odiato avea, conobbe esser Ruggiero.

[p. 373 modifica]


 60
     E corse senza indugio ad abbracciarlo,
né dispiccar se gli sapea dal collo.
Rinaldo, Orlando, e di lor prima Carlo
di qua e di lá con grand’amor baciollo.
Né Dudon né Olivier d’accarezzarlo.
né ’l re Sobrin si può veder satollo.
Dei paladini e dei baron nessuno
di far festa a Ruggier restò digiuno.

 61
     Leone, il qual sapea molto ben dire,
finiti che si fur gli abbracciamenti,
cominciò inanzi a Carlo a riferire,
udendo tutti quei ch’eran presenti,
come la gagliardia, come l’ardire
(ancor che con gran danno di sue genti)
di Ruggier, ch’a Belgrado avea veduto,
piú d’ogni offesa avea di sé potuto;

 62
     sí ch’essendo dipoi preso e condutto
a colei ch’ogni strazio n’avria fatto,
di prigione egli, mal grado di tutto
il parentado suo, l’aveva tratto;
e come il buon Ruggier, per render frutto
e mercede a Leon del suo riscatto,
fe’ l’alta cortesia che sempre a quante
ne furo o saran mai, passará inante.

 63
     E seguendo narrò di punto in punto
ciò che per lui fatto Ruggiero avea;
e come poi da gran dolor compunto,
che di lasciar la moglie gli premea,
s’era disposto di morire; e giunto
v’era vicin, se non si soccorrea.
E con sí dolci affetti il tutto espresse,
che quivi occhio non fu ch’asciutto stesse.

[p. 374 modifica]


 64
     Rivolse poi con sí efficaci preghi
le sue parole all’ostinato Amone,
che non sol che lo muova, che lo pieghi,
che lo faccia mutar d’opinïone;
ma fa ch’egli in persona andar non nieghi
a supplicar Ruggier che gli perdone,
e per padre e per suocero l’accette;
e cosí Bradamante gli promette.

 65
     A cui lá dove, de la vita in forse,
piangea i suoi casi in camera segreta,
con lieti gridi in molta fretta corse
per piú d’un messo la novella lieta:
onde il sangue ch’al cor, quando lo morse
prima il dolor, fu tratto da la pietá,
a questo annunzio il lasciò solo in guisa,
che quasi il gaudio ha la donzella uccisa.

 66
     Ella riman d’ogni vigor sí vòta,
che di tenersi in piè non ha balia;
ben che di quella forza ch’esser nota
vi debbe, e di quel grande animo sia.
Non piú di lei, chi a ceppo, a laccio, a ruota
sia condannato o ad altra morte ria,
e che giá agli occhi abbia la benda negra,
gridar sentendo grazia, si rallegra.

 67
     Si rallegra Mongrana e Chiaramonte,
di nuovo nodo i dui raggiunti rami:
altretanto si duol Gano col conte
Anseimo, e con Falcon Gini e Ginami;
ma pur coprendo sotto un’altra fronte
van lor pensieri invidïosi e grami;
e occasione attendon di vendetta,
come la volpe al varco il lepre aspetta.

[p. 375 modifica]


 68
     Oltre che giá Rinaldo e Orlando ucciso
molti in piú volte avean di quei malvagi;
ben che l’ingiurie fur con saggio avviso
dal re acchetate, et i commun disagi;
avea di nuovo lor levato il riso
l’ucciso Pinabello e Bertolagi:
ma pur la fellonia tenean coperta,
dissimulando aver la cosa certa.

 69
     Gli imbasciatori bulgari che in corte
di Carlo eran venuti, come ho detto,
con speme di trovare il guerrier forte
del liocorno, al regno loro eletto;
sentendol quivi, chiamâr buona sorte
la lor, che dato avea alla speme effetto;
e riverenti ai piè se gli gittaro,
e che tornassi in Bulgheria il pregaro;

 70
     ove in Adríanopoli servato
gli era lo scettro e la real corona:
ma venga egli a difendersi lo stato;
ch’a danni lor di nuovo si ragiona
che piú numer di gente apparecchiato
ha Costantino, e torna anco in persona:
et essi, se ’l suo re ponno aver seco,
speran di tòrre a lui l’imperio greco.

 71
     Ruggiero accettò il regno, e non contese
ai preghi loro, e in Bulgheria promesse
di ritrovarsi dopo il terzo mese,
quando Fortuna altro di lui non fèsse.
Leone Augusto che la cosa intese,
disse a Ruggier, ch’alla sua fede stesse,
che, poi ch’egli de’ Bulgari ha il domino,
la pace è tra lor fatta e Costantino:

[p. 376 modifica]


 72
     né da partir di Francia s’avrá in fretta,
per esser capitan de le sue squadre;
che d’ogni terra ch’abbiano suggetta,
far la rinunzia gli fará dal padre.
Non è virtú che di Ruggier sia detta,
ch’a muover si l’ambizïosa madre
di Bradamante, e far che’l genero ami,
vaglia, come ora udir, che re si chiami.

 73
     Fansi le nozze splendide e reali,
convenienti a chi cura ne piglia:
Carlo ne piglia cura, e le fa quali
farebbe, maritando una sua figlia.
I merti de la donna erano tali,
oltre a quelli di tutta sua famiglia,
ch’a quel signor non parria uscir del segno,
se spendesse per lei mezzo il suo regno.

 74
     Libera corte fa bandire intorno,
ove sicuro ognun possa venire;
e campo franco sin al nono giorno
concede a chi contese ha da partire.
Fe’ alla campagna l’apparato adorno
di rami intesti e di bei fiori ordire,
d’oro e di seta poi, tanto giocondo,
che ’l piú bel luogo mai non fu nel mondo.

 75
     Dentro a Parigi non sariano state
l’innumerabil genti peregrine,
povare e ricche e d’ogni qualitate,
che v’eran, greche, barbare e latine.
Tanti signori, e imbascierie mandate
di tutto ’l mondo, non aveano fine:
erano in padiglion, tende e frascati
con gran commoditá tutti alloggiati.

[p. 377 modifica]


 76
     Con eccellente e singulare ornato
la notte inanzi avea Melissa maga
il maritale albergo apparecchiato,
di ch’era stata giá gran tempo vaga.
Giá molto tempo inanzi desïato
questa copula avea quella presaga:
de l’avvenir presaga, sapea quanta
bontade uscir dovea da la lor pianta. _

 77
     Posto avea il genïal letto fecondo
in mezzo un padiglione ampio e capace,
il piú ricco, il piú ornato, il piú giocondo
che giá mai fosse o per guerra o per pace,
o prima o dopo, teso in tutto ’l mondo;
e tolto ella l’avea dal lito trace:
l’avea di sopra a Costantin levato,
ch’a diporto sul mar s’era attendato.

 78
     Melissa di consenso di Leone,
o piú tosto per dargli maraviglia,
e mostrargli de l’arte paragone,
ch’al gran vermo infernal mette la briglia,
e che di lui, come a lei par, dispone,
e de la a Dio nimica empia famiglia;
fe’ da Costantinopoli a Parigi
portare il padiglion dai messi stigi.

 79
     Di sopra a Costantin ch’avea l’impero
di Grecia, lo levò da mezzo giorno,
con le corde e col fusto, e con l’intero
guernimento ch’avea dentro e d’intorno:
lo fe’ portar per l’aria, e di Ruggiero
quivi lo fece alloggiamento adorno.
Poi, finite le nozze, anco tornollo
miraculosamente onde levollo.

[p. 378 modifica]


 80
     Eran degli anni appresso che duo milia
che fu quel ricco padiglion trapunto.
Una donzella de la terra d’Ilia,
ch’avea il furor profetico congiunto,
con studio di gran tempo e con vigilia
lo fece di sua man di tutto punto.
Cassandra fu nomata, et al fratello
inclito Ettòr fece un bel don di quello.

 81
     Il piú cortese cavallier che mai
dovea del ceppo uscir del suo germano
(ben che sapea, da la radice assai
che quel per molti rami era lontano)
ritratto avea nei bei ricami gai
d’oro e di varia seta, di sua mano.
L’ebbe, mentre che visse, Ettorre in pregio
per chi lo fece, e pel lavoro egregio.

 82
     Ma poi ch’a tradimento ebbe la morte,
e fu ’l popul troian da’ Greci afflitto;
che Sinon falso aperse lor le porte,
e peggio seguitò, che non è scritto;
Menelao ebbe il padiglione in sorte,
col quale a capitar venne in Egitto,
ove al re Proteo lo lasciò, se volse
la moglie aver, che quel tiran gli tolse.

 83
     Elena nominata era colei
per cui lo padiglione a Proteo diede;
che poi successe in man de’ Tolomei,
tanto che Cleopatra ne fu erede.
Da le genti d’Agrippa tolto a lei
nel mar Leucadio fu con altre prede:
in man d’Augusto e di Tiberio venne,
e in Roma sin a Costantin si tenne;

[p. 379 modifica]


 84
     quel Costantin di cui doler si debbe
la bella Italia, fin che giri il cielo.
Costantin, poi che’l Tevero gl’increbbe,
portò in Bisanzio il prezioso velo:
da un altro Costantin Melissa l’ebbe.
Oro le corde, avorio era lo stelo;
tutto trapunto con figure belle,
piú che mai con pennel facesse Apelle.

 85
     Quivi le Grazie in abito giocondo
una regina aiutavano al parto:
sí bello infante n’apparia, che ’l mondo
non ebbe un tal dal secol primo al quarto.
Vedeasi Iove, e Mercurio facondo,
Venere e Marte, che l’aveano sparto
a man piene e spargean d’eterei fiori,
di dolce ambrosia e di celesti odori.

 86
     Ippolito diceva una scrittura
sopra le fasce in lettere minute.
In etá poi piú ferma l’Aventura
l’avea per mano, e inanzi era Virtute.
Mostrava nòve genti la pittura
con veste e chiome lunghe, che venute
a domandar da parte di Corvino
erano al padre il tenero bambino.

 87
     Da Ercole partirsi riverente
si vede, e da la madre Leonora;
e venir sul Danubio, ove la gente
corre a vederlo, e come un Dio l’adora.
Vedesi il re degli Ungari prudente,
che ’l maturo sapere ammira e onora
in non matura etá tenera e molle,
e sopra tutti i suoi baron l’estolle.

[p. 380 modifica]


 88
     V’è che negli infantili e teneri anni
lo scettro di Strigonia in man gli pone:
sempre il fanciullo se gli vede a’ panni,
sia nel palagio, sia nel padiglione:
o contra Turchi, o contra gli Alemanni
quel re possente faccia espedizione,
Ippolito gli è appresso, e fiso attende
a’ magnanimi gesti, e virtú apprende.

 89
     Quivi si vede, come il fior dispensi
de’ suoi primi anni in disciplina et arte.
Fusco gli è appresso, che gli occulti sensi
chiari gli espone de l’antiche carte.
— Questo schivar, questo seguir conviensi.
se immortal brami e glorioso farte, —
par che gli dica: cosí avea ben tinti
i gesti lor chi giá gli avea dipinti.

 90
     Poi cardinale appar, ma giovinetto,
sedere in Vaticano a consistoro,
e con facondia aprir l’alto intelletto,
e far di sé stupir tutto quel coro.
— Qual ha dunque costui d’etá perfetto?
(parean con maraviglia dir tra loro).
Oh se di Pietro mai gli tocca il manto,
che fortunata etá! che secol santo! —

 91
     In altra parte i liberali spassi
erano e i giuochi del giovene illustre.
Or gli orsi affronta sugli alpini sassi,
ora i cingiali in valle ima e palustre:
or s’un ginnetto par che ’l vento passi,
seguendo o caprio o cerva multilustre,
che giunta par che bipartita cada
in parti uguali a un sol colpo di spada.

[p. 381 modifica]


 92
     Di filosofi altrove e di poeti
si vede in mezzo un’onorata squadra.
Quel gli dipinge il corso de’ pianeti,
questi la terra, quello il ciel gli squadra:
questi meste elegie, quel versi lieti,
quel canta eroici, o qualche oda leggiadra.
Musici ascolta, e varii suoni altrove;
né senza somma grazia un passo muove.

 93
     In questa prima parte era dipinta
del sublime garzon la puerizia.
Cassandra l’altra avea tutta distinta
di gesti di prudenzia, di iustizia,
di valor, di modestia, e de la quinta
che tien con lor strettissima amicizia
dico de la virtú che dona e spende;
de le qual tutte illuminato splende.

 94
     In questa parte il giovene si vede
col duca sfortunato degl’insubri,
ch’ora in pace a consiglio con lui siede,
or armato con lui spiega i colubri;
e sempre par d’una medesma fede,
o ne’ felici tempi o nei lugubri:
ne la fuga lo segue, lo conforta
ne l’afflizion, gli è nel periglio scorta.

 95
     Si vede altrove a gran pensieri intento
per salute d’Alfonso e di Ferrara;
che va cercando per strano argumento,
e trova, e fa veder per cosa chiara
al giustissimo frate il tradimento
che gli usa la famiglia sua piú cara:
e per questo si fa del nome erede,
che Roma a Ciceron libera diede.

[p. 382 modifica]


 96
     Vedesi altrove in arme relucente,
ch’ad aiutar la Chiesa in fretta corre;
e con tumultuaria e poca gente
a un esercito instrutto si va opporre;
e solo il ritrovarsi egli presente
tanto agli Ecclesiastici soccorre,
che ’l fuoco estingue pria ch’arder comince:
sí che può dir, che viene e vede e vince.

 97
     Vedesi altrove da la patria riva
pugnar incontra la piú forte armata,
che contra Turchi o contra gente argiva
da’ Veneziani mai fosse mandata:
la rompe e vince, et al fratel captiva
con la gran preda l’ha tutta donata;
né per sé vedi altro serbarsi lui,
che l’onor sol, che non può dare altrui.

 98
     Le donne e i cavallier mirano fisi,
senza trarne construtto, le figure;
perché non hanno appresso che gli avvisi
che tutte quelle sien cose future.
Prendon piacere a riguardare i visi
belli e ben fatti, e legger le scritture.
Sol Bradamante da Melissa instrutta
gode tra sé; che sa l’istoria tutta.

 99
     Ruggiero, ancor ch’a par di Bradamante
non ne sia dotto, pur gli torna a mente
che fra i nipoti suoi gli solea Atlante
commendar questo Ippolito sovente.
Chi potria in versi a pieno dir le tante
cortesie che fa Carlo ad ogni gente?
Di varii giochi è sempre festa grande,
e la mensa ognor piena di vivande.

[p. 383 modifica]


 100
     Vedesi quivi chi è buon cavalliero;
che vi son mille lancie il giorno rotte:
fansi battaglie a piedi et a destriero,
altre accoppiate, altre confuse in frotte.
Piú degli altri valor mostra Ruggiero,
che vince sempre, e giostra il dí e la notte;
e cosí in danza, in lotta et in ogni opra
sempre con molto onor resta di sopra.

 101
     L’ultimo dí, ne l’ora che ’l solenne
convito era a gran festa incominciato;
che Carlo a man sinistra Ruggier tenne,
e Bradamante avea dal destro lato;
di verso la campagna in fretta venne
contra le mense un cavalliero armato,
tutto coperto egli e ’l destrier di nero,
di gran persona, e di sembiante altiero.

 102
     Quest’era il re d’Algier, che per lo scorno
che gli fe’ sopra il ponte la donzella,
giurato avea di non porsi arme intorno,
né stringer spada, né montare in sella,
fin che non fosse un anno, un mese e un giorno
stato, come eremita, entro una cella.
Cosí a quel tempo solean per se stessi
punirsi i cavallier di tali eccessi.

 103
     Se ben di Carlo in questo mezzo intese
e del re suo signore ogni successo;
per non disdirsi, non piú l’arme prese,
che se non pertenesse il fatto ad esso.
Ma poi che tutto l’anno e tutto ’l mese
vede finito, e tutto ’l giorno appresso,
con nuove arme e cavallo e spada e lancia
alla corte or ne vien quivi di Francia.

[p. 384 modifica]


 104
     Senza smontar, senza chinar la testa,
e senza segno alcun di riverenzia,
mostra Carlo sprezzar con la sua gesta,
e de tanti signor l’alta presenzia,
Maraviglioso e attonito ognun resta,
che si pigli costui tanta licenzia.
Lasciano i cibi e lascian le parole
per ascoltar ciò che ’l guerrier dir vuole.

 105
     Poi che fu a Carlo et a Ruggiero a fronte,
con alta voce et orgoglioso grido:
— Son (disse) il re di Sarza, Rodomonte,
che te, Ruggiero, alla battaglia sfido;
e qui ti vo’, prima che ’l sol tramonte,
provar ch’al tuo signor sei stato infido;
e che non merti, che sei traditore,
fra questi cavallieri alcuno onore.

 106
     Ben che tua fellonia si vegga aperta,
perché essendo cristian non pòi negarla;
pur per farla apparere anco piú certa,
in questo campo vengoti a provarla:
e se persona hai qui che faccia offerta
di combatter per te, voglio accettarla.
Se non basta una, e quattro e sei n’accetto;
e a tutte manterrò quel ch’io t’ho detto.—

 107
     Ruggiero a quel parlar ritto levosse,
e con licenzia rispose di Carlo,
che mentiva egli, e qualunqu’altro fosse,
che traditor volesse nominarlo;
che sempre col suo re cosí portosse,
che giustamente alcun non può biasmarlo;
e ch’era apparecchiato sostenere
che verso lui fe’ sempre il suo dovere:

[p. 385 modifica]


 108
     e ch’a difender la sua causa era atto,
senza tòrre in aiuto suo veruno;
e che sperava di mostrargli in fatto,
ch’assai n’avrebbe e forse troppo d’uno.
Quivi Rinaldo, quivi Orlando tratto,
quivi il marchese, e’l figlio bianco e ’l bruno,
Dudon, Marfisa, contra il pagan fiero
s’eran per la difesa di Ruggiero;

 109
     mostrando ch’essendo egli nuovo sposo,
non dovea conturbar le proprie nozze.
Ruggier rispose lor: — State in riposo;
che per me fòran queste scuse sozze. —
L’arme che tolse al Tartaro famoso,
vennero, e fur tutte le lunghe mozze.
Gli sproni il conte Orlando a Ruggier strinse,
e Carlo al fianco la spada gli cinse.

 110
     Bradamante e Marfisa la corazza
posta gli aveano, e tutto l’altro arnese.
Tenne Astolfo il destrier di buona razza,
tenne la staffa il figlio del Danese.
Feron d’intorno far subito piazza
Rinaldo, Namo et Olivier marchese:
cacciaro in fretta ognun de lo steccato
a tal bisogni sempre apparecchiato.

 111
     Donne e donzelle con pallida faccia
timide a guisa di columbe stanno,
che da’ granosi paschi ai nidi caccia
rabbia de’ venti che fremendo vanno
con tuoni e lampi, e’l nero aer minaccia
grandine e pioggia, e a’ campi strage e danno:
timide stanno per Ruggier; che male
a quel fiero pagan lor parea uguale.

[p. 386 modifica]


 112
     Cosí a tutta la plebe e alla piú parte
dei cavallieri e dei baron parea;
che di memoria ancor lor non si parte
quel ch’in Parigi il pagan fatto avea;
che, solo, a ferro e a fuoco una gran parte
n’avea distrutta, e ancor vi rimanea,
e rimarrá per molti giorni il segno:
né maggior danno altronde ebbe quel regno.

 113
     Tremava, piú ch’a tutti gli altri, il core
a Bradamante; non ch’ella credesse
che ’l Saracin di forza, e del valore
che vien dal cor, piú di Ruggier potesse:
né che ragion, che spesso dá l’onore
a chi l’ha seco, Rodomonte avesse:
pur stare ella non può senza sospetto;
che di temere, amando, ha degno effetto.

 114
     Oh quanto volentier sopra sé tolta
l’impresa avria di quella pugna incerta,
ancor che rimaner di vita sciolta
per quella fosse stata piú che certa!
Avria eletto a morir piú d’una volta,
se può piú d’una morte esser sofferta,
piú tosto che patir che ’l suo consorte
si ponesse a pericol de la morte.

 115
     Ma non sa ritrovar priego che vaglia,
perché Ruggiero a lei l’impresa lassi.
A riguardare adunque la battaglia
con mesto viso e cor trepido stassi.
Quinci Ruggier, quindi il pagan si scaglia,
e vengonsi a trovar coi ferri bassi.
Le lancie all’incontrar parver di gielo;
i tronchi, augelli a salir verso il cielo.

[p. 387 modifica]


 116
     La lancia del pagan, che venne a córre
lo scudo a mezzo, fe’ debole effetto:
tanto l’acciar, che pel famoso Ettorre
temprato avea Vulcano, era perfetto.
Ruggier la lancia parimente a porre
gli andò allo scudo, e gliele passò netto;
tutto che fosse appresso un palmo grosso,
dentro e di fuor d’acciaro, e in mezzo d’osso.

 117
     E se non che la lancia non sostenne
il grave scontro, e mancò al primo assalto,
e rotta in scheggie e in tronchi aver le penne
parve per l’aria, tanto volò in alto;
l’osbergo apria (si furiosa venne),
se fosse stato adamantino smalto,
e finia la battaglia; ma si roppe:
posero in terra ambi i destrier le groppe.

 118
     Con briglia e sproni i cavallieri instando,
risalir feron subito i destrieri;
e donde gittâr l’aste, preso il brando,
si tornaro a ferir crudeli e fieri:
di qua di lá con maestria girando
gli animosii cavalli atti e leggieri
con le pungenti spade incominciaro
a tentar dove il ferro era piú raro.

 119
     Non si trovò lo scoglio del serpente,
che fu sí duro, al petto Rodomonte,
né di Nembrotte la spada tagliente,
né ’l solito elmo ebbe quel dí alla fronte;
che l’usate arme, quando fu perdente
contra la donna di Dordona al ponte,
lasciato avea sospese ai sacri marmi,
come di sopra avervi detto parmi.

[p. 388 modifica]


 120
     Egli avea un’altra assai buona armatura,
non come era la prima giá perfetta:
ma né questa né quella né piú dura
a Balisarda si sarebbe retta;
a cui non osta incanto né fatura,
né finezza d’acciar né tempra eletta.
Ruggier di qua di lá si ben lavora,
ch’al pagan l’arme in piú d’un loco fora.

 121
     Quando si vide in tante parti rosse
il pagan l’arme, e non poter schivare
che la piú parte di quelle percosse
non gli andasse la carne a ritrovare;
a maggior rabbia, a piú furor si mosse,
ch’a mezzo il verno il tempestoso mare:
getta lo scudo, e a tutto suo potere
su l’elmo di Ruggiero a due man fere.

 122
     Con quella estrema forza che percuote
la machina ch’in Po sta su due navi,
e levata con uomini e con ruote
cader si lascia su le aguzze travi;
fere il pagan Ruggier, quanto piú puote,
con ambe man sopra ogni peso gravi:
giova l’elmo incantato; che senza esso,
lui col cavallo avria in un colpo fesso,

 123
     Ruggiero andò due volte a capo chino,
e per cadere e braccia e gambe aperse.
Raddoppia il fiero colpo il Saracino,
che quel non abbia tempo a riaverse:
poi vien col terzo ancor; ma il brando fino
sí lungo martellar piú non sofferse;
che volò in pezzi, et al crudel pagano
disarmata lasciò di sé la mano.

[p. 389 modifica]


 124
     Rodomonte per questo non s’arresta,
ma s’aventa a Ruggier che nulla sente;
in tal modo intronata avea la testa,
in tal modo offuscata avea la mente.
Ma ben dal sonno il Saracin lo desta:
gli cinge il collo col braccio possente:
e con tal nodo e tanta forza afferra,
che de l’arcion lo svelle, e caccia in terra.

 125
     Non fu in terra sí tosto, che risorse,
via piú che d’ira, di vergogna pieno;
però che a Bradamante gli occhi torse,
e turbar vide il bel viso sereno.
Ella al cader di lui rimase in forse,
e fu la vita sua per venir meno.
Ruggiero ad emendar presto quell’onta,
stringe la spada, e col pagan s’affronta.

 126
     Quel gli urta il destrier contra, ma Ruggiero
lo cansa accortamente, e si ritira,
e nel passare, al fren piglia il destriero
con la man manca, e intorno lo raggira;
e con la destra intanto al cavalliero
ferire il fianco o il ventre o il petto mira;
e di due punte fe’ sentirgli angoscia,
l’una nel fianco, e l’altra ne la coscia.

 127
     Rodomonte, ch’in mano ancor tenea
il pome e l’elsa de la spada rotta,
Ruggier su l’elmo in guisa percotea,
che lo potea stordire all’altra botta.
Ma Ruggier ch’a ragion vincer dovea,
gli prese il braccio, e tirò tanto allotta,
aggiungendo alla destra l’altra mano,
che fuor di sella al fin trasse il pagano.

[p. 390 modifica]


 128
     Sua forza o sua destrezza vuol che cada
il pagan sí, ch’a Ruggier resti al paro:
vo’ dir che cadde in piè; che per la spada
Ruggiero averne il meglio giudicaro.
Ruggier cerca il pagan tenere a bada
lungi da sé, né di accostarsi ha caro:
per lui non fa lasciar venirsi adosso
un corpo cosí grande e cosí grosso.

 129
     E insanguinargli pur tuttavia il fianco
vede e la coscia e l’altre sue ferite.
Spera che venga a poco a poco manco,
sí che al fin gli abbia a dar vinta la lite.
L’elsa e ’l pome avea in mano il pagan anco,
e con tutte le forze insieme unite
da sé scagliolli, e sí Ruggier percosse,
che stordito ne fu piú che mai fosse.

 130
     Ne la guancia de l’elmo, e ne la spalla
fu Ruggier colto, e sí quel colpo sente,
che tutto ne vacilla e ne traballa,
e ritto se sostien difficilmente.
Il pagan vuole entrar, ma il piè gli falla,
che per la coscia offesa era impotente:
e ’l volersi affrettar piú del potere,
con un ginocchio in terra il fa cadere.

 131
     Ruggier non perde il tempo, e di grande urto
lo percuote nel petto e ne la faccia;
e sopra gli martella, e tien sí curto,
che con la mano in terra anco lo caccia.
Ma tanto fa il pagan che gli è risurto;
si stringe con Ruggier sí, che l’abbraccia:
l’uno e l’altro s’aggira, e scuote e preme,
arte aggiungendo alle sue forze estreme.

[p. 391 modifica]


 132
     Di forza a Rodomonte una gran parte
la coscia e ’l fianco aperto aveano tolto.
Ruggiero avea destrezza, avea grande arte,
era alla lotta esercitato molto:
sente il vantaggio suo, né se ne parte;
e donde il sangue uscir vede piú sciolto,
e dove piú ferito il pagan vede,
puon braccia e petto, e l’uno e l’altro piede.

 133
     Rodomonte pien d’ira e di dispetto
Ruggier nel collo e ne le spalle prende:
or lo tira, or lo spinge, or sopra il petto
sollevato da terra lo sospende,
quinci e quindi lo ruota, e lo tien stretto,
e per farlo cader molto contende.
Ruggier sta in sé raccolto, e mette in opra
senno e valor, per rimaner di sopra.

 134
     Tanto le prese andò mutando il franco
e buon Ruggier, che Rodomonte cinse:
calcògli il petto sul sinistro fianco,
e con tutta sua forza ivi lo strinse.
La gamba destra a un tempo inanzi al manco
ginocchio e all’altro attraversògli e spinse;
e da la terra in alto sollevollo,
e con la testa in giú steso tornollo.

 135
     Del capo e de le schene Rodomonte
la terra impresse; e tal fu la percossa,
che da le piaghe sue, come da fonte,
lungi andò il sangue a far la terra rossa.
Ruggier, c’ha la Fortuna per la fronte,
perché levarsi il Saracin non possa,
l’una man col pugnal gli ha sopra gli occhi,
l’altra alla gola, al ventre gli ha i ginocchi.

[p. 392 modifica]


 136
     Come talvolta, ove si cava l’oro
lá tra’ Pannoni o ne le mine ibere,
se improvisa ruina su coloro
che vi condusse empia avarizia, fere,
ne restano sí oppressi, che può il loro
spirto a pena, onde uscire, adito avere:
cosí fu il Saracin non meno oppresso
dal vincitor, tosto ch’in terra messo.

 137
     Alla vista de l’elmo gli appresenta
la punta del pugnal ch’avea giá tratto;
e che si renda, minacciando, tenta,
e di lasciarlo vivo gli fa patto.
Ma quel, che di morir manco paventa,
che di mostrar viltade a un minimo atto,
si torce e scuote, e per por lui di sotto
mette ogni suo vigor, né gli fa motto.

 138
     Come mastin sotto il feroce alano
che fissi i denti ne la gola gli abbia,
molto s’affanna e si dibatte invano
con occhi ardenti e con spumose labbia,
e non può uscire al predator di mano,
che vince di vigor, non giá di rabbia:
cosí falla al pagano ogni pensiero
d’uscir di sotto al vincitor Ruggiero.

 139
     Pur si torce e dibatte si, che viene
ad espedirsi col braccio migliore;
e con la destra man che ’l pugnai tiene,
che trasse anch’egli in quel contrasto fuore,
tenta ferir Ruggier sotto le rene:
ma il giovene s’accorse de l’errore
in che potea cader, per differire
di far quel empio Saracin morire.

[p. 393 modifica]


 140
     E due e tre volte ne l’orribil fronte,
alzando, piú ch’alzar si possa, il braccio,
il ferro del pugnale a Rodomonte
tutto nascose, e si levò d’impaccio.
Alle squalide ripe d’Acheronte,
sciolta dal corpo piú freddo che giaccio,
bestemmiando fuggì l’alma sdegnosa,
che fu sì altiera al mondo e sì orgogliosa.



finis.

pro bono malum.

[p. 394 modifica]