La buona moglie/Atto II

Atto II

../Atto I ../Atto III IncludiIntestazione 15 aprile 2020 100% Da definire

Atto I Atto III

[p. 559 modifica]

ATTO SECONDO..
SCENA PRIMA.
Camera d'osteria con tavola preparata con piatti, vino, ecc.
Lelio, Pasqualino, Arlecchino, Sbrodegona, Malacarne e due compagnoni, tutti a tavola, che mangiano, bevono e stanno in allegria.

Lelio. Alla salute di questa bella ragazza. (beve)

Tutti. E viva.

Pasqualino. E viva sta bela puta. (beve)

Tutti. E viva.

Arlecchino. A la salute de ste do verginele. (beve)

Tutti. E viva.

Lelio. Che ne dite, eh. Pasqualino? Questo si chiama vivere, questo si chiama godere il mondo. [p. 560 modifica]

Pasqualino. Oh che gusto! Oh che spasso! Oh che bel divertimento! Magnar ben, bever megio, e aver arente de sta sorte de tochi, bisogna star aliegri per forza. (accenna le due femmine)

Arlecchino. Ma! Gran mi! Mi son quello che trova fora de sta sorte de roba.

Lelio. Evviva Arlecchino. Beviamo alla sua salute. Evviva Arlecchino, (bevono tutti)

Pasqualino. E viva Arlechin.

Tutti. E viva, e viva.

Sbrodegona. Che bel anelo, che gh’ha sior Pasqualin.

Pasqualino. Ve piaselo, Sbrodegona? Sè parona.

Sbrodegona. Magari ch’el me lo donasse.

Pasqualino. Tiolè, cara, ve lo dono volentiera. (le dà un anello)

Sbrodegona. Grazie.

Malacarne. E a mi, sior Lelio, me donela gnente!

Lelio. Volete bere? Ecco un bicchier di vino.

Malacarne. Vardè! Sbrodegona ha abuo un anelo, e mi gnente.

Lelio. Un anello poi lo vorrei impiegar un poco meglio.

Pasqualino. Tiolè via, tasè, tiolè sta scatola. (dona una tabacchiera a Malacarne)

Malacarne. Grazie, sior Pasqualin. A lu ghe n’indormo1. (a Lelio)

Lelio. Ed io v’ho in tasca.

Sbrodegona. Caspita! La scatola che ha abuo Malacarne, val più de l’anelo.

Malacarne. Ti te voressi meter co mi?

Sbrodegona. Chi estu ti?

Malacarne. E ti chi estu?

Sbrodegona. No ti xe degna de zolarme2 le scarpe.

Malacarne. Povera sporca, no ti me cognossi.

Sbrodegona. A mi sporca?

Malacarne. A ti, sì ben, a ti.

Sbrodegona. Vustu zogar che te tiro un piato in tel muso.

Malacarne. Te sfriso co sto goto, vara. [p. 561 modifica]

SCENA II.
Cameriere d’osteria e detti.

Cameriere. Zitto, che siate maledette! Sempre strepiti sull’osteria. Favoriscano, signori, chi è di loro signori che ha nome Pasqualino?

Pasqualino. No me cognossè? Mi gh’ho nome Pasqualin.

Cameriere. Compatisca, son forestiere. È poco che io sono in Venezia; non la conosco.

Pasqualino. Cossa voleu da mi?

Cameriere. Vi è un certo vecchio colla veste nera e la barba lunga, che cerca di vussignoria.

Pasqualino. Oh povereto mi! Mio pare.

Lelio. Ditegli che non C’è. (al cameriere)

Pasqualino. Sì, diseghe che no ghe son.

Cameriere. Io, che so vivere, gliel’ho detto, ma egli vuole salire assolutamente.

Pasqualino. Cossa farogio, povereto mi? Cari amici, lassè che me sconda.

Arlecchino. Basta che la se contenta de pagar el disnar, e la se sconda quanto che la voL..

Pasqualino. Sì ben, pagherò. Lasseme sconder; andè via, lasseme qua mi; pagherò mi.

Lelio. Non abbiate soggezione...

Pasqualino. Velo qua ch’el vien. (si nasconde sotto la tavola)

SCENA III.
Pantalone e detti.

Pantalone. Buon pro, patroni. (va guardando se vede Pasqualino)

Arlecchino. Comandela, sior Pantalon? La resti servida; la senta sto vin, s’el ghe piase. (s’alza da tavola con un bicchier di vino)

Pantalone. No, ve ringrazio; fra pasto no bevo.

Arlecchino. No la me fazza sto torto. (gli offre un bicchiere di vino)

Pantalone. Ve son obbligà, come se l’avesse recevesto. (E pur i m’ha dito de seguro ch’el ghe xe). (da sè, osservando d’intorno p [p. 562 modifica]

Arlecchino. Per favor, per finezza, la ghe metta suso la bocca. (come sopra, gli offre il vino)

Pantalone. Via, receverò le vostre grazie. (lo vuol prendere)

Arlecchino. A la so salute. (egli stesso lo beve)

Pantalone. (Che creanza da aseno! Quello xe el tabaro de Pasqualin). (vede il tabarro di Pasqualino, attaccato alla parete)

Lelio. Vuol favorire, signor padre? (a Pantalone)

Pantalone. Per grazia del cielo no son più vostro pare, e se fussi stà veramente mio fio, a st’ora saressi un pezzo lontan de qua.

Lelio. In Levante a drittura mi volevate mandare?

Pantalone. Vardè che bella cossa! Missier Menego vostro pare, poverazzo, el se sfadiga, el xe a un traghetto per vadagnarse el pan, e vu qua a l’ostaria co le squaquarine3.

Sbrodegona. Coss’è ste squaquarine, sior vechio mato?

Malacarne. Parlè ben, savè, perchè se no scoverzirò tuti i vostri petolonia.

Pantalone. Via, tasè là.

Malacarne. So tuto, savè, e siben che sè vechio...

Pantalone. Via, me maraveggio dei fatti vostri.

Lelio. Sarà meglio che ce n’andiamo nell’orto, e che lasciamo questo vecchio pazzo.

Sbrodegona. Andemo pur dove che volè.

Malacarne. Andemo a chiapar un poco d’aria, che gh’ho la testa calda. (Lelio e i compagni partono, dando mano alle donne)

SCENA IV.
Pantalone, Arlecchino, e Pasqualino sotto la tavola.

Pantalone. Vardè che roba! Vardè che razza de zente! Vardè dove e come se perde la zoventù! (osservando quelli che partono)

Arlecchino. Sior Pantalon, comandela un altro goto? [p. 563 modifica]

Pantalone. No, vecchio, ve rengrazio. Piuttosto, se volè che ve ne paga una grossa, lo farò volentiera.

Arlecchino. La me farà grazia; la beverò a la prosperità de la so decrepitezza.

Pantalone. Disè quel che volè, che no ghe penso. Tiolè, questa xe una lirazzab, ma feme un servizio, diseme se qua ghe giera Pasqualin mio fio.

Arlecchino. Se el ghe giera, no vol miga dir se el ghe xe?

Pantalone. Mo no certo.

Arlecchino. Donca nol ghe giera.

Pantalone. Quel tabaro de chi xelo?

Arlecchino. El me par el tabaro de sior Pasqualin.

Pantalone. Donca Pasqualin giera qua.

Arlecchino. El qua va ben; ma l’è quel giera che no va ben.

Pantalone. Ma cossa hoggio da dir?

Arlecchino. Disè quel che volè, che no m’importa gnente.

Pantalone. Mi ve domando de mio fio.

Arlecchino. E mi ve respondo de vostro fio.

Pantalone. Xelo sta qua a disnar con vu?

Arlecchino. Sior no: mi son sta a disnar con elo.

Pantalone. Donca ave disnà insieme.

Arlecchino. Insieme.

Pantalone. Donca el giera qua.

Arlecchino. E mi ve digo che nol giera qua.

Pantalone. Ma vu dove aveu disnà?

Arlecchino. Mi ho disnà qua.

Pantalone. E ave disnà con mio fio?

Arlecchino. Ho disnà con vostro fio.

Pantalone. Donca mio fio giera qua.

Arlecchino. Donca vostro fio no giera qua.

Pantalone. Mo va là, che ti xe un gran alocco.

Arlecchino. Mo andè là, che sè un bel aseno.

Pantalone. Te compatisso, perchè ti xe un tocco de matto. Vien qua, e respondeme a ton. Mio fio ha disnà qua. [p. 564 modifica]

Arlecchino. L’ha disnà qua.

Pantalone. E dopo disnar dove xelo andà?

Arlecchino. In nissun liogo.

Pantalone. Donca el xe ancora qua.

Arlecchino. Oh! El xe va un poco meggio de el ghe giera.

Pantalone. Ma dove xelo?

Arlecchino. Zitto, vegnì qua da mi. (lo tira in disparte) Deme una altra lirazza, e saverè cossa che vol dir el ghe giera, e el ghe xe.

Pantalone. Tolè pur. (gli dà una moneta, volgarmente detta una lirazza)

Arlecchino. El ghe giera col giera a tola, el ghe xe adesso sotto la tola. (parte)

SCENA V.
Pantalone e Pasqualino, come sopra.

Pantalone. Oh siestu maledio col ghe giera e col ghe xe! Adesso l’intendo. Sto furbazzo el m’ha sentio mi, e el s’ha sconto. (Adesso lo voggio giustar co le zeolette)4. (da sè; va furioso verso la tavola, poi si ferma) Ma no xe meggio andar co le bone? De le volte un’amorosa correzion gh’ha più forza de un severo castigo. Lo farò vegnir fora, ghe parlerò da pare, e sarò veramente pare, s’el se resolverà de trattar da fio.
Pantalone s’accosta alla tavola, alza la tovaglia e scopre Pasqualino, che senza dir nulla esce, e fa una riverenza a Pantalone, e va per prendere il suo tabarro e per andarsene, e Pantalone lo ferma) Fermeve; no andè via. No son qua ne per criarve, nè per manazzarve, e molto manco per castigarve. Finalmente son pare, e ad onta de tutto quello che m’ave fatto, ancora ve voggio ben. Vedo pur troppo, che per causa de la zente cattiva, che v’ha messo su, no son più in istato de comandarve. Ve prego donca, ve prego per carità de ascoltarme. Ve domando un mezzo quarto d’ora per cortesia; ve posso domandar manco, dopo de tutto quello che ho fatto per vu? Me ascoltereu, respondeme, me ascoltereu? [p. 565 modifica]

Pasqualino. Sior sì, v’ascolterò. (con voce sommessa e tremante)

Pantalone. Mette zo quel tabaro.

Pasqualino. Ve cognosso che me volè dar. (come sopra)

Pantalone. No, Pasqualin, te lo zuro da pare che te son, no te dago e gnanca no te crio. Me basta che ti m’ascolti, e no voggio altro.

Pasqualino. Son qua, ve ascolto e no me movo.

Pantalone. Dame una cariega5.

Pasqualino. Subito. (Tremo da cao a pie). (da se, e gli porta una sedia)

Pantalone. Vustu sentarte anca ti?

Pasqualino. Mi no son straco.

Pantalone. Via, caro fio, vien qua, sentete anca ti arente de to pare. Za no ghe xe nissun, e al camerier m’ha promesso che, fin che ghe son mi, no vegnirà altri. Sèntete, fame sto servizio.

Pasqualino. Per obedirve me senterò. (No so in che mondo che sia). (da sè, prende una sedia e siede anch’esso)

Pantalone. (El scomenza a chiapar fià; spero un poco la volta de tornarlo a drezar). (da sè) Dime, Pasqualin, sastu adesso dove che semo?

Pasqualino. Credeme, sior pare (tremante)

Pantalone. Respóndeme a quel che te domando. Sastu dove che semo?

Pasqualino. A l’ostaria.

Pantalone. Cossa distu, che bel devertimento che xe l’ostaria! Te par ch’el sia un liogo proprio e civil per un putto, che xe nato ben? Per un fio d’un marcante onorato e de credito? Te par che l’ostaria sia a proposito per un omo maridà, per un pare de fioi, per un zovene de boni costumi, che gh’ha giudizio e che gh’ha fin de reputazion? Varda, caro el mio Pasqualin, varda chi pratica l’ostaria, varda con chi ti perdi el to tempo, con chi ti prostituisci la to estimazion, el to onor, quello de la to casa e quello de to povero pare? Lelio, fio d’un [p. 566 modifica] barcariol; Arlechin sportariolc, imbriagazzo e mezzan; do baroni de piazza, che sarà forsi do spioni, do bari da carte, o do sicari. Do donne avanzae da l’ospeal o dal lazzaretto, e ti tutto aliegro e contento ti godi, ti ridi, ti te deverti in mezzo a sta sorte de zente? Senza pensar a una muggier zovene, bella, onorata, e che te vol tanto ben? Senza refletter a to pare, che xe in istato de fenir co desperazion i so zorni per causa toa? Senza arecordarte del to sangue, de quella povera creatura innocente, che per mancanza de alimento se nutrisse co le lagreme de so mare? Ah Pasqualin, ah fio mio, se no ti ghe pensi de mi, se la muggier no la te tocca el cuor, almanco quel povero putelo te mova a compassion; ma più de tutto ancora pensa a a ti medemo, varda in che stato che ti te trovi, pensa a quel che ti pol deventar. Varda, caro fio, fin che ti xe sta bon, el Cielo t’ha volesto ben, per i to boni costumi el s’ha mosso a pietà de ti, e l’ha fatto che se scoverza to pare per meggiorar la to condizion. Xela questa la recompensa a le grazie del Cielo? Cussi ti te servi de quella fortuna ch’el Ciel t’ha dà? Varda, Pasqualin, che l’ingratitudine xe el vizio più detestabile de la umanità. Remedieghe fin che gh’è tempo, lassa le male pratiche, butta da banda i vizi, torna quel che ti gieri con mi, e mi sarò quel che giera con ti; promettime de scambiar vita, d’esser bon, de voler ben a la to cara muggier, e mi son qua, te esebisso la mia casa, el mio scrigno, el mio sangue, se ti lo vol.

Pasqualino. Ah, sior pare, no posso più. (si getta a’ suoi piedi piangendo)

Pantalone. Via, fio mio, no pianzer. Fate anemo, fate coraggio. Quel che xe sta, xe sta. No ghe ne parleremo mai più.

Pasqualino. Ve domando perdon... (come sopra)

Pantalone. A mi no vol che ti domandi perdon, perchè t’ho perdonà. Domanda perdon al Cielo, e fa cognosser eh el to pentimento xe vero col scambiar vita. [p. 567 modifica]

Pasqualino. Vederè quel che farò... (come sopra)

Pantalone. Via, levete suso; no me far intenerir d’avantazo.

Pasqualino. Lassè che ve basa la man. (gli bada la mano, e s’alza)

Pantalone. Sì, caro, tiò. Xe sta grando el contento che ho abuo za do anni, acquistandote per mio fio; ma xe ben più grando el contento che provo ancuo, tornandole a recuperar dopo che t’aveva perso.

Pasqualino. Mia mugier cossa dirala co la me vederà?

Pantalone. La te trarà i brazzi al collo: la pianzerà da la consolazion.

Pasqualino. A Rialto cossa diseli de mi? Me vergogno a lassarme veder.

Pantalone. Gnente, fio mio, ti vegnirà con mi, e tutti te vederà volontiera.

Pasqualino. I mile ducati i xe deboto andai.

Pantalone. N’importa gnente. Son qua mi; son to pare; ti vederà quel che farò per ti.

Pasqualino. Oh, sior pare, no me credeva mai che me volessi tanto ben!

Pantalone. Senti, Pasqualin, te voggio ben, e ti lo vedi da la maniera che adesso te tratto. No creder però miga che sia un pare de stucco, che no sappia come se fa a castigar i fioi. Sta volta t’ho perdonà, ma no te assicurar che in t’un caso simile tornasse a perdonarle; anzi in tel tempo stesso che ti ricevi el mio perdon, trema de la mia collera, e dì: Se mio pare xe sta tanto bon a perdonarme sta volta, el sarà tanto più fiero a castigarme, se mai più fallerò.

Pasqualino. No, certo, mai più, sior pare...

Pantalone. Basta cussi. Andemo.

Pasqualino. Andemo da mia mugier. No vedo l’ora de dar un baso al mio caro fio.

Pantalone. Ah Giove, deme grazia ch’el diga la verità! [p. 568 modifica]

SCENA VI.
Cameriere dell’osteria e detti.

Cameriere. Signore, prima di partire, mi favorisca di pagare il conto. (a Pasqualino)

Pantalone. A vu tocca pagar? (a Pasqualino)

Pasqualino. Sior sì, ho dito che pagherò mi.

Pantalone. Vedeu! Cussi se usa da sta sorte de zente. Se magna, se beve, se gode la macchina, e el gonzod paga. (a Pasqualino) Lasse veder a mi quel conto. (al cameriere)

Cameriere. Prenda pure (gli dà la lista del conto)

Pantalone. Che diavolo! Trentacinque lire?

Cameriere. Hanno bevuto due secchi di vino di Vicenza.

Pantalone. Ma questo xe un conto troppo alterà. Savè che ave da far con un grezzoe e ve prevale de l’occasion? Con vinti lire el conto xe paga.

Cameriere. Io non c’entro. Parli col padrone.

Pantalone. Sì ben, anderò mi al banco a parlar con elo. Pasqualin, aspetteme qua che vegno. Vardè cossa che me tocca far in tempo de mia vecchiezza! Su per le osterie a far i conti co l’osto. Gramarzè al mio sior fio. Sarala fenia? (a Pasqualino)

Pasqualino. Oh fenia, ve lo zuro.

Pantalone. Prego el Cielo, che la sia cussì. (parte col cameriere)

SCENA VII.
Pasqualino solo.

Che confusion! Che vergogna! Con mio pare la xe giustada, come anderala co mia mugier? Ma via, anca co la mugier la se giusterà, ma cossa dirà el mondo de mi? I mii amici, i mii camerada cossa dirali? Come! Me lasserò vencer dai respeti umani, e me farà più paura le parole dei vagabondi de quel che sia la colera de mio padre e le lagreme de mia mugier? No, ho [p. 569 modifica] promesso, vogio mantegnir: vogio muar vita. Se seguitava sta strada, la giera el mio precipizio. Ringrazio el Cielo, che m’ha illumina. Ringrazio mio pare, che m’ha dà la man per tirarme fuora da un laberinto, dal qual da mia posta no me podeva mai liberar.

SCENA VIII.
Lelio e detti.

Lelio. Pasqualino, che diavolo fate? Siamo nell’orto che v’aspettiamo e voi non venite?

Pasqualino. Caro amigo, lasseme star. (confuso)

Lelio. Che cosa avete? Vi ha ritrovato vostro padre?

Pasqualino. Pur tropo el m’ha trova.

Lelio. Vi avrà dato una potentissima gridata.

Pasqualino. No, noi m’ha cria, el m’ha parla con amor. Gh’ho promesso de muar vita. Bisogna che vaga con elo.

Lelio. Come! Pianterete così la conversazione? Vi par questa una azione da galantuomo? Quei buoni amici vi aspettano; le donne vi sospirano; e voi avrete sì poca creanza di non venire, di burlarci e di mancar di parola?

Pasqualino. Mio pare m’ha dito e m’ha fato tocar con man, che l’ostaria no la xe da persone civili.

Lelio. Vostro padre è un vecchio pazzo. Quand’era giovine, non diceva così. All’osteria vi vanno cavalieri, titolati, nobili, cittadini6, di tutti i ranghi, di tutte le condizioni; e non si perde niente, quando si spendono i suoi quattrini onoratamente.

Pasqualino. Sì, ma co quela sorte de zente?

Lelio. Sono due galantuomini; sono due donne proprie e civili. Ma lasciamo andar queste istorie. Se vedeste come ballano quelle due ragazze; fanno proprio cader il cuore per dolcezza. Che brio! che grazia! Quella poi ch’era presso di voi, va dicendo: Dov’è Pasqualino, dov’è il mio caro Pasqualino? [p. 570 modifica] Non posso vivere senza di lui. Sarebbe una discortesia, un’azion troppo barbara, se non veniste a darle nemmeno un addio.

Pasqualino. La me minzona?f La me cerca? (si va rasserenando)

Lelio. Sospira, delira per voi.

Pasqualino. E la balla cussì pulito?

Lelio. A perfezione. Brilla con quel piè piccolino, che farebbe innamorare i sassi.

Pasqualino. E mia mugier che m’aspeta?

Lelio. Un giorno più, un giorno meno, non importa. Anderete a casa domani.

Pasqualino. Oh Dio! Mio pare cossa diralo?

Lelio. Vostro padre dica quello che vuole; già poco può vivere, e la sua roba ha da essere vostra, voglia o non voglia. Cosa serve l’esser ricco, se non si gode? Il mondo è bello per chi lo sa prendere. Vagliono più quattr’anni di gioventù bene spesa, che trenta di vecchiaia stentata e affaticata. Fate a mio modo, prendetevi spasso fin che potete; a far da vecchio v’è tempo. Andiamo a ritrovare le nostre ragazze.

Pasqualino. Vegniria volentiera, ma mio pare me fa paura.

Lelio. Cosa vi può fare vostro padre? Non siete più un ragazzo da bastonarvi.

Pasqualino. El me farà tior suso dai zaffi7.

Lelio. Sì, come voleva fare a me quando mi credeva suo figlio. Io verrò con voi, nè avremo più paura di cento sbirri. Tenete questo stilo e non dubitate. (gli dà uno stilo)

Pasqualino. Cossa hogio da far de sto stilo?

Lelio. Mettetevelo in tasca, e alle occorrenze v’insegnerò io come si mette in opera.

Pasqualino. Vien mio pare. (tremando)

Lelio. Andiamo presto. Tenete il vostro tabarro.

Pasqualino. No gh’ho coragio.

Lelio. Siete troppo vile. [p. 571 modifica]

Pasqualino. No so cossa risolver.

Lelio. Quella giovine per voi sospira.

Pasqualino. Via, andemola donca a trovar.

Lelio. Bravo.

Pasqualino. Oimè, se mio pare no me trova più...

Lelio. E se quella donna muore per voi?

Pasqualino. Povereta! Andemola a consolar. (partono)

SCENA IX.
Il Cameriere, incontrandosi con Lelio che parte,
parla verso la scena.

Sì, signore, non dubiti che sarà servita. Nell’orto non ci verrà. Dirò che sono andati via per la porta di strada. Gran bella vita fanno questi giovinotti, ma dura poco, perchè i danari finiscono; perdono la salute, e si mettono a viver bene, quando non hanno più il comodo di viver male.

SCENA X.
Pantalone e detto.

Pantalone. Quanta fadiga che gh’ha volesto... Pasqualin, dov’estu? Pasqualin. Disè, quel zovene, dov’elo andà Pasqualin?

Cameriere. È andato fuori dell’osteria, in compagnia del signor Lelio e degli altri suoi camerata.

Pantalone. Come! L’è andà con Lelio?

Cameriere. Sì, signore, con lui.

Pantalone. E coi altri camerada? Anca co le donne?

Cameriere. Non lo volevo dire. Anco con le donne.

Pantalone. Oh, poveretto mi! Cossa me tocca sentir.

Cameriere. Vuol altro da me, signore?

Pantalone. Ande in malora anca vu.

Cameriere. Quando suo figlio verrà all’osteria, verrò da lei a portare il conto. (parte) [p. 572 modifica]

SCENA XI.
Pantalone solo.

Burleme, che gh’havè rason. Strapazzeme, che lo merito. Spueme in tel muso, che ve perdono. Mio fio ha fatto pezo. Quel can m’ha tradio; quel infame m’ha assassinà. Buttarse ai mii piè; pianzer con tanto de lagreme; sospirar, domandarme perdon, e pò burlarme in sta maniera? Prometerme de muar vita, e da un momento a l’altro tornar da cao, far pezo che mai? Com’ela sta cossa? Come se pol dar una iniquità de sta natura? Xelo sta un finto pentimento, o xela una pessima recidiva? Ah, che quel desgrazià de quel Lelio l’ha torna a precipitar! Quattro parole d’un cattivo compagno val più de tutte le più tenere correzion. Per varir una piaga, no basta un vaso d’unguento; per incancherirla poco ghe vuol. L’avessio menà con mi; no l’avessio mai lassà qua! Chi l’averave mai dito? Cussì presto? Cussì facilmente el s’ha lassà ingannar, el s’ha lassà menar via? Effetto de l’animo vizioso abituà. Ma za che vedo che no giova l’amor, che xe inutile la compassion, ti proverà la mia colera, te farò veder chi son, e se son sta fin adesso un pare amoroso, sarò in avegnir el to nemigo, el to flagello, el to più acerrimo persecutor. (parte)

SCENA XII.
Camera in casa del marchese Ottavio.
Il marchese Ottavio in veste da camera, e Brighella.

Ottavio. Accostati e di’ piano. La Marchesa è fuori di casa?

Brighella. Lustrissimo sì. Quando l’ha bezzi, no la sta in casa. Fin che la ghe n’ha uno, no la se vede più.

Ottavio. Hai cambiati i dodici zecchini? Brighella. I ho cambiadi. Questi xe trentadò ducati d’arzente. (gli dà una borsa con i ducati) [p. 573 modifica]

Ottavio. Dodici zecchini fanno trentatrè ducati d’argento, e non trentadue. I zecchini era tutti di peso.

Brighella. El scambia monede non ha da vadagnar gnente?

Ottavio. Che! Anco si paga per cambiar le monete?

Brighella. Siguro. El xe un mistier a parte, anzi l’è un mistier più bello dei altri. Chi negozia, chi investe, rischia el capital, ma chi cambia monede, tira el pro, senza che el capital se parta dal banco.

Ottavio. Gran bella industria dell’uomo! Gran sottigliezza della natura umana! Tira avanti quel tavolino, e dammi una sedia.

Brighella. La servo subito. (tira avanti il tavolino e la sedia)

Ottavio. Trentadue ducati d’argento fanno più figura di dodici zecchini. (si pone a sedere a tavolino)

Brighella. Sala chi ghe xe da basso?

Ottavio. Chi mai? Qualcheduno che vuol danari? Digli che non ci sono.

Brighella. Poi esser che quella persona voggia dei bezzi, ma credo che la ghe ne daria volentiera.

Ottavio. Chi è? Dimmelo.

Brighella. Una donna.

Ottavio. Una donna? (con allegria) È forse Bettina?

Brighella. No la xe Bettina, la xe siora Catte so sorella.

Ottavio. Venga, venga. Averà qualche buona nuova da darmi.

Brighella. (Vardè! L’è miserabile; el gh’ha sti quattro soldi mal acquistai, e l’è capace de buttarli via per cavarse un capriccio. E pò, do lirette de carne de manzo). (da sè, e parte)

SCENA xin.
Il marchese Ottavio, poi Catte, e poi Brighella.

Ottavio. Con tre T si fa tutto. Tempo, testa e testoni. Le donne si vincono o colle monete, o colla servitù.8 Bettina è stata inflessibile da fanciulla, non lo sarà forse da maritata. [p. 574 modifica]

Catte. Serva sustrissima.

Ottavio. Buon giorno, siora Catte.

Catte. Cossa fala? Stala ben? Cessa fa la so zentildona?

Ottavio. Bene, bene; tutti bene.

Catte. Me consolo tanto. In veritae, lustrissimo, ch’el gh’ha una ciera ch’el fa vogia.

Ottavio. Volete sedere?

Catte. Quel che la comanda.

Ottavio. Prendetevi una sedia.

Catte. Son un poco straca, no digo de no. Sia benedio sti zentilomini cussi degnevoli. Ghe ne xe de quei che xe rusteghi, che no i se degna de dir gnanca bestia. I crede de farse stimar, e i fa pezo. Nualtri ordenari stimemo più chi ne tratta più ben.

Ottavio. Che buone nuove mi date della nostra Bettina? (getta dal sacchetto i ducati e fa strepito)

Catte. Oh quanti bezzi! Oh che bei ducati!

Ottavio. Ah! che ne dite? Sono belli?

Catte. I consola el cuor. Ma mi i me xe stai sconti.

Ottavio. Perchè?

Catte. Perchè no ghe n’ho mai uno.

Ottavio. E così che nuove mi date di Bettina?

Catte. Bettina xe una mata, ostinada come una mussa.

Ottavio. Non ne vuol saper niente?

Catte. Se la savesse quante ghe n’ho dito: me son tanto inrabiada, che so vegnua via; ha bisognà che vaga dal spizier a bever de l’acqua de tuto cedro, e ho speso un da vinti. Ghe son andada a parlar tante volte, che ho fruà un per de scarpe. Sta matina in tel vegnir via de mia sorela, avemo criao per causa de vussustrissima, ho intacà col zendà bon in t’un chiodo, e gh’ho fato tanto de sbrego9.

Ottavio. Mi dispiace di tutte queste disgrazie. Bettina dunque non vuol ch’io vada a farle una visita? [p. 575 modifica]

Catte. No gh’è remedio, no la vol.

Ottavio. Le avete detto ch’io sarò generoso?

Catte. Caspita se ghe l’ho dito! Anzi, co m’ho sbregà el zendà, la m’ha dito: tiò su, che ti ha avanzà questo a vegnir a parlarme per quel lustrissimo; e mi gh’ho dito, cossa credistu? Se ho sbregao el zendà per causa soa, el me ne pagherà un niovo.

Ottavio. Sì, tutto va bene, ma non vi è bastato l’animo di ridurla.

Catte. Cossa vorla che ghe diga? La sorte va drio a chi no la merita. Se m’avesse tocà a mi sta fortuna, no me l’averave miga lassada scampar.

Ottavio. Voi almeno siete una donna di buon gusto.

Catte. La senta, mi son una dona da ben e onorata, che nissun poi dir gnente de mi; ma certi stomeghezzig no i me piase. Un cavalier vol far un finezza, la se acceta. Se pol voler ben senza far mal. Mi almanco la intendo cussì.

Ottavio. Voi la intendete assai bene. Volete che ve la dica, che mi piacete più di Bettina?

Catte. Oh, mi no son bela, come la xe ela: e sì, no fazzo per dir, ma co giera puta gh’aveva tanti morosi quanti cavei che gh’ho in testa.

Ottavio. Avete un certo brio vivo e disinvolto, che mi va a genio. Vostra sorella è bella, ma è una bellezza troppo malinconica; e poi è troppo giovine. Voi siete una donna di giudizio.

Catte. Oh, cossa credelo che ghe sia de diferenza de ani da eia a mi? Gnanca uno.

Ottavio. Eppure voi mostrate di più.

Catte. Xe i patimenti che se fa. Se la savesse! Quel malignazo de mio mario, quante ch’el me ne fa passar! Gnanca ancuo el m’ha porta da disnar. Gh’ho una fame che no ghe vedo.

Ottavio. Volete che vi faccia portar qualche cosa?

Catte. Oh magari!

Ottavio. Brighella. [p. 576 modifica]

Brighella. Lustrissimo. (di dentro)

Ottavio. Porta una bottiglia di vin di Cipro con quattro biscottini.

Catte. Eh, no vol buzzolai, no; porteme un paneto.

Ottavio. Oh che cara signora Catte! Mi dispiace aver gettato via il mio tempo con Bettina.

Catte. Ma! mi no giera degna. (con vezzo)

Ottavio. Ditemi, vostro marito è geloso?

Catte. Oh! Nol xe zeloso, perch’el sa che dona che son. Nissun se poi vantar d’averme tocà un deo d’una man.

Ottavio. E sì avete una bella manina.

Catte. Xe che me dezzipoh a lavar i piati, dareste gh’aveva una man, che tuti la vardava per maravegia.

Ottavio. Da vero che mi piacete.

Catte. La diga, lustrissimo, me paghela sto zendà?

Ottavio. Sì, volentieri. Bastano dieci ducati d’argento?

Catte. Per un de quei ordenari poi esser che i basta. (El xe foresto, nol sa gnente). (da sè)

Ottavio. Se non bastano dieci, ve ne darò dodici, venti, tutto quel che volete, la mia cara Cattina.

SCENA XIV.
Brighella con una bottiglia ed un bicchiere da licori
sopra un tondo e un pane, e detti
.

Brighella. L’è servida, patrona. La so gran bottiglia e el so gran paneto. (con sprezzatura a Catte, ponendo sul tavolino ogni cosa)

Catte. Grazie, vechio, grazie. (Gran invidiosi che xe sti servitori). (da sè)

Ottavio. Va via, non occorr’altro. (a Brighella)

Brighella. (Nol pol aver Pasquin, el se taca a Martorio). (si ritira)

Ottavio. Sentite quel vin di Cipro, che è prezioso.

Catte. Me faralo ben al stomego? (empie il bicchiere10) [p. 577 modifica]

Ottavio. Anzi benissimo.

Catte. Farò soppa con un poco de pan.

Ottavio. Quel che volete, siete voi la padrona.

Catte. Quanto me darala per el zendà?

Ottavio. V’ho detto che vi darò...

Brighella. Lustrissimo, l’è qua la padrona. (si ritira)

Ottavio. Poter del mondo! Nascondetevi, per amor del cielo. Se vi trova qui, poveretta voi.

Catte. Dove m’hogio da scender?

Ottavio. In quel camerino. Non v’è pericolo ch’ella vi vada.

Catte. La me daga...

Ottavio. Presto, nascondetevi.

Catte. I ducati per el zendà...

Ottavio. Andate, che vi venga la rabbia.

Catte. E sto vin...

Ottavio. Il diavolo che vi porti.

Catte. Oh povereta mi! (va nella camera)

Ottavio. Presto, presto (mette i denari nella borsa11)), che la signora Marchesa non li veda.

SCENA XV.
La marchesa Beatrice, il marchese Ottavio e Catte nascosta.

Ottavio. Ben venuta la signora Marchesa.

Beatrice. Ben trovato il signor Marchese.

Ottavio. E bene, com’è andata?

Beatrice. Il solito destino. Li ho persi tutti.

Ottavio. Buon pro le faccia.

Beatrice. Buon pro faccia a lei, che si divertisce col vino di Cipro.

Ottavio. Che vuol fare! Mi sentiva lo stomaco debole, voleva un poco ristorarmi.

Beatrice. Seguiti, mangi pure la sua zuppa. [p. 578 modifica]

Ottavio. Si serva Vossignoria, non m’importa.

Beatrice. Io non ne voglio.

Ottavio. Nè men io. Brighella.

Brighella. Lustrissimo.

Ottavio. Dammi da vestire.

Beatrice. Perchè son venuta io, non volete altro.

Ottavio. Ehi, dammi il vestito con gli alamari d’oro.

Brighella. (Nol ghe n’ha altri). (da sè) (Va e torna coll’abito.)

Beatrice. Che diavolo! vi sono odiosa?

Ottavio. Brighella, la finisci?

Brighella. Son qua. (lo veste)

Beatrice. Denari non vi sarà più caso d’averne.

Ottavio. Tira ben su da questa parte. (con collera)

Beatrice. Datemi almeno il mio mezzo filippo.

Ottavio. La spada. (a Brighella, che lo va servendo)

Beatrice. Vi ho pur prestati io quattro zecchini.

Ottavio. La spada, il cappello, il12 bastone, (a Brighella, alterato)

Beatrice. Fate il sordo? Non mi rispondete?

Ottavio. (La Catte... se la trova... eh, non m’importa), (da sè)

Beatrice. Andate via?

Ottavio. Per servirla. (le fa una riverenza, e parte con Brighella)

SCENA XVI.
La marchesa Beatrice e Catte nascosta, poi Brighella.

Beatrice. Maledetto giuoco! Maledettissimo giuoco! Sempre perdere, sempre perdere. Che fatalità è questa? Ma chi sa che chi mi ha guadagnati i miei denari, non li abbia guadagnati come ha fatto mio marito al povero Pasqualino? Io ho sempre quel vizio di caricar sempre i terzetti e i quartetti, e se vi è qualcheduno che sappia fare delle fattucchierie colle carte, appunto le può praticare nel far venire i terzetti e i quartetti primi. [p. 579 modifica]

Brighella. Lustrissima, xe sior Pasqualin che vorria riverirla.

Beatrice. L’ho mandato a chiamare ed è stato puntuale. Venga pure.

Brighella. Gh’oggio da far far anticamera?

Beatrice. Ti dico che venga subito.

Brighella. Domandava. (parte)

Beatrice. Voglio vedere se mi riesce di farmi prestar degli altri denari.

SCENA XVII.
Pasqualino e detta, poi Brighella.

Pasqualino. Fazzo riverenza a Vussustrissima.

Beatrice. Buon giorno, il mio caro Pasqualino. Chi vi vuole, conviene che vi mandi a chiamare. Venite molto poco a vedermi.

Pasqualino. Son sta sta mattina. Cossa me comandela?13

Beatrice. Volete un bicchierino di vin di Cipro? Ecco, quella zuppa l’ho preparata per voi.

Pasqualino. Per mi? Grazie infinite. (La m’averave fato più servizio a prepararme i dodese zecchini, che no ghe n’ho più gnanca un). (da sè)

Beatrice. Via, mangiate, bevete.

Pasqualino. In verità, no ghe n’ho vogia.

Beatrice. Mi fate torto. Questa bottiglia l’ho messa a mano per voi.

Pasqualino. Co l’è cussi, receverò le so grazie. (s’accosta per mangiare)

Beatrice. Questo è vero Cipro. (Sa il cielo che roba è!) (da sè)

Pasqualino. Adesso lo sentirò...

Brighella. Lustrissima. (ansante)

Beatrice. Cosa c’è?

Brighella. Sala chi è?

Beatrice. Chi mai?

Brighella. Bettina, muggier de sior Pasqualin. [p. 580 modifica]

Pasqualino. Mia mugier? (lascia la zuppa)

Beatrice. Cosa vuole?

Pasqualino. Per amor del cielo, la me sconda.

Beatrice. Dille che non ci sono.

Brighella. Gh’ho dito che la ghe xe.

Beatrice. Hai fatto male.

Brighella. No so cossa farghe.

Pasqualino. Cara ela, la me sconda. No vogio che nassa sussuri.

Beatrice. Ritiratevi in quel camerino.

Pasqualino. Tremo co fa una fogia. (va nella stanza dov’è nascosta Catte)

Beatrice. Fa pur ch’ella venga.

Brighella. Oh che bei pastizzi! Oh che bei matrimoni! (parte)

Beatrice. Che diavolo vorrà costei? Se mi perderà il rispetto, se ne pentirà.

SCENA XVIII.
Bettina col zendale e detti.

Bettina. Lustrissima siora Marchesa.

Beatrice. Oh Bettina! Che buon vento qui vi conduce?

Bettina. Son vegnua a darghe un poco d’incomodo.

Beatrice. Mi fate piacere. Come state? State bene?

Bettina. Eh! Cussì, cussì14.

Beatrice. Avete qualche male?

Bettina. No gh’ho mal, ma gh’ho una passion al cuor, che me destruze.

Beatrice. Perchè mai avete questa passion di cuore?

Bettina. La se pol imaginar.

Beatrice. Io? Che volete che sappia dei fatti vostri?

Bettina. La diga, lustrissima, quanto xe che no l’ha visto mio mario?

Beatrice. Pasqualino? Oh, sono dei mesi tanti. [p. 581 modifica]

Bettina. Dei mesi tanti! E pur me xe sta dito, che xe poche ore che la l’ha visto.

Beatrice. Mi maraviglio. Guardate come parlate.

Bettina. Cara lustrissima, no la vaga in colera, la senta la mia rason, e pò, se gh’ho torto, la me daga torto. Se i ghe vegnisse a dir a ela, che so mario vien in casa mia, ch’el spende, ch’el zioga, ch’el perde i bezzi e che, eccetera, cossa diravela?

Beatrice. Pur troppo mio marito è stato innamorato di voi; lo è ancora, che lo so benissimo, e può darsi che venga da voi, e spenda, e giuochi, e che so io.

Bettina. No, la veda, da mi nol ghe vien so mario. Se recordela cossa che giera da puta? Mo son cussi anca da maridada. In casa mia no ghe vien nissun. Mi lasso star i marii de le altre, e vogio che le altre lassa star mio mario.

Beatrice. In casa di una dama si parla così15?

Bettina. Mi no so gnente nè de dama, ne de pedina. Ghe digo liberamente che la me lassa star mio mario, se no anderò dove che se va.

Beatrice. Pettegola, sfacciata, che ne voglio far io di tuo marito?

Bettina. Che ne voglio fare, che ne voglio fare? La me lo lassa stare.

Beatrice. Vostro marito in casa mia non ci viene.

Bettina. E mi so che ci viene. (affettando il toscano con caricatura)

Beatrice. Chi ve l’ha detto che viene in casa mia?

Bettina. Mia sorela me l’ha dito, che ghe l’ha contà so mario, che l’ha sentio a dir da Brighella.

Beatrice. Bricconi quanti siete... (esce Catte dalla camera)

Catte. A mi una schiafa? Toco de baron, una schiafa a mi? (verso la porta ov’era rimpiattata)

Beatrice. Che fate qui voi? Con chi l’avete?

Catte. Senti, sa, ti m’ha dà una schiafa, ti me la pagherà. (come sopra)

Bettina. Sorela, chi t’ha dao? (a Catte)

Beatrice. Che cosa fate voi in questa casa? [p. 582 modifica]

Catte. Son vegnua a tior i drapi sporchi.

Beatrice. Voi non siete la lavandaia di casa.

Catte. Dona Menega no l’ha podesto vegnir ela, la m’ha manda mi.

Beatrice. Cosa facevate in quella camera?

Catte. Fava le pontaei. La varda l’ago e le azze.

Beatrice. Chi v’ha dato uno schiaffo?

Catte. Pasqualin me l’ha dao.

Bettina. Pasqualin?

Catte. Sì ben, vostro mario, quel toco de desgrazià.

Bettina. Dove xelo?

Catte. Là drento. La Lustrissima se l’ha scontoj.

Bettina. Dov’estu, sassin, dove’stu? (vuoi entrar nella camera, ed esce Pasqualino irato)

Pasqualino. Cavève, che ve dago un pugno. (a Bettina)

Bettina. Màzzeme, càveme el cuor, bevi el mio sangue, se ti lo vuol.

Beatrice. (Oimè, la mia riputazione. Manderò Brighella a cercare mio marito). (parte)

Catte. A mi una schiafa, toco de furbazzo?

Pasqualino. A vu sì, dona petegola. Cossa ghe seu andada a dir a mia mugier?

Catte. Sentistu? Perchè t’ho contao che el vegniva qua, baron, infame. Oimè, me sento che no posso più. Deboto crepo. (beve il vin di Cipro)

Bettina. Anema mia, no ti me vol più ben?

Pasqualino. Lasseme star.

Catte. Lasselo star, quel can, quel bogia; me vôi refar, se credesse che i me tagiasse l’osso del colo. (parte)

Bettina. Deboto tre zorni senza vegnir a casa? Xela questa casa vostra? Stala qua vostra mugier?

Pasqualino. Manco chiacole, siora, manco chiacole.

Bettina. Dove xela la vostra reputazion?

Pasqualino. No vôi sentir altro. (va per andar via) [p. 583 modifica]

Bettina. No, no ve lasso andar.

Pasqualino. Se me vegnì drio, ve fazzo tanto de muso. (parte)

Bettina. Vardè cossa che l’è deventà! Nol me pol più veder. El dà, el manazzak. S’el farà cussì, se precipiterà e l’anderà in preson. Povereta mi! No posso più. Lo seguiterò da lonzil per no farlo precipitar. (parte)

SCENA XIX.
Strada con veduta della casa del Marchese.
Il marchese Ottavio e Brighella.

Brighella. Sussurri grandi. Pasqualin s’ha sconto dove che giera siora Catte. El gh’ha dà una schiafa. Bettina ha strapazzà la padrona. Cosse grande!

Ottavio. Briccone! Pasqualino ha perduto il rispetto a casa mia? Me ne renderà conto. Lo voglio far cacciar in una prigione.

Brighella. La varda che i sbirri no vegna per ela.

Ottavio. Perchè?

Brighella. Perchè, come gh’ho dito ancora, quattro creditori gh’ha leva el capiatur.

Ottavio. A un mio pari non si farà un simile affronto. Sei un pazzo; va via di qua.

Brighella. (Per mi fazzo conto che da lu no voggio altro; se tiremo de longo ancora un poco, paron e servitor morimo da fame tutti do). (da sè, e parte)

SCENA XX.
Il marchese Ottavio, poi Catte, che esce dalla casa di lui.

Ottavio. Domani partirò da Venezia. Qui non ci posso più stare senza pericolo.

Catte. Oh! Giusto ela, sior Marchese. Pasqualin m’ha dà una [p. 584 modifica] schiafa in casa soa. L’ha dito un mondo de roba a la Lustrissima. Tocca a ela a castigarlo, e farghe pagar quel che l’ha fato e quelo che l’ha dito.

Ottavio. Lasciate fare a me. Vedrete se saprò vendicar voi e me nello stesso tempo.

Catte. La se recorda del zendà.

Ottavio. Ecco quel briccone, che esce di casa mia.

SCENA XXI.
Pasqualino, di casa del marchese Ottavio, e detti; poi Bettina.

Pasqualino. (Parla voltato verso la casa, non vedendo il marchese Ottavio). Sia maledeta sta casa, quando ghe son vegnù! Maledeto el so paron e la so parona.

Ottavio. Galantuomo, una parola. (a Pasqualino)

Pasqualino. La compatissa, che son fuora de mi. (con timore)

Ottavio. Briccone, indegno; così parli d’un cavaliere par mio? Così perdi il rispetto a casa mia? Così tratti una dama? Se non temessi di avvilire il mio bastone, vorrei romperti l’ossa.

Pasqualino. No la me daga, perchè, sala? Sangue de Diana... (fingendo bravura)

Catte. (La ghe daga do bastonae). (piano ad Ottavio)

Ottavio. Temerario! Ancora minacci? Ancora ardisci dire che io non ti dia? Ah giuro al cielo, che ti voglio... (alza il bastone)

Pasqualino. Indrio, sangue de diana, indrio. (mette mano allo stilo)

Catte. Oe, custion16. Capo de contrada. (parte)

Ottavio. Giù quello stilo.

Pasqualino. Indrio quel baston.

Bettina. (Esce di casa di Ottavio, e grida) Agiuto, fermeve. Sior Marchese, per amor del cielo, la prego, la vaga via.

Ottavio. Lo voglio ammazzare quel temerario. (mette mano alla spada, e va contro Pasqualino, che s’intimorisce, e Bettina si pone in sua difesa). [p. 585 modifica]

Bettina. Vien qua, vissere mie; lassa ch’el me mazza mi.

Ottavio. Levatevi di là. (a Bettina)

Bettina. No sarà mai vero che lassa el mio Pasqualin.

Ottavio. Giuro al cielo, m’avventerò contro di voi.

Bettina. Moriremo tuti do insieme.

Ottavio. Difendete un ingrato.

Bettina. Difendo mio mario.

Ottavio. Non merita l’amor vostro.

Bettina. Son obligada a volerghe ben.

Ottavio. Ve ne pentirete.

Bettina. No me pentirò mai d’una cossa giusta.

Ottavio. (Costei mi muove a compassione). Va, in grazia di una sì buona moglie, ti dono la vita. (parte)

SCENA XXII.
Bettina e Pasqualino.

Bettina. Sia ringrazia el Cielo, che l’ho liberà da la morte.

Pasqualino. (Oimei! respiro). (da sè)

Bettina. Pasqualin, fio mio, hastu abù paura?

Pasqualino. Mi paura? Se no gieri vu che me secavi la mare, vedevi vu cossa che fava a quel sior. S’el torna, povereto elo.

Bettina. Caro Pasqualin, meti zo quel stilo; metilo zo, se ti me vol ben; ma so che no ti me vol più ben, so che no son più la to cara Berina. So che per amor mio no ti lo vorà far. Te prego per l’amor che te porti a la to creatura; per amor de quel caro putelo, che ogni momento chiama el so caro papà; se i zafi te trova, i te liga, i te mena via. Cossa sarave de mi; cossa sarave de quel povero inocente? Via, Pasqualin, dame quel stilo. Gnanca per el to sangue no ti te movi a pietà? Falo almanco per amor too, varda in che pericolo che ti è. Falo per amor del Cielo, son qua, te lo domando in zenochion. (s’inginocchia) O dame quel stilo, o cazzemelo in tel sen; caveme el cuor; saziete in tel mio sangue. (piange) [p. 586 modifica]

Pasqualino. (Mostra segni di tenerezza.)

Bettina. No me leverò suso de qua, se no ti me dà quel stilo, o se no ti me mazzi. Pussibile che ste lagreme no te mova a compassion?

Pasqualino. (Si lascia cadere lo stilo.)

Bettina. Ah siestu benedio! Velo qua, ch’el me l’ha dà. Presto, presto, che no vegna i zafi. (lo prende di terra, e corre a gettarlo in canale.)

Pasqualino. (Si asciuga gli occhi.)

Bettina. Me par, oimei! d’esser respirada. Se no ti me vol ben, pazenzia. Almanco che no te veda precipita.

Pasqualino. Che bela cossa! Butarlo in canal! Songio un putelo? (adirato)

Bettina. Te despiase? Hogio fato mal? Te domando perdonanza.

Pasqualino. Basta dir che siè donne.

Bettina. Di’, Pasqualin, viestu a casa?

Pasqualino. Siora no.

Bettina. No ti gh’ha vogia de veder el to putelo?

Pasqualino. Cossa falò? Stalo ben?

Bettina. Sta note no l’ha fato altro che pianzer. El cercava el so papà; el voleva el so papà; e co ghe diseva: l’è qua el papà, sentilo, vita mia, ch’el vien, el se quietava. E pò, co nol te vedeva, el dava in t’un deroto de pianto. Pianzi lu, pianzi mi, no te digo gnente che note che avemo fato.

Pasqualino. (Poverazza!) (da sè)

Bettina. Da gieri in qua son ancora a dezunm, no ho cercà gnanca un fià de aqua. Sento proprio ch’el stomego me va via.

Pasqualino. Via, andè a magnar qualcossa; no stè cussi.

Bettina. Mi a magnar? Gnanca per insonio. Se no ti vien ti, mi no magno.

Pasqualino. Voleu morir da la fame?

Bettina. Cossa m’importa a mi? Se ho da viver in sta maniera, vogio più tosto morir. [p. 587 modifica]

Pasqualino. Vegnì qua; andemo a la malvasia17.

Bettina. A la malvasia mi no ghe son mai stada, e no ghe vogio gnanca andar.

Pasqualino. Andemo dal scaletern.

Bettina. A cossa far dal scaleter? Quei vinti o trenta soldi che volè spender, no xe megio che i magnè a casa vostra co le vostre creature?

Pasqualino. Mi a casa no ghe vogio vegnir.

Bettina. Mo perchè no ghe voleu vegnir? Volè far sempre sta vita? No sè gnancora stufo de farme pianzer, de farme sgangolir?

Pasqualino. Cossa voleu che vegna a far a casa? Mi no gh’ho gnanca un bezzo.

Bettina. N’importa; vien a casa, fio mio, che fin che ghe xe roba, magneremo. Sior Pantalon xe tanto de bon cuor, ch’el ne agiuterà.

Pasqualino. Mio pare xe in colera; el me vorà castigar. No vogio che el me trova; a casa no ghe vogio vegnir.

Bettina. Mo vien sora de mi, no aver paura. Ti vederà che tuto se giusterà. Basta che ti sii bon; che ti tendi al sodo; che ti me vogi ben.

Pasqualino. Fegureve, che quando mio pare sa che gh’ho dei debiti, cossa ch’el dirà.

Bettina. Ti gh’ha dei debiti?

Pasqualino. Seguro che ghe n’ho.

Bettina. Assae.

Pasqualino. Trenta o quaranta ducati.

Bettina. Povereta mi! No voria che t’intra vegnisse qualche desgrazia. Fio, tiò, vissere mie, tiò sti manini, impegneli, vendeli, fa quel che ti vol e paga i to debiti. Vogio viver queta, no vogio altri afani de cuor. (si leva gli smanigli e li dà a Pasqualino) [p. 588 modifica]

Pasqualino. Ti me dà i manini?

Bettina. T’ho dao el cuor, no ti vol che te daga i manini?

Pasqualino. E ti ti vol star senza?

Bettina. Cossa m’importa a mi? Fazzo più capital de mio mario, che de tuto l’oro del mondo.

Pasqualino. Cossa dirà la zente?

Bettina. Che i diga quel che i vol. Se ti vien a casa ti, no me scambio con una rezina.

Pasqualino. Povera Betina!

Bettina. Caro el mio caro mario.

Pasqualino. E pur te vogio ben.

Bettina. Distu dasseno, anema mia?

Pasqualino. Sì, cara; lassa che te abrazza.

Bettina. Benedeto el mio Pasqualin. (si abbracciano)

SCENA XXIII.
Lelio e detti.

Lelio. Bravi! Me ne rallegro; evviva!

Bettina. Via sior, el xe mio mario; cossa diressi?

Lelio. E non vi vergognate a dar in simili debolezze? Far carezze alla moglie in pubblico, che tutti vedono?

Pasqualino. Perchè? Coss’hogio fato de18 mal?

Bettina. Son so mugier.

Lelio. Non sapete che in oggi un marito che accarezzi la moglie si rende ridicolo?

Bettina. Caro sior, la tenda a far i fati soi, che la farà megio.

Lelio. A voi non bado. Pasqualino, sentite, v’ho da parlare. (lo tira in disparte)

Pasqualino. Son qua.

Bettina. Vogio sentir anca mi.

Lelio. Vedete! Le donne quando si vedono accarezzate, dicono subito quella bella parola: voglio. [p. 589 modifica]

Pasqualino. Tireve in là. Vu no ave da sentir. (a Bettina)

Bettina. Varda, Pasqualin, ch’el te farà zo.

Lelio. E voi sopportate una simile impertinenza? (a Pasqualino)

Pasqualino. Voleu aver giudizio? (a Bettina)

Bettina. Vardè che bela carità, vegnir a desviar la zente! Meter suso el mario, ch’el trata mal so mugier! Che conscienza gh’aveu?

Lelio. Io non ho veduta una petulante simile, e voi ve la passate con disinvoltura. (a Pasqualino)

Pasqualino. Voleu taser? Sè una petulante. (a Bellina)

Bettina. Sentilo come ch’el tiol suso ben le parole del so caro amigo.

Lelio. Io, se fosse mia moglie, la bastonerei come un asino. (a Pasqualino)

Pasqualino. Ande via, che adesso adesso ve dago. (a Bettina)

Bettina. Deme, via, deme; consolelo quel sior. (El diavolo me l’ha manda qua). (da sè)

Lelio. Amico, vi è una bella occasione per rifarci di tutte le nostre perdite. (piano a Pasqualino)

Pasqualino. Oh magari! (piano a Lelio)

Lelio. V’è un forestiero pieno di danari, che vuol giuocare. L’ho condotto a casa di quella amica, e son venuto a posta in cerca di voi, perchè venghiate a profittare di sì bella fortuna. (come sopra)

Pasqualino. (Salo zogar?) (come sopra)

Lelio. (Niente; li perde tutti). (come sopra)

Bettina. (Quanto che pagherave sentir cossa che i dise). (da sè)

Pasqualino. (Me dispiase che adesso no gh’ho bezzi), (come sopra)

Lelio. (Oh male; perdete un bell’incontro). (come sopra)

Pasqualino. (Gh’ho sti manini, li podemo impegnar), (come sopra)

Lelio. (Oh sì, sì, andiamo subito). (come sopra)

Pasqualino. Ande a casa, che adessadesso vegnirò anca mi. (a Bettina)

Bettina. A casa mi no ghe vago senza de vu.

Pasqualino. E vu stè qua. [p. 590 modifica]

Bettina. Vegnirò con vu.

Pasqualino. Certo, che bela cossa!

Lelio. (Eh, cacciatela via colle brusche). (come sopra)

Pasqualino. Ande via, no me fè andar in colera. (a Bettina)

Bettina. Sior Lelio, sior Lelio, el vol far poco bon fin.

Lelio. Io poco buon fine! Perchè?

Bettina. Perchè le lagreme che ho trato e che trago per causa soa, le domanda vendeta al cielo; el cielo che xe giusto, ghe le farà pagar, quando manco ch’el se lo pensa.

Lelio. Voce d’asino non va in cielo.

Pasqualino. Oh bravo! Oh co a tempo! Vedeu? Tolè su. (a Bettina)

Bettina. Sì ben, bravo, bravo. Tire de longo, che me la saverè contar. Me despiase de ti, povero Pasqualin.

Pasqualino. Anemo, andè a casa, ve digo.

Bettina. Sior no, vogio star qua.

Pasqualino. Steghe, e mi anderò via.

Bettina. Ve vegnirò drio...

Pasqualino. Se me vegnì drio, povereta vu. (parte)

Lelio. Rabbia, crepa, scoppia, pettegola. (parte)

SCENA XXIV.
Bettina sola.

No me vôi far nasar, da resto ghe responderia come ch’el menta sto desgrazià de Lelio. Basta dir che de do pari uno l’ha refudà, e l’altro nol lo vol cognosser per fio. Tiolè su, me pareva d’esser una principessa col mio Pasqualin; l’aveva reduto a vegnir a casa; l’ha infina pianto; el m’ha abrazzà; sto sassin sul più belo xe vegnù a menarmelo via. E i mii manini, povereta mi? No me li recordava più. Fegureve! Altro che pagar i debiti! Ghe li magnerà quel baron. Oh, vogio andarghe drio, se credesse ch’el me copasse. [p. 591 modifica]

SCENA XXV.
Bettina e Pantalone.

Pantalone. Dove andeu, niora?

Bettina. Mi vago a casa, sior missier.

Pantalone. Aveu visto vostro mario?

Bettina. Sior sì.

Pantalone. Cossa diselo?

Bettina. Adessadesso el vegnirà a casa anca elo.

Pantalone. No credo gnente. V’halo dito la baronada ch’el m’ha fato?

Bettina. Oh, ch’el xe tanto pentio!

Pantalone. I soliti pentimenti.

Bettina. L’ha infina pianto.

Pantalone. Anca co mi l’ha pianto, e pò l’ha fato pezo.

Bettina. Sta volta el dise dasseno.

Pantalone. No no, no ghe credo più. Niora, andè a tior el putelo, e vegni a casa mia.

Bettina. Senza de Pasqualin?

Pantalone. Lasse ch’el vaga quel desgrazià.

Bettina. Oh mi no, sior missier, senza de lu no vegno.

Pantalone. E dove xe i vostri manini? (osservandole le braccia)

Bettina. I manini? I ho lassai a casa.

Pantalone. A casa i ave lassai? Dove i aveu messi?

Bettina. In cassa.

Pantalone. In cassa? Deme mo la chiave de la cassa.

Bettina. Oh, la me compatissa. La chiave de la mia cassa no la dago a nissun.

Pantalone. No ve fide de mi? Cossa gh’aveu paura?

Bettina. Gh’ho de la roba in cassa, che no vôi che nissun la veda.

Pantalone. Gh’aveu contrabandi?

Bettina. Nualtre donne gh’avemo de le tatare19 che i omeni no le ha da veder. [p. 592 modifica]

Pantalone. E mi gh’ho paura che i manini sia andai.

Bettina. Come andai?

Pantalone. Che ve li abbia magnai vostro mario.

Bettina. Oh giusto, mio mario, gnanca per insonio.

Pantalone. Zurèlo20 mo?

Bettina. Cossa vorlo che zura? Mi ghe digo la verità.

Pantalone. Ho capio tanto che basta. Tegnì da lu. Sè do mati insieme. Fè quel che volè, no ghe penso gnente. Fè conto che sia morto. Andeve a far benedir. (parte)

SCENA XXVI.
Bettina sola.

Tiolè, anca lu va in colera, anca lu me abandona. Pazenzia! Avevio mo da zurar? Fina qualche busia, per far ben, la se pol dir21, ma zurar, no seguro. Fazzo quel che posso per no far mal, e se falo, falo per ignoranza. Anca sto interompimento de mio missier m’ha fato perder d’ochio mio mario. Adesso no so più dove trovarlo. Anderò a casa, aspeterò fin che la sorte lo manderà. Intanto me consolerò col mio fantolin. Povera mugier travagiada! Povera Betina sfortunada! Imparè, pute, vualtre che no vede l’ora de maridarve, e che a star in casa vostra ve par de star in galìa. Imparè da mi. Vardè a quante desgrazie xe sogeta una puta che se marida. El mario ve tormenta, i fioi ve strussia, le massere ve fa deventar mate, i parenti ve rimprovera, la zelosia ve consuma. Adesso cognosso quanto che stava megio da puta, e pur ghe vôi tanto ben al mio Pasqualin, che siben ch’el me trata cussì mal, lo tioria de bel niovo, e per elo me contenteria de morir. (parte)

Fine dell’Atto Secondo.




Note dell'autore
  1. Errori celati, magagne non sapute.
  2. Moneta veneziana che vale 30 soldi.
  3. Che serve di portare le sporte a prezzo vilissimo di tutti i servigi.
  4. Il semplice, l’uomo grosso
  5. Che sa poco le cose del mondo.
  6. Mi nomina.
  7. Ruvidezze da schizzinose.
  8. Mi guasto.
  9. Appuntare i pannilini più minuti l’uno all’altro, perchè non si smarriscano.
  10. Occultato.
  11. Minaccia.
  12. Da lontano.
  13. Ho digiunato.
  14. Ciambellaio.
Note dell'editore
  1. Non ne so grado. Boerio.
  2. Allacciarmi.
  3. Sgualdrine.
  4. Zeola, cipolla. «Giustar o conzar co le ceolete ecc. Acconciare uno per le feste. Boerio, l. c.
  5. Sedia.
  6. Allude all’ordine dei Cittadini o Segreta
  7. Sgherri.
  8. Sav. e Zatta: Le donne non provviste conforme al genio o al bisogno, d’ordinario alla fine, se non si vincono, si pongono però ad un gran cimento o con le monete, o colla servitù.
  9. Strappo, sdrucio.
  10. Bett.: il gotto.
  11. Sav. e Zatta: in tasca.
  12. Sav. e Zatta; ed il.
  13. Sav. e Zatta hanno solamente: Son stà sta mattina...
  14. Sav. e Zatta: Cussì e cussì.
  15. Bettin., Sav. e Zat6ta: In casa di una dama si parla così?
  16. Questione, contesa.
  17. «Luogo o bottega» dove si vendeva la malvasia o greco, vino dell’Epiro: v. Boerio, l. c; Tassini, Curiosità venez., 416; Molmenti, Vita priv.. III, 251. Nel Settecento l’uso del caffè fece assai diminuire quello della malvasia.
  18. Zatta: falo mal?
  19. Tattere.
  20. Sav. e Zatta: zurè.
  21. Sav. e Zatta: me par che la se possa dir.