Pagina:Ariosto, Ludovico – Orlando furioso, Vol. III, 1928 – BEIC 1739118.djvu/367


quarantesimosesto 361


12
     Con lor Lattanzio e Claudio Tolomei,
e Paulo Pansa e ’l Dresino e Latino
Iuvenal parmi, e i Capilupi miei,
e ’l Sasso e ’l Molza e Florïan Montino;
e quel che per guidarci ai rivi ascrei
mostra piano e piú breve altro camino,
lulio Camillo; e par ch’anco io ci scerna
Marco Antonio Flaminio, il Sanga, il Berna.

13
     Ecco Alessandro, il mio signor, Farnese:
oh dotta compagnia che seco mena!
Fedro, Capella, Porzio, il bolognese
Filippo, il Volterano, il Madalena,
Blosio, Pierio, il Vida cremonese,
d’alta facondia inessicabil vena,
e Lascari e Mussuro e Navagero,
e Andrea Marone e ’l monaco Severo.

14
     Ecco altri duo Alessandri in quel drappello,
dagli Orologi l’un, l’altro il Guarino.
Ecco Mario d’Olvito, ecco il flagello
de’ principi, il divin Pietro Aretino.
Duo Ieronimi veggo, l’uno è quello
di Veritade, e l’altro il Cittadino.
Veggo il Mainardo, veggo il Leoniceno,
il Pannizzato, e Celio e il Teocreno.

15
     Lá Bernardo Capel, lá veggo Pietro
Bembo, che ’l puro e dolce idioma nostro,
levato fuor del volgare uso tetro,
quale esser dee, ci ha col suo esempio mostro.
Guasparro Obizi è quel che gli vien dietro,
ch’ammira e osserva il sí ben speso inchiostro.
Io veggo il Fracastorio, il Bevazano,
Trifon Gabriele, e il Tasso piú lontano.