Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/617


LA BUONA MOGLIE 607

Menego. Oe, no l’intende cossa che voldir molesin. Vin dolce, vin dolce.

Cantiniere. Vi servo subito. (parte)

Nane. Sti foresti no i sa parlar. I xe tanti papagai.

Menego. Via, che femo sta pase.

Nane. Mi so amigo dei amici.

Tita. Anca mi crio, ma pò la me passa.

Menego. Can che baia, no morsega.

Nane. Mare de diana, che no vogio però che nissun me zappa1 su i piè.

Menego. Tra de nualtri se disemo roba, se demo co la ose; ma, co dise el proverbio, can no magna de can.

Nane. Sì ben, ma a l’osteria no se va senza le so tatare. No se sa cossa che possa succeder.

Tita. Se vien l’occasion, piutosto dar che tior suso.
(Viene il cantiniere colla boccia di vino e tre bicchieri.)

Cantiniere. Eccomi. (versa il vino nei bicchieri, e parte)

Menego. E viva el sior eccomi. Bracket right 3.png bevono
Nane. Pare, sana.
Tita. E viva nu. )

Menego. Vegnì qua, mazzèmo un turcoa. (Viva i amici. Si laccano i bicchieri)

Tutti. E viva.

Menego. Oe, amici, sta grossa2 la zoghemio?

Nane. Sì ben, zoghemola.

Tita. A cossa?

Menego. A la mora.

Tita. So qua, come stemio?

Menego. Mi solo contra vu altri do.

Nane. Sior no, a batifondi. Tuti per le soe.

Menego. Ai quanti?

Nane. Ai sie.

  1. Far un brindisi.
  1. Mi pesti. Boerio.
  2. Misura di vino «ch’è meno d’un boccale»; Boerio, Diz.