Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/613


LA BUONA MOGLIE 603

SCENA VI.
Momola coll’ovo fresco.

Momola. El vovo xe coto; lo vorla?

Bettina. Mo se no ghe n’ho vogia.

Catte. Lassa veder, l’hastu coto ben? (a Momola, e prende l’ovo)

Momola. Oh adessadesso no saverò gnanca cusinar un vuovo.

Catte. Sì ben, sì ben, el sta pulito. Tiò, fia, bevilo.

Bettina. Mo via, che me fè voltar el stomego.

Catte. Tiolo, se ti me vol ben.

Bettina. Se savessi che rabia che me fè.

Catte. Cara ti, fazzo per to ben. Vustu morir?

Bettina. Se moro, cossa v’importa a vu?

Catte. Senti, ti gh’ha da pensar ti, veh. No ti lo vol?

Bettina. Ve digo de no.

Catte. Ben, lo beverò mi. To dano. (lo beve)

Bettina. (Magari tanta scatà1). (da sè)

Catte. Oe, co no se beve drio ai vuovi freschi, i fa mal; andemo, Momola, vieme a dar da bever. (parte)

Bettina. No ghe dar gnente. (a Momola)

Momola. Siora no, siora no. (Oh, se ghe ne vôi dar. La m’ha impromesso de maridarme). (da sè, parte)

SCENA VII.
Bettina, poi Catte.

Bettina. Mo che femena che xe quela mia sorela! Purchè la magna e che la beva, no la ghe pensa altro. Mi ogni puoco de travagio, me desconisso2. Fegurarse come che sta el mio cuor senza de le mie vissere; senza del mio Pasqualin, no gh’ho vogia de gnente. Deboto no me ricordo più gnanca del mio putelo. Son più morta che viva.

Catte. Oh sorela, vustu rider?

  1. Sterco: v. Boerio.
  2. Mi struggo, mi consumo. Boerio.