Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/630

620 ATTO TERZO

Bettina. (Fa cenno a Pasqualino, che venga avanti.)

Pasqualino. (Bel bello s’accosta, e s’inginocchia dall’altra parte, a’ piedi di Pantalone.)

Bettina. Ah sì, vedo ch’el se scomenza a intenerir. Spero ch’el ghe perdonerà al so caro fio, e ch’el l’abrazzerà insieme co la so cara mugier.

Pantalone. Dov’elo sto poco de bon?

Bettina. Sior missier, la varda.

Pantalone. (Si volta e vede Pasqualino) Qua ti xe?

Pasqualino. Perdonanza. (inginocchiato)

Bettina. Misericordia. (s’inginocchia anch’essa)

Pantalone. Leveve su, leveve su. No posso più star saldo. Me sento crepar el cuor. Pasqualin, xestu veramente pentio?

Pasqualino.. Sior pare, so pentio, prego el cielo che me castiga.

Pantalone. Varda ch’el cielo no xe sordo.

Pasqualino. Ve lo digo de cuor.

Pantalone. Orsù, vegnì qua, cari i mii fioi, unica consolazion de la mia vechiezza. Vegnì in casa mia. Sarè più paroni de mi. No parlemo più del passà. Caro fio, che ti m’ha dà tanti travagi, dame un poco de consolazion. Niora cara, le vostre lagreme m’ha mosso a compassion, ma più m’ha mosso sta povera inocente creatura, che ghe vôi tanto ben.

Pasqualino..Sior pare, lasse che ve basa la man.

Bettina. Anca mi, sior missier. (tutti due gli baciano le mani)

Pasqualino. Cara mugier.

Bettina. Caro mario.

Pasqualino. Ve strenzo al sen. (s’abbracciano fra di loro)

Bettina. Ve abrazzo col cuor. (tutti piangono)

Beatrice. Fanno piangere me pure per tenerezza.

SCENA ULTIMA.
Catte e detti.

Catte. Coss’è sti pianti?

Pantalone. Oh giusto vu, siora Catte. Saveu cossa che v’ho da dir? Che mio fio e mia niora i torna in casa mia, ma no