Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/619


LA BUONA MOGLIE 609

No gh’ho mai credeste, no ghe credo, e vu, sior, no ve cognosso per gnente.

Arlecchino. Come? No lo volì recognosser per fio? (a Menego)

Menego. Mi ve digo del missier no.

Arlecchino. Nol ve vol recognosser per fio? (a Lelio)

Lelio. Non sentì?

Arlecchino. Vegni con1 mi. (a Lelio)

Lelio. Dove mi vuoi condurre?

Arlecchino. Vegnì con mi.

Lelio. Ma dove?

Arlecchino. A l’ospeal dei muli2.

Lelio. Ora non è tempo di facezie. Messer Menico, o padre, o non padre, voi mi avete da mantenere. Per causa di vostra moglie non son più figlio di Pantalone. Voi siete stato cheto, dunque lo avete accordato. Avete rinunziato a Pantalone Pasqualino, dunque dovete riconoscer me per vostro figlio. Io non ho mestiere, io non ho con che vivere, voi ci dovete pensare.

Arlecchino. Sior sì, vu n’avè da dar da magnar, da bever, da zogar e da mantegnir la macchina. (a Menego)

Menego. E mi no ve vogio dar gnanca l’aqua da lavarve le man.

Lelio. Se non me ne volete dar per amore, me ne darete per forza.

Arlecchino. Sangue de mi, se no ne ne3 darè, se ne toremo.

Menego. Coss’è sto per forza: coss’è ste bulae? Se no gh’averè giudizio, ve darò un fraco de legnae.

Arlecchino. Obbligatissimo a le so grazie.

Lelio. A me legnate? Giuro al cielo, se non mi volete conoscer per figlio, non vi conoscerò per padre, e vi leverò dal mondo.

Arlecchino. Bravo, cussi me piase; sior sì, ve leveremo dal mondo.

Menego. Mi, sior, no gh’ho paura de bruti musi.

Pasqualino. (Oimei! Qua se taca barufa! Me despiase d’esser in compagnia). (da sè)

Lelio. Amici, non mi abbandonate. (a Pasqualino ed Arlecchino)

Pasqualino. Son qua, no me vedè?

Arlecchino. Fideve de mi, e no ve dubitè.

  1. Sav. e Zatta: co.
  2. Bastardi.
  3. Bettin.: se non me ne’