La buona moglie/Atto III

Atto III

../Atto II ../Nota storica IncludiIntestazione 15 aprile 2020 100% Da definire

Atto II Nota storica

[p. 593 modifica]

ATTO TERZO.
SCENA PRIMA.
Strada con canale ed una gondola legata alla riva comune.
Nane montato in terra, poi messer Menego con altra gondola.

Nane. Ma! Chi nasse sfortunai, ghe tempesta sul cesto1 a star sentai. Al tragheto no gh’ho fortuna. Boni noli no ghe ne fazzo mai. Su sta fondamenta de Canaregio no se vadagna gnanca la sonzaa da onzer la forcolab.

Menego. (Arriva2 colla sua gondola vicino a quella di Nane.)

Nane. Tuti laora e mi gnente.

Menego. (Lega la sua gondola a quella di Nane.) [p. 594 modifica]

Nane. Olà! Come gh’andemio? In rio ghe xe dei pali. Perchè ve ligheu a la mia barca?

Menego. Gnente, fradelo, lassè che desmonta, e co volè, ve dago logo. (smonta)

Nane. (A sto sior da regata ghe la mando a torzio3 da galantomo). (da sè)

Menego. Compatim, compare Nane, la vostra barca no la sta ben cussì ligada.

Nane. Percossa?

Menego. Compatime, ve digo, el fero xe in boca del rio, e i ve darà drento.

Nane. Lasse che i fazza; za no la xe mia. L’ho tiolta a nolo.

Menego. Dove seu, compare, de tragheto?

Nane. Al buso.

Menego. Gh’aveu nolo?

Nane. Aspeto la fortuna.

Menego. Anca mi son per quela.

Nane. Com’ela, missier Menego, anca vu se a tragheto?

Menego. Sì ben, el paron ha fenio l’ogioc, e mi me son butao a la ventura.

Nane. El vostro Marchese xelo giazzaod?

Menego. El xe impetrioe.

Nane. Come halo fato a andar zoso?

Menego. Come che fa tanti altri. Con do tropi e con do pochi. Tropa boria e tropo vizio. Pochi bezzi e poco giudizio.

Nane. Perchè no seu andà a servir un altro paron?

Menego. Co giera zovene, tuti me voleva mi. Cainelo no stava un zorno senza paron. Adesso che son un puoco avanzao in etae, tuti i me scartaf. Vago a vedendo ch’el nostro el xe un bruto mistier. Quanto che xe megio el mistro de casa, el cuogo o el spendidor! Almanco i poi robar da zoveni, per [p. 595 modifica] mantegnirse da vechi. Nualtri, co semo a paion, no podemo robar altro che qualche lira de sonza.

Nane. Gnanca a star a tragheto no ghe xe più da far ben. Tuti i va co la manco spesa. Ghe ne xe tanti, che i xe in Canaregio, e per andar a Riva de Biasiog, i va per el tragheto dei cani4.

Menego. Hastu mai trova nissun, che te porta via la paradah?

Nane. Sì ben, de sti lustrissimi co la peruca de stucoi. I se stravacaj in trasto; i se neta le scarpe su i stramazzeti, e pò i se la bate senza i do soldi. E se se ghe dise: sutissimok, dove hala messo i bezzi? i responde con aria: sier aseno, cerchèli, che i troverè. intanto che se va sotto el felzel a cercarli, i alza la gamba levantinam e i volta bordo. Qualche volta se ghe va drio, ma invece de la gazeta, andemo a risego de tior suso de le peae.

Menego. L’altro zorno vien un musico sul pontiln. Quel che giera de volta, el dise: qua, se la comanda; qua, cara ela. El ghe dà una lumada, el vede che nol gh’ha la zenia o da festa, nol se degna e el monta in te la mia barca. Credo ch’el vogia andar a chiapar i freschi, e ghe domando: dove comandela che la serva? El se volta con aria: de là, sior, de là, sior. I mii camerada, che i se n’ha acorto, ha scomenzao a criar: paron Menego, grasso quel dindio; e mi ghe respondo: nol xe dindio, el xe caponp. El m’ha inteso, l’ha scomenzao a strapazzar in musica, e mi col remo ho batuo la solfa5.

Nane. Mi una volta ho servio un musico, e son sta tratà molto ben. [p. 596 modifica]

Menego. No vustu che i li spenda volentiera? I li vadagna cantando. Anca mi una volta ho servio una cantatrice. La gh’aveva tre merloti che la serviva; mi tirava el salario de tuti tre, senza che un savesse de l’altro, e in fin del mese spartivimo co la mare de la vertuosa.

Nane. Ti spartivi co so mare?

Menego. Giusto con ela.

Nane. Gierela mo veramente so mare?

Menego. Mi crederave de sì, perchè ho sempre sentio a dir: mare segura e pare de ventura.

Nane. Mi mo ho cognossuo de le vertuose, che gh’ha de le mame postizze.

Menego. Caro ti, dime, come hastu fato a saverlo?

Nane. Co le xe in colera, le dise tuto. A star in casa se scoverze i più bei petoloniq del mondo! A quanti marii, a quanti fradeli ho sentio co ste recchie a muar el nome!

Menego. T’arecordistu de quel foresto, che ti ha servio za do ani, ch’el gh’aveva la machina6?

Nane. De quelo che me dava un ducato al zorno?

Menego. Siben, de quelo, come xela andada?

Nane. L’ha pianta la nosar, e l’è andà a Ferrara.

Menego. E ela?

Nane. E ela la xe restada a Venezia.7

Menego. A cossa far?

Nane. A far dei passaporti per Franzas.

Menego. La farà poche facende.

Nane. Perchè?

Menego. Perchè al dì d’ancuo co trenta soldi se va in Franza, e con un ducato se toma indrio. [p. 597 modifica]

SCENA II.
Tita barcaruolo, con un altra gondola.

Tita. Oe. (di dentro)

Nane. Vien a pian, vien a pian.

Tita. Oe. (dà dentro nella gondola di Nane)

Nane. Premit, che te casca la testa.

Menego. No ve l’hogio dito? (a Nane)

Tita. Chi v’ha insegnao a ligar le barche in boca de rio? (avanzandosi con la gondola)

Nane. No ti ghe vedi, fio d’una fata e dita8?

Tita. Cossa vustu che ghe veda co sto caligou? Gh’aveva una peata a premando9.

Menego. Dà drento anca in te la mia, se ti vol aver gusto, (a Tito)

Tita. El rio xe streto, e tuti se vol ligar a sta riva.

Nane. Via, tira de longo. (a Tito)

Tita. Made10; qua me vogio ligar.

Menego. E pò ti me darà liogo.

Tita. Sì ben, ve darò liogo. Mi no cato11 da criar12 varè, fradei. (scende in terra)

Nane. El fero a fondi squasi ti m’ha butao.

Tita. Compatirne, compare Nane, no l’ho fato a posta.

Menego. Via, che cade? El parla da omo. (a Nane)

Nane. Parlo sul merito del descorso.

Tita. Savè pur che l’acqua core che la fulmina; no ho podesto nè siarv nè premer.

Nane. No digo su l’ordene de la bota, me despiase l’afronto.

Menego. Via, butè a monte.

Nane. A monte, a monte. A tanto intercessor nulla si neghi.

Menego. Compare Tita, da dove vegniu?

Tita. Vegno da la Zueca13. [p. 598 modifica]

Menego. Bon nolo?

Tita. Gnente; ho vogao de bando.

Menego. Perchè de bando?

Tita. Xe vegnù a levarme de tragheto un zovene de Marzaria14. Semo andai a levar una machina, e l’avemo menada in t’un orto. Xe arivao el so paron; el gh’ha tiolto la scanauraw del squeloto, e el n’ha impiantà a muso seco; el zovene xe andà a Venezia con un batelo; mi son vegnù via co le pive in tel saco, e quela parona la xe restada da l’ortolan in pegno per la salata.

Nane. Se no fusse i zoveni de botega, povereti nu, no faressimo gnente.

Menego. Ma, che che non è15, i so paroni li manda via.

Nane. Cossa importa? I ghe ne tiol dei altri, e i xe tuti compagni.

Menego. E pur ghe xe dei puti ben arlevai, che no xe cativi.

Nane. Sì, ma co i scomenza andar in t’una botega, i se fa coi altri, e i deventa maledeti co fa le pistole. Vardè quel Pasqualin, che col giera vostro fio el giera el più bon puto del mondo. Co l’ha scomenzà a praticar, el s’ha fato un scavezzacolo.

Menego. Quel desgrazià de Lelio l’ha fato zoso.

Nane. Chi? Vostro fio?

Menego. Tasè là. No l’ho mai volesto recognosser per fio16.

Nane. Mi no gh’ho mai credesto. Pur tropo se ne dà de sti casi, che le mugier fa mantegnir dai poveri marii i fioi de qualche pare postizzo. [p. 599 modifica]

SCENA III.
Il marchese Ottavio e detti, poi gli Sbirri.

Ottavio. Gondola. (chiama forte)

Menego. La servo. Bracket right 3.png tutti tre a gara si esibiscono.
Nane. Son qua.
Tita. Son qua mi.

Nane. Dove andeu? A mi me toca. (alli due)

Menego. Via, caveve, che toca a mi.

Tita. E mi ve digo che a mi me toca17.

Ottavio. Presto, o l’uno o l’altro, spicciatevi che ho premura. (Mi sento gli sbirri alle spaile). (da sè)

Menego. E1 xe el mio paron, toca a mi a servirlo.

Nane. El vostro paron el xe stao, adesso nol xe più. Mi son prima barca.

Tita. Coss’è sta prima barca? Qua no ghe xe ne prima, nè segonda. A sta riva xe do ani che ghe son mi, e per aver sto posto, servo de bando sta lustrissima che sta in campielo18.

Ottavio. Ma! Presto, per amor del cielo. (Or ora gli sbirri mi trovano). (da sè)

Menego. Che la resti servida. (vuol condurlo alla sua gondola)

Nane. Fermeve, sier vechio mato. (a Menego)

Tita. Mi la servirò, se la comanda. (ad Ottavio)

Ottavio. Che siate maledeti. O l’uno o 1l’altro, non m’importa.

Menego. Me vorla mi?

Ottavio. Sì, Catinello, andiamo.

Menego. Sentiu? El me vol mi.

Nane. No xe vero gnente. L’ha chiamao gondola.

Tita. Sì ben, a mi me toca. Sto posto xe mio.

Menego. Cossa xe too?

Tita. Sta riva.

Nane. La riva xe publica, cossa me contistu? [p. 600 modifica]

Ottavio. Presto, che non v’è più tempo.

Menego. Son qua. Bracket right 3.png (ognuno vuol essere preferito e scaccia l’altro)
Tita. Son qua.
Nane. In drio, cagadonai.

(Gli sbirri fermano il Marchese e gli mettono il mantello in testa.

Ottavio. Tocca a me, tocca a voi, maledetti, ha toccato a me. (parte, condotto dagli sbirri)

SCENA IV.
I tre Barcaruoli suddetti.

Menego. Varè che bela azion, che ave fato! (passeggiando)

Nane. Mio el giera el nolo, per cossa l’avevio da perder? (passeggiando)

Tita. Vualtri vegnì a magnar el sangue dei povereti. (passeggiando)

Nane. Con chi parlistu, toco de tuto aseno?

Tita. Xe do ani che me vadagno el pan a sto posto, e vualtri me vegnì a vogar sul remo.

Nane. Questo nol xe tragheto; qua no se paga libertae; semo tuti paroni.

Tita. Sangue de diana, che ve mandarave de là da stra19.

Nane. Vustu ziogar che con un pugno te buto le coste in corpo?

Tita. Se gh’avesse adosso le mie tatarex, no parleressi cussi.

Menego. Siben che son vechio, me vien vogia de cavarve el figao.

Tita. Con chi parlistu?

Nane. Con chi la gh’astu?

Menego. Con tuti do.

Nane. E mi tuti do no ve gh’ho gnanca in la mente.

Menego. E mi no ve stimo un figo.

Tita. Adesso, fionazzi d’una sgualdrina. Vago a tior el mio pistolese20.

Nane. Soto pope gh’ho tanto de stilo. [p. 601 modifica]

Menego. Con una palossada21 ve scavezzo tuti do in t’una volta. (Tutti saltano nella loro barca, la slegano e montano sulla poppa.)

Nane. Vara ve, te lo ficco in tel centopezziy (mostra il paloscio)

Menego. Lo vedistu? Te tagio el gargato. (mostra uno stocco)

Tita. Velo qua, vare. Ve sbuso co fa crieli22. (mostra uno stilo)

(S’allontanano a poco a poco, e se ne vanno colle loro gondole.)

Nane. Ah porchi!

Menego. Cortesani d’albeo!

Tita. Scarcavali!

Menego. Via, aseni.

Tita. Ah sporchi!

Nane. Chiò23. (fa un versaccio colla bocca)

Menego. Bracket right 2.png Via! OàOà.
Tita. Via!

(Sgridandosi si allontanano, e vogando partono.)

SCENA V.
Camera di Bettina.
Bettina e Catte parlando insieme.

Bettina. Ande via, lasseme star.

Catte. Mo via, cara ti, vustu morir da la fame!

Bettina. Tasè; za che el putelo dorme, lasselo dormir.

Catte. Come pustu viver? Xe da gieri in qua che no ti magni; mi, se stago do ore senza magnar, crepo.

Bettina. Ah sorela, gh’ho altra vogia che magnar!

Catte. Almanco sorbi un vovo fresco. Momola te lo cusina.

Bettina. Se lo beverò, lo buterò fuora; no posso tegnir gnente in stomego.

Catte. Bisogna sforzarse. [p. 602 modifica]

Bettina. Mi no vogio altri sforzari. Co no posso, no posso.

Catte. Ti poderessi anca dir; co no vogio, no vogio.

Bettina. Quel che volè. Lasseme star, che me farè servizio.

Catte. Anca co mi ti la gh’ha? Cossa t’hogio fato?

Bettina. Sè causa vu, che m’ho mandà. Se fussi stada con mi una sorela cossediè24, che avessi abuo un puoco più de giudizio e che gh’avessi volesto tegnir conto de mi, fursi fursi no me averia maridà.

Catte. Si ben! Se ti gieri inamorada co fa una gata.

Bettina. Sè stada vu, che m’ha fato inamorar. A forza de supiarme in te le recchie, m’ho incapricià de Pasqualin.

Catte. Mi ah, son stada ah, che t’ho fato inamorar? Povereta! T’arecordistu cossa che ti m’ha dito co ho parla de Pasqualin? Coss’è sto vederemo? Dovevi dirghe de sì. Se lo perdo, povereta vu25. Oe! Mi son stada.

Bettina. Basta; m’intendo mi, co digo torta.

Catte. Donca ti è pentia d’aver tiolto Pasqualin?

Bettina. Mi no, perchè ghe vogio ben, ma se no m’avesse inamorà, no l’averave tiolto.

Catte. Se no ti l’avessi tiolto elo, ti ghe n’averessi tiolto un altro.

Bettina. Co me recordo co giera viva mia mare, povereta, che ani che giera queli! Che spasso che aveva su quel’altana! No vedeva l’ora d’aver fenia la mia tasca, per andarme a solazzar. La festa, che gusto che gh’aveva a ziogar a la semola, a ziogar a le scondariole! Con che gusto che balava quele furlane! Adesso, tiolè, son qua, povereta, abandonada da tuti. El mario no me vol più ben, el missier no me vien più a trovar; me destruzo in lagreme, e no gh’è nissun che me compatissa.

Catte. No ghe songio mi, sorela?

Bettina. E vu no pensè altro che a vu, fia cara. Se cognossemo.

Catte. Oh, ti me cognossi puoco. [p. 603 modifica]

SCENA VI.
Momola coll’ovo fresco.

Momola. El vovo xe coto; lo vorla?

Bettina. Mo se no ghe n’ho vogia.

Catte. Lassa veder, l’hastu coto ben? (a Momola, e prende l’ovo)

Momola. Oh adessadesso no saverò gnanca cusinar un vuovo.

Catte. Sì ben, sì ben, el sta pulito. Tiò, fia, bevilo.

Bettina. Mo via, che me fè voltar el stomego.

Catte. Tiolo, se ti me vol ben.

Bettina. Se savessi che rabia che me fè.

Catte. Cara ti, fazzo per to ben. Vustu morir?

Bettina. Se moro, cossa v’importa a vu?

Catte. Senti, ti gh’ha da pensar ti, veh. No ti lo vol?

Bettina. Ve digo de no.

Catte. Ben, lo beverò mi. To dano. (lo beve)

Bettina. (Magari tanta scatà26). (da sè)

Catte. Oe, co no se beve drio ai vuovi freschi, i fa mal; andemo, Momola, vieme a dar da bever. (parte)

Bettina. No ghe dar gnente. (a Momola)

Momola. Siora no, siora no. (Oh, se ghe ne vôi dar. La m’ha impromesso de maridarme). (da sè, parte)

SCENA VII.
Bettina, poi Catte.

Bettina. Mo che femena che xe quela mia sorela! Purchè la magna e che la beva, no la ghe pensa altro. Mi ogni puoco de travagio, me desconisso27. Fegurarse come che sta el mio cuor senza de le mie vissere; senza del mio Pasqualin, no gh’ho vogia de gnente. Deboto no me ricordo più gnanca del mio putelo. Son più morta che viva.

Catte. Oh sorela, vustu rider? [p. 604 modifica]

Bettina. Oh, ghe vol assae a farme rider.

Catte. Sastu chi xe?

Bettina. Via mo, chi?

Catte. La lustrissima siora Marchesa, sola co fa una mata.

Bettina. Gh’aveu tirà28?

Catte. Mi sì.

Bettina. Cossa vorla da mi?

Catte. Indevinela29 tu grilo.

Bettina. Che la vegna pur, sentiremo.

Catte. Oe, se la fa la mata, per diana che la scufia va in tochi.

SCENA VIII.
La marchesa Beatrice e dette.

Beatrice. Vi saluto, Bettina.

Bettina. Serva, lustrissima.

Beatrice. Buon giorno a voi, signora Catte.

Catte. Strissima, strissima. (sussiegata)

Beatrice. Voi stupirete, o Bettina, vedendomi in casa vostra, e molto più stupirete, quando saprete il motivo, che qui da voi mi conduce.

Bettina. La vien in t’una povera casa, ma da ben e onorata.

Beatrice. Io sono la più infelice dama di questo mondo.

Bettina. Cossa voi dir? Cossa ghe xe sucesso?

Beatrice. È stato carcerato il Marchese mio consorte; i creditori mi hanno spogliata la casa, mi hanno levato tutto, ed una dama di condizione è costretta a mendicare sostentamento e ricovero.

Catte. Sorela, gh’hastu farina zala? (a Bettina)

Bettina. Da cossa far?

Catte. No ti senti? Don’Ana30 spasiza per portegoz.

Beatrice. Molte dame forestiere conosco, e a molti cavalieri potrei ricorrere, ma, confesso il vero, arrossisco e non ho coraggio [p. 605 modifica] di presentarmi a persone di qualità, per timore di essere rimproverata e derisa.

Bettina. E la vien da mi? A cossa far? No sala che son una povera dona?

Beatrice. Vengo da voi, perchè conosco il vostro buon cuore. Nello stato in cui presentemente mi trovo, poco basta per sovvenirmi. Deh, concedetemi che io possa qui da voi ricoverarmi, fino che, giunta la nuova della mia disgrazia a’ miei parenti, possa essere da essi soccorsa. Se mi negate il letto, dormirò su di una sedia. Venderò questo mio vestito per vivere, ma, per amor del cielo, cara Bettina, non mi abbandonate.

Catte. Se la vol vender quel strazzeto d’andriè, ghe lo venderò mi. Lo venderò a un baretin31; el xe giusto bon da far baretini.

Bettina. Siora marchesa, me stupisso che con tuto quelo che xe passà tra ela e mio mario, la vegna a recorer in casa mia, e no vorave ch’el fusse un pretesto per corer drio a Pasqualin.

Beatrice. Vi giuro da dama d’onore che mai non ho pensato a vostro marito, se non per pregarlo ch’ei mi prestasse qualche denaro.

Catte. No se salo? La fava l’amor a la borsa.

Beatrice. Non m’insultate che, benchè povera, son ancor dama. Bettina, mi raccomando alla vostra pietà.

Bettina. Siben che per causa soa ho tribulà, no gh’ho cuor de abandonarla, e dove che posso, l’agiuterò. Vorla star in casa mia? La xe patrona. Se no vegnirà Pasqualin, se la se degnerà, la dormirà in tel mio leto co mi. S’el vegnirà elo, ch’el cielo lo vogia, caverò un stramazzo del leto, e vederemo de comodarse. Quel che magnerò mi, la magnerà anca ela. Se gh’averò un pan, lo spartiremo mezzo a per omo32. Pur troppo me posso reduser anca mi in sto stato, e vogio far co ela quel che piaserave che fusse fato con mi. Mi son sempre stada nemiga de la vendeta; a chi m’ha fato del mal, ho sempre procura farghe del ben, e son segura che le bone operazion, se no le xe premiae da la zente del mondo, le xe certo certo compensae dal Cielo. [p. 606 modifica]

Beatrice. L’opera di pietà che usate meco, non può essere più meritoria.

Catte. (Poverazza! Sastu cossa che ti pol far? Ti poi mandar via la Momola, che la farà ela). (piano a Bettina)

Bettina. Cussì ti parli d’una lustrissima?

Catte. Vustu darghe da magnar de bando?

Bettina. Me lo caverave da la boca a mi per darghelo a ela. La fame xe granda in tuti, ma la xe più granda in chi xe avezzo a star ben. La zente ordenaria domanda el so bisogno, senza aver sugizion. I pitochi, se no i ghe ne trova da uno, i ghe ne trova da un altro, ma i poveri vergognosi, queli merita esser assistii, e quel poco che se ghe dà, i lo paga caro, con tanto sangue che ghe vien sul viso per la vergogna. Siora Marchesa, la resta servida. Son Bettina33, son veneziana, e le Veneziane xe de bon cuor; e pur tropo tante e tante, per tropo bon cuor, le fa dele volte dei scapuzzoni. (parte)

Beatrice. Imparate a vivere da vostra sorella. Ella, benchè nata vile, ha massime da eroina. (a Catte, e parte)

Catte. Mi no gh’è caso. Ste lustrissime descazue34 no le posso veder. Co no le gh’ha el so bisogno, le vien quachie quachie35; ma co le torna gnente gnente a refarse, le gh’ha una spuzza che no le se pol sofrir. (parte)

SCENA IX.
Camera d’osteria.
Messer Menego, Nane, Tita, poi il Cantiniere.

Menego. Camerieri.

Cantiniere. Eccomi.

Menego. Caro sior eccomi, porte una grossa de molesin.

Cantiniere. Che cosa è questo molesino? [p. 607 modifica]

Menego. Oe, no l’intende cossa che voldir molesin. Vin dolce, vin dolce.

Cantiniere. Vi servo subito. (parte)

Nane. Sti foresti no i sa parlar. I xe tanti papagai.

Menego. Via, che femo sta pase.

Nane. Mi so amigo dei amici.

Tita. Anca mi crio, ma pò la me passa.

Menego. Can che baia, no morsega.

Nane. Mare de diana, che no vogio però che nissun me zappa36 su i piè.

Menego. Tra de nualtri se disemo roba, se demo co la ose; ma, co dise el proverbio, can no magna de can.

Nane. Sì ben, ma a l’osteria no se va senza le so tatare. No se sa cossa che possa succeder.

Tita. Se vien l’occasion, piutosto dar che tior suso.
(Viene il cantiniere colla boccia di vino e tre bicchieri.)

Cantiniere. Eccomi. (versa il vino nei bicchieri, e parte)

Menego. E viva el sior eccomi. Bracket right 3.png bevono
Nane. Pare, sana.
Tita. E viva nu. )

Menego. Vegnì qua, mazzèmo un turcoaa. (Viva i amici. Si laccano i bicchieri)

Tutti. E viva.

Menego. Oe, amici, sta grossa37 la zoghemio?

Nane. Sì ben, zoghemola.

Tita. A cossa?

Menego. A la mora.

Tita. So qua, come stemio?

Menego. Mi solo contra vu altri do.

Nane. Sior no, a batifondi. Tuti per le soe.

Menego. Ai quanti?

Nane. Ai sie. [p. 608 modifica]

Tita. Sì ben, ai sie.

Menego. Al loco a chi ha da scomenzar. Toco mi, butemo. (buttano tre per uno, e Menego conta)

Menego. Pare, toca a nu.

Nane. Anemo, e no me fè scaleta.

Menego. Mi vegno real, compare. (giocano tre o quattro colpi)

Menego. E uno. A vu, compare Tita.

Tita. A mi. Ve chiapo a la prima. (giocano come sopra)

Tita. A vu, sier Nane.

Nane. Co mi? Sè in cotegoab. (giocano)

SCENA X.
Lelio e Pasqualino, Arlecchino con tabarro e spada, e detti.

Lelio. Buon pro, signori.

Arlecchino. Pro fazza, patroni.

Menego. Velo qua sto cagadonao. (verso Lelio)

Lelio. Si può? Si può? (cerca di bere)

Arlecchino. Comandale favorir? (fa lo stesso)

Nane. Sè paroni.

Menego. Schiavo, siori. (vuol partire)

Nane. Dove andeu? (a Menego)

Menego. Co gh’è colù, mi me la bato. (accenna Lelio)

Lelio. Che signor padre garbato! Voi partite per causa mia, ed io appunto veniva in traccia di voi.

Menego. Mi no son vostro pare. Andelo a cercar vostro pare.

Arlecchino. Al dì d’ancuo l’è un poco dificile a trovar so padre38.

Lelio. Donna Pasqua mia madre mi ha dichiarato per vostro figlio, e voi, per sottrarvi dall’obbligo di mantenermi, non mi volete riconoscere.

Menego. Dona Pasqua, bona memoria, xe stada una dona mata. [p. 609 modifica] No gh’ho mai credeste, no ghe credo, e vu, sior, no ve cognosso per gnente.

Arlecchino. Come? No lo volì recognosser per fio? (a Menego)

Menego. Mi ve digo del missier no.

Arlecchino. Nol ve vol recognosser per fio? (a Lelio)

Lelio. Non sentì?

Arlecchino. Vegni con39 mi. (a Lelio)

Lelio. Dove mi vuoi condurre?

Arlecchino. Vegnì con mi.

Lelio. Ma dove?

Arlecchino. A l’ospeal dei muli40.

Lelio. Ora non è tempo di facezie. Messer Menico, o padre, o non padre, voi mi avete da mantenere. Per causa di vostra moglie non son più figlio di Pantalone. Voi siete stato cheto, dunque lo avete accordato. Avete rinunziato a Pantalone Pasqualino, dunque dovete riconoscer me per vostro figlio. Io non ho mestiere, io non ho con che vivere, voi ci dovete pensare.

Arlecchino. Sior sì, vu n’avè da dar da magnar, da bever, da zogar e da mantegnir la macchina. (a Menego)

Menego. E mi no ve vogio dar gnanca l’aqua da lavarve le man.

Lelio. Se non me ne volete dar per amore, me ne darete per forza.

Arlecchino. Sangue de mi, se no ne ne41 darè, se ne toremo.

Menego. Coss’è sto per forza: coss’è ste bulae? Se no gh’averè giudizio, ve darò un fraco de legnae.

Arlecchino. Obbligatissimo a le so grazie.

Lelio. A me legnate? Giuro al cielo, se non mi volete conoscer per figlio, non vi conoscerò per padre, e vi leverò dal mondo.

Arlecchino. Bravo, cussi me piase; sior sì, ve leveremo dal mondo.

Menego. Mi, sior, no gh’ho paura de bruti musi.

Pasqualino. (Oimei! Qua se taca barufa! Me despiase d’esser in compagnia). (da sè)

Lelio. Amici, non mi abbandonate. (a Pasqualino ed Arlecchino)

Pasqualino. Son qua, no me vedè?

Arlecchino. Fideve de mi, e no ve dubitè. [p. 610 modifica]

Menego. Fradei, no me lasse. (ai barcaruoli)

Nane. Pugna prò patria, e traditor chi fugge.

Tita. Sarò qual mi vorrai, scudier o scudo.

Lelio. Alle corte. Mi volete dar dei denari, sì o no? (a Menego)

Menego. Anca mi a le curte. No ve vogio dar gnente.

Lelio. Siete un cane, un assassino del vostro sangue.

Menego. A mi?

Nane. Oe, come parlela, sior?

Tita. Qua no se alza la ose, patron.

Lelio. Che pretendete da me? Bricconi quanti siete. Pasqualino, Arlecchino, pronti.

Nane. Coss’è sti briconi? Sier peruca de stopa42.

Tita. Parlè megio sier mandria43.

Lelio. Eh, giuro al cielo. (alza il bastone contro i barcaruoli)

Nane. In drio, sier cagadonao. (caccia mano a un stilo)

Tita. Via, che te sbuso. (sfodera un pugnale)

Lelio. V’ammazzerò quanti siete. (mette mano alla spada. Pasqualino e Arlecchino fuggono. Siegue zuffa tra Lelio e Nane e Tita; Menego vorrebbe dividerli, ma non s’arrischia; finalmente Nane dà una stilettata in petto a Lelio, il quale barcollando va a morire dentro la scena).

Nane. L’è morto, l’è morto.

Tita. Coss’avemio fato?

Menego. (Si mostra confuso senza parlare, e parte.)

Nane. Andemo, andemo. (parte)

Tita. Scampemo via. (parte)

SCENA XI.
Strada con porta d’osteria.
Pasqualino ed Arlecchino dall’osteria.

Pasqualino. Cossa mai sarà?

Arlecchino. Gnente. Son qua mi, e no abbiè paura.

Pasqualino. No vorave precipitar.

Arlecchino. Se i vien fuora, i mazzo quanti che i xe. [p. 611 modifica]

SCENA XII.
Nane e Tita dall’osteria, e detti.

Arlecchino. Salva, salva. (fugge via)

Pasqualino. Veli qua che i vien. (si nasconde)

Nane. Andemose a retirar.

Tita. Come sarala?

Nane. Gnente; la giusteremo. Lu xe sta el primo. L’avemo mazzà per defesa de la nostra vita.

Tita. E intanto cossa magneremio? Tiolè; vardè cossa che s’avanza a andar all’ostaria.

Nane. E pur xe vero, se no gh’avevimo arme, no tachevimo sta barufa.

Tita. Maledeto vizio!

Nane. Maledete bulae!

Tita. Mai più ostaria. (parte)

Nane. Mai più stilo. (parte)

SCENA XIII.
Pasqualino solo.

Come! Cossa sentio! Lelio xe morto? Povero Lelio! Cussì miseramente l’ha fenio i so zorni? Ma! La morte el se l’ha comprada. L’ha volesto far tropo da bulo. Ma mi che giera in so compagnia, ho scorso l’istesso pericolo. Anca mi podeva esser mazzà; e se moriva, o se restava ferio su l’ostaria, cossa saria stà de mi? Cossa sana stà de la mia povera mugier, del povero mio fio? Se fusse morto a l’ostaria, averia perso oltre la vita anca la reputazion. Mio pare, i mii parenti no i s’averave gnanca degnà de vegnirme a veder, e no averia trovà un can che s’avesse mosso a pietà de mi, per farme dar sepoltura. Che spasemo che me sento in tel cuor! Oh che tremazzo, che me vien da la testa ai piè. La vita de Lelio xe stada quela che m’ha fato prevaricar. La morte de Lelio [p. 612 modifica] xe quela che me fa iluminar; e se la vita de Lelio xe stada causa del mio precipizio, la morte de Lelio sia motivo del mio pentimento. Che spassi hogio abuo; che devertimenti hogio provà, dopo che me son dà a sta vita cussì cativa? Hogio mai abuo un piaser senza desgusto? Hogio mai ridesto senza motivo de pianzer? Dove xe andà quela pase, che godeva avanti che me butasse al baron? Dov’è quela quiete d’anemo co la qual andava in leto la sera, e me levava sù la matina? Lelio xe sta causa de la mia rovina, ma l’ha pagà el fio dei so scandali, dei so mali esempi. Toca a mi adesso a pagar el fio de le mie baronade, de le mie iniquità; ma avanti che ariva el fulmine a incenerirme, tornerò a muar vita: me buterò ai piè del mio povero pare: domanderò perdon a la mia cara mugier; me racomanderò de cuor a la protezion del Cielo, e spero trovar agiuto, se no per mi, che nol merito, almanco per una mugier onorata, per un putelo inocente, che co le so lagreme domanda pietà per un cativo mario, per un pare crudel. (resta piangendo)

SCENA XIV.
Menego, dall’osteria, e detto.

Menego. (Esce mesto senza parlare, asciugandosi gli occhi.)

Pasqualino. Com’ela, missier Menego?

Menego. Ah, Pasqualin! El povero Lelio xe restà su la bota. El giera tristo, el giera scelerato, ma però la natura no pol far de manco de no me far pianzer la morte cussì cativa d’un fio cussì scelerato.

Pasqualino. Donca l’ave recognossuo per vostro fio?

Menego. Adesso digo ch’el giera mio fio.

Pasqualino. Adesso ch’el xe morto?

Menego. Sì ben, el fin che l’ha fato, fa che lo recognossa per fio. El Cielo castiga i fioi che perde el respeto a so pare; Lelio m’ha perso el respeto a mi, el Cielo l’ha castigà, el Cielo l’ha fato morir; donca Lelio giera mio fio. [p. 613 modifica]

Pasqualino. (Poverazzo, el me fa pecà). (da sè)

Menego. Fio mio, tiolè esempio da lu, siè bon, respetè vostro sior pare, fè conto de vostra mugier, perchè questo xe el fin de la zente trista. El Cielo no paga a setimana. O tardi, o a bonora, el ne ariva, e una le paga tute.

Pasqualino. Pur tropo disè la verità. E se ’l Cielo me darà tempo, farò cognosser al mondo che son pentio, ma de cuor. Ma del povero Lelio cossa sarà? Nissun lo farà sepelir?

Menego. Gh’ho dà a l’osto tuti i mii aneli, tuti i mii arecordi, e do zecchini che gh’aveva in scarsela, aciochè el lo fazza sepelir.

Pasqualino. E quei povereti che l’ha mazzà?

Menego. Mi, che so pare del morto, ghe darò la pase. Quei de l’osteria i sarà testimoni che lu xe sta el primo a dar. Farò che i se presenta, e gh’ho speranza che con puoco i se libererà.

Pasqualino. E intanto Lelio xe morto.

Menego. No me lo vorave più recordar. Me sento el cuor ingropà, no miga perchè el sia morto, ma perchè el xe morto malamente e da poco de bon. (parte)

Pasqualino. Presto, no vôi perder tempo. Vago da mia mugier. Vogia el cielo che me perdona mio pare. Ah, l’ha dito pur ben quel poeta!

          «In questa vita lagrimosa e amara,
          «Felice quel che all’altrui spese impara. (parte)

SCENA XV.
Camera di Bettina.
Bettina e la marchesa Beatrice.

Bettina. Via, la staga aliegra, che tuto se giusterà. Ho mandà a chiamar mio sior missier, gh’ho fato contar tuto al mario de la furtariola44, e el m’ha fato dir che adessadesso el [p. 614 modifica] vegnirà qua. El xe con mi un puoco in colera, ma el xe tanto bon, che gh’ho speranza ch’el l’agiuterà ela e ch’el m’agiuterà anca mi.

Beatrice. Cara Bettina, quanto sono tenuta al vostro bel cuore!

Bettina. Oh, in materia de bon cuor no la cedo a nissun. Povereta, ma schieta e sincera. Quel che gh’ho in cuor, gh’ho in boca, e co posso, fazzo del ben a tuti.

Beatrice. Il cielo vi benedica.

SCENA XVI.
Catte e dette.

Catte. Sorela, hastu sentio a bater?

Bettina. Mi no.

Catte. Sastu chi xe?

Bettina. Chi? Sior Pantalon?

Catte. Oh giusto. Xe Pasqualin.

Bettina. Pasqualin? Oh siestu benedeto! Dov’elo45 le mie vissere? Vienlo de su?

Catte. Gh’ho paura che nol se ossa46.

Bettina. Mi, mi gh’anderò incontra. Caro el mio ben, el cielo me l’ha mandao. Oh Dio, che no posso più! (parte)

Catte. Siora Marchesa, andemo in st’altra camera.

Beatrice. Perchè?

Catte. No la sente che xe qua Pasqualin?

Beatrice. E per questo? Che importa?

Catte. No la sa che xe tre zorni che nol vien a casa de so mugier?

Beatrice. Cara signora Catte, mi fate ridere, benchè non ne ho voglia. (parte)

Catte. Fegurève se Betina vol sugizion! So come che la xe fata co so mario. (parte) [p. 615 modifica]

SCENA XVII.
Bettina e Pasqualino.

Bettina. Vien qua, le mie vissere, vieti qua, el mio cuor. Cossa gh’astu, che ti me par sbatuo?

Pasqualino. Oh, cara mugier...

Bettina. Cara mugier ti me disi? Cara mugier? Benedeta quela boca! Me vustu ben?

Pasqualino. No gh’ho fià de47 parlar. Se savessi cossa xe sucesso?

Bettina. No me far morir, vita mia. Cossa xe stà?

Pasqualino. Lelio xe stà mazzà.

Bettina. Poverazzo! Distu dasseno? Che gieristu ti?

Pasqualino. Giera poco lontan.

Bettina. Hastu abuo paura? Fate trar sangue. Oe, Cate.

SCENA XVIU.
Catte e detti.

Catte. Cossa gh’è?

Bettina. Cara ti, va a chiamar el barbier.

Pasqualino. Lasse star, lasse star. No gh’è bisogno.

Catte. Cossa volevistu far del barbier?

Bettina. Pasqualin ha abuo paura. Porteghe un goto d’acqua.

Catte. Oh giusto aqua. El vol esser vin bon. Dame la chiave de la caneva48.

Pasqualino. No gh’ho bisogno de gnente. La paura me xe passada.

Catte. Voleu de l’aqua per el spasemo? Deme diese soldi, che ve ne vago a tior.

Pasqualino. Ve ringrazio, no vogio gnente. Cara Betina, cossa feu? Sten ben?

Bettina. Sì, caro, co ti xe a casa ti, stago da regina.

Pasqualino. Cossa fa el putelo? [p. 616 modifica]

Bettina. E1 dorme. Vustu che lo desmissia49?

Pasqualino. No no, lasselo dormir. Quanto xe che no vedè mio pare?

Bettina. L’aspeto qua adessadesso. Oh, se ti savessi chi ghe xe in casa nostra?

Pasqualino. Chi ghe xe?

Bettina. Siora Marchesa, miserabile, povereta, che la fa pietà; so mario xe in preson, e ela la xe vegnua a racomandarse che se ghe daga alozo per carità.

Pasqualino. Mandela via subito.

Bettina. No, Pasqualin, no la vogio mandar via. La carità xe sempre bona. Chi sa ch’el Cielo no m’abia dà la consolazion che ti torni a casa, per la carità che ho fato a sta povera zentildona!

Catte. Se vedessi, come la mastega ben. (a Pasqualino)

Pasqualino. Mugier, no so da che banda prencipiar a domandarve perdon dei mali tratamenti, che fin adesso v’ho fato...

Bettina. Zito, no disè cussi, che me fè cascar le lagreme. (piange)

Pasqualino. I bezzi i xe fenii.

Bettina. No m’importa.

Pasqualino. I manini xe andai.

Bettina. No ghe penso.

Pasqualino. I debiti ancora ghe xe.

Bettina. No ve stè a aflizer, che i pagheremo.

Pasqualino. Mio pare no me vorà più.

Bettina. Chi sa? Pol esser de sì.

Pasqualino. No gh’ho coragio de andar da lu.

Bettina. Adessadesso el vegnirà qua.

Pasqualino. No so come far a parlar.

Bettina. Lasseme parlar a mi.

Pasqualino. Cara mugier, me racomando a vu.

Bettina. Sè el mio caro mario: no ve dubitè. [p. 617 modifica]

Catte. I bate.

Bettina. Andè a veder.

Catte. Oh, son deboto stufa. Momola, dormistu? (parte)

SCENA XIX.
Bettina e Pasqualino, poi la marchesa Beatrice.

Pasqualino. Oh, se podessimo tornar in casa de mio sior pare!

Bettina. Oe, el xe elo! Momola gh’ha averto. (osservando dalla porta)

Pasqualino. No vogio ch’el me veda.

Bettina. Scondeve là, e co ve chiamerò, vegnirè.

Pasqualino. Ah, pur tropo lo confesso, mi no meritava una mugier così bona. (si nasconde)

Bettina. Siora Marchesa, dov’ela? (chiama la marchesa)

Beatrice. Son qui, mi rallegro con voi delle vostre consolazioni.

Bettina. Grazie. Xe qua mio missier.

Beatrice. A voi mi raccomando.

SCENA XX.
Pantalone e detti.

Pantalone. Strissima, siora Marchesa.

Beatrice. Serva, signor Pantalone.

Pantalone. Schiavo, niora. (a Beatrice)

Bettina. Patron, sior missier50. La lassa che ghe basa la man. (gli bacia la mano)

Pantalone. (Poverazza! La me fa pecca!) (da sè) Siora Marchesa, ho sentio tutto, e per le raccomandazion che m’ha fatto far mia niora, son andà subito a la preson, dove che ghe xe el sior Marchese. L’ho trova confuso, tra el dolor e l’allegrezza. Dolor de vederse là drento, dolor pensando a la so zentildonna afflitta e appassionada: ma el xe allegro e contento, perchè [p. 618 modifica] sta lettera, che mi ghe porto per so consolazion, ghe dà avviso de la morte de so fradelo, dal qual l’eredita diese mille scudi d’intrada a l’anno. Cognosso el mercante che scrive la lettera, onde mi ghe farò piezeria51; e doman el vegnirà fuora, e ghe darò dei bezzi per far i fati soi. Lu el protesta de voler muar vita, per no tornarse a redur in sto stato miserabile e vergognoso. La fazza anca ela l’istesso; la se regola, la se governa: perchè se la tornerà in sta miseria, se la se abuserà de la provvidenza, no la troverà più nè agiuto, nè compassion.

Beatrice. Rendo grazie al Cielo della nuova felice che mi arrecate, ancorchè mi costi pena sentir la morte di mio cognato. Protesto che sarò cauta per l’avvenire, e farò che mi servano di regola le mie presenti calamità.

Pantalone. Gran bel libro xe sto mondo! S’impara de le gran belle cosse! Bettina, aveu savesto de Lelio, che xe stà mazzà?

Bettina. Sior sì, l’ho savesto.

Pantalone. Aveu mo savesto, che in quella baruffa ghe giera anca vostro mario?

Bettina. El giera poco lontan.

Pantalone. Perchè la paura l’ha fatto andar via.

Bettina. El Cielo se serve de sti mezzi per far reveder la zente.

Pantalone. Vostro mario no se revederà mai.

Bettina. E pur ghe zuro che l’è pentio.

Pantalone. No ghe credo mai più.

Bettina. Caro sior missier, la prego per amor del Cielo....

Pantalone. No me stè a parlar de colù.

Bettina. Siora Marchesa, la senta. (le parla nell’orecchio)

Beatrice. Volentieri. (parte)

Bettina. Sior missier, son qua ai so piè52 a domandarghe pietà. Se nol remete Pasqualin in te la so grazia, se nol lo torna a recever per fio, cossa sarà de lu? Cossa sarà de mi? Semo ai estremi, no savemo più come viver. E el gh’averà sto cuor de vederme andar a remengo a domandando53 la limosina? Caro sior missier, nol me abandona per carità. (inginocchiata) [p. 619 modifica]

Pantalone. Leveve suso. Se volè vegnir in casa mia, sè parona, ma colù no lo vogio.

Bettina. E el voria ch’avesse sto cuor de impiantar mio mario? Mio mario, che xe l’anema mia? Che ghe vôi tanto ben? El Cielo me l’ha dà, e fin ch’el Cielo me lo lassa, no lo vogio abandonar. Se nol ne vol in casa, pazienzia. Anderemo a servir, se vadagneremo el pan co le nostre fadighe; ma staremo insieme, ma viveremo da boni compagni, ma saremo sempre mario e mugier. (piange)

Pantalone. (Ste lagreme le me casca sul cuor, ma Pasqualin xe tropo desgrazià). (da sè)

SCENA XXI.
La marchesa Beatrice e Momola per di dietro di Pantalone, portando il bambino a Bettina, e detti.

Bettina. Sior missier. (Pantalone non la guarda) Se nol54 lo vol far per mi, el lo fazza almanco per ste care raìse, che xe qua. (gli mostra il bambino)

Pantalone. (Si volta e lo vede, e resta confuso.)

Bettina. Questo a la fin xe so sangue. Nol lo abandona, nol lo lassa patir, nol fazza ch’el se destruza per el desasioac, ch’el mora per poco governo o per mancanza de pan. L’ha pur dito che questo sarà el baston de la so vechiezza, ch’el sarà el so caro Pantaloncin. Velo qua, povereto, velo qua co le so manine a domandarghe anca elo pietà. Prèghelo el nono, vissere mie, prèghelo ch’el se mova a compassion de la to mama e del to papà.
(Fa stendere le mani al bambino, in atto di supplicar Pantalone.)

Pantalone. (Piangendo) Poveretto! Vien qua, vita mia. Povero sangue innocente! (lo prende) [p. 620 modifica]

Bettina. (Fa cenno a Pasqualino, che venga avanti.)

Pasqualino. (Bel bello s’accosta, e s’inginocchia dall’altra parte, a’ piedi di Pantalone.)

Bettina. Ah sì, vedo ch’el se scomenza a intenerir. Spero ch’el ghe perdonerà al so caro fio, e ch’el l’abrazzerà insieme co la so cara mugier.

Pantalone. Dov’elo sto poco de bon?

Bettina. Sior missier, la varda.

Pantalone. (Si volta e vede Pasqualino) Qua ti xe?

Pasqualino. Perdonanza. (inginocchiato)

Bettina. Misericordia. (s’inginocchia anch’essa)

Pantalone. Leveve su, leveve su. No posso più star saldo. Me sento crepar el cuor. Pasqualin, xestu veramente pentio?

Pasqualino.. Sior pare, so pentio, prego el cielo che me castiga.

Pantalone. Varda ch’el cielo no xe sordo.

Pasqualino. Ve lo digo de cuor.

Pantalone. Orsù, vegnì qua, cari i mii fioi, unica consolazion de la mia vechiezza. Vegnì in casa mia. Sarè più paroni de mi. No parlemo più del passà. Caro fio, che ti m’ha dà tanti travagi, dame un poco de consolazion. Niora cara, le vostre lagreme m’ha mosso a compassion, ma più m’ha mosso sta povera inocente creatura, che ghe vôi tanto ben.

Pasqualino..Sior pare, lasse che ve basa la man.

Bettina. Anca mi, sior missier. (tutti due gli baciano le mani)

Pasqualino. Cara mugier.

Bettina. Caro mario.

Pasqualino. Ve strenzo al sen. (s’abbracciano fra di loro)

Bettina. Ve abrazzo col cuor. (tutti piangono)

Beatrice. Fanno piangere me pure per tenerezza.

SCENA ULTIMA.
Catte e detti.

Catte. Coss’è sti pianti?

Pantalone. Oh giusto vu, siora Catte. Saveu cossa che v’ho da dir? Che mio fio e mia niora i torna in casa mia, ma no [p. 621 modifica] veggio che nè vu, nè vostro mario ghe metta nè piè, nè passo, e a vu ve comando che no la stè a praticar. (a Bettina)

Catte. A mi no m’importa, e gnanca a mio mario. Za elo, più ch’el vien vechio, e più el deventa avaro, e mai no ghe casca gnente. In casa soa no se pol sperar gnente. Va là, sorela, che ti sta fresca. No ghe staria co quel vechio per tuto l’oro del mondo. Tiogo su el mio zendà, e vago via. Chi s’ha visto, s’ha visto. Chi no me vol, no me merita.

               Sior Pantalon, ve gh’ho
               Dove che le galine fa el cocò. (parte)

Pantalone. Sentiu che bela sorela, che gh’avè?

Bettina. La xe una mata; bisogna compatirla.

Pasqualino. Farè ben a no la praticar. (a Bettina)

Pantalone. Andemo a casa da mi.

Pasqualino. Vegnirò contento co la mia cara mugier.

Pantalone. Va là, che ti te pol vantar d’aver una bona mugier. (a Pasqualino)

Bettina. Volesse el cielo che fusse una bona mugier, ma per esser tal ghe vol trope cosse.

Pantalone. Cossa ghe vol?

Bettina. Mia mare, co la giera viva, la m’insegnava de le bele cosse, e tra le altre la m’ha insegna sto

SONETTO.

          Per poderse vantar Bona Mugier
               Bisogna a so mario portar respeto,
               Solamente per lu sentir afeto,
               E far, quando bisogna, el so dover.

          No bisogna pretender de saver,
               Ne s’ha da far le cosse per despeto.
               E se avesse el mario qualche defeto,
               Soportarlo bisogna, e no parer.

[p. 622 modifica]

          Quela è bona mugier, che i fati soi
               Sa far in casa, e mai no fa la mata,
               E no gh’ha in testa el fumo de rafioi55.

          Ma una bona mugier così ben fata,
               Bona per el consorte e per i fìoi,
               Tuti la cerca, ma nissun la cata56.

Fine della Commedia.




Note dell'autore
  1. Sugna.
  2. È un legno, al quale s’appoggia il remo per vogare.
  3. Ha terminati i danari.
  4. Senza quattrini.
  5. Più che ghiacciato, indurito come pietra, senza un soldo.
  6. Mi lasciano come inutile.
  7. Di fronte a S. Geremia, ma separata dal Canal Grande.
  8. Che non il diano il pagamento del vogare.
  9. Indurita come stucco, colla manteca.
  10. Si distendono.
  11. Accorciamento d’illustrissimo, che fa equivoco con asciuttissimo, cioè senza danari.
  12. Coperchio della gondola.
  13. Leggiera.
  14. Ponticello dalla terra alla barca.
  15. Tappeto col quale si parano le gondole, dove si mettono i piedi.
  16. È un musico.
  17. Intrichi.
  18. Piantar la noce, indebitarsi.
  19. Ad appiccare altrui il male di questo nome.
  20. Tienti a sinistra.
  21. Nebbia.
  22. Arrestare la barca.
  23. I soldi rubati dalla scodella di legno, che tengono i mercatanti per riporre i danari, che guadagnano alla giornata delle merci vendute. I fattorini, o come diciam noi, i giovani, che da quella scodella furano, si chiamano in Veneziano: Scana squellotti.
  24. Arme.
  25. Nella trippa.
  26. Ha fame.
  27. Far un brindisi.
  28. Siete alla trappola.
  29. Disagio.
Note dell'editore
  1. Deretano.
  2. Bettin.: Missier Menego arriva.
  3. Barca a torzio, in abbandono, portata dalla corrente. Boerio.
  4. Che non passano l’acqua, ma vanno per la via lunga  1
    1. Per il Ponte di Rialto.
  5. L’ho battuto col remo.
  6. La cicisbea, l’amante.
  7. La parte che segue di questa scena, manca nelle edd. Savioli, Zatta e altre posteriori.
  8. «Modo coperto d’ingiuriare alcuno»: Boerio, Diz.
  9. Premer la barca, volgerla a mano sinistra: Boerio, Diz.
  10. Mai no.
  11. Trovo.
  12. Strepitare, litigare.
  13. L’isola della Giudecca.
  14. Merceria. Vedi la canzonetta I paroncini, ed. da Malamani, Il Settec. a Ven., Torino, 1892. I. II, pp. 288 sgg.
  15. Bettin.: Ma che non è.
  16. Nelle edd. Savioli, Zatta e in altre posteriori così segue: «Nane. Vostra muggier l’ha dito ela. Menego. Mi no gh’ho mai credesto ecc.».
  17. Nella ed. Bettin. segue: «Nane. E mi ve digo che a mi me toca».
  18. Piccolo campo, o sia piazzetta veneziana. V. Boerio.
  19. Al diavolo, in malora: v. Boerio. Gioco di parole. Stra è luogo già famoso di villeggiatura, sul fiume Brenta, verso Padova.
  20. Specie di coltello a larga lama, che la maschera di Pantalone porta sempre alla cintola.
  21. Palosso, paloscio: spada corta, di lama larga.
  22. Come crivelli.
  23. Pron. ciò.
  24. Come si deve.
  25. Vedi sc. 8. Att. I, della Putta onorata.
  26. Sterco: v. Boerio.
  27. Mi struggo, mi consumo. Boerio.
  28. Sott: il saliscendi.
  29. Zatta: indovinela.
  30. Donna Anna, la fame: Boerio.
  31. Venditore di berrette: Boerio.
  32. Sav. e Zatta: mezzo per omo.
  33. Sav. e Zatta qui e altrove: so.
  34. Decadute.
  35. Quatte quatte, umili: v. Boerio. Leggasi quace: poichè, come si sa, la consonante e, seguita da h, ritiene suono palatale davanti ai dittonghi in cui precede i «recchie» recie; «occhi» oci: ma «pochi» resta pochi, da «poco».
  36. Mi pesti. Boerio.
  37. Misura di vino «ch’è meno d’un boccale»; Boerio, Diz.
  38. Sav. e Zatta: pader.
  39. Sav. e Zatta: co.
  40. Bastardi.
  41. Bettin.: se non me ne’
  42. «Signore da burla»: Boerio.
  43. «Incivile, villano»; Boerio.
  44. Bett., Sav., Zatta: frutariola.
  45. Bettin.: Dov’ele.
  46. Che non osi.
  47. Sav. e Zatta: da.
  48. Cantina.
  49. Svegli.
  50. Suocero.
  51. Malleveria: Boerio.
  52. Bettin. qui e altrove: pie.
  53. Sav. e Zatta: domandar.
  54. Zatta: Se no la.
  55. Ravioli.
  56. Trova. - Nei codd. Cicogna 358 (ora 1408) e 360 (ora 1410) leggesi questo sonetto, seguito da una lunga coda; e servì alla compagnia Medebach di ringraziamento o di addio, l’ultima sera del carnovale 1749-50, sul teatro di S. Angelo. Lo stampò di recente V. Malamani, nel fase. dell’Ateneo Ven. dedicato a C. C, Venezia, genn. febbr. 1907.