Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/622

612 ATTO TERZO


xe quela che me fa iluminar; e se la vita de Lelio xe stada causa del mio precipizio, la morte de Lelio sia motivo del mio pentimento. Che spassi hogio abuo; che devertimenti hogio provà, dopo che me son dà a sta vita cussì cativa? Hogio mai abuo un piaser senza desgusto? Hogio mai ridesto senza motivo de pianzer? Dove xe andà quela pase, che godeva avanti che me butasse al baron? Dov’è quela quiete d’anemo co la qual andava in leto la sera, e me levava sù la matina? Lelio xe sta causa de la mia rovina, ma l’ha pagà el fio dei so scandali, dei so mali esempi. Toca a mi adesso a pagar el fio de le mie baronade, de le mie iniquità; ma avanti che ariva el fulmine a incenerirme, tornerò a muar vita: me buterò ai piè del mio povero pare: domanderò perdon a la mia cara mugier; me racomanderò de cuor a la protezion del Cielo, e spero trovar agiuto, se no per mi, che nol merito, almanco per una mugier onorata, per un putelo inocente, che co le so lagreme domanda pietà per un cativo mario, per un pare crudel. (resta piangendo)

SCENA XIV.
Menego, dall’osteria, e detto.

Menego. (Esce mesto senza parlare, asciugandosi gli occhi.)

Pasqualino. Com’ela, missier Menego?

Menego. Ah, Pasqualin! El povero Lelio xe restà su la bota. El giera tristo, el giera scelerato, ma però la natura no pol far de manco de no me far pianzer la morte cussì cativa d’un fio cussì scelerato.

Pasqualino. Donca l’ave recognossuo per vostro fio?

Menego. Adesso digo ch’el giera mio fio.

Pasqualino. Adesso ch’el xe morto?

Menego. Sì ben, el fin che l’ha fato, fa che lo recognossa per fio. El Cielo castiga i fioi che perde el respeto a so pare; Lelio m’ha perso el respeto a mi, el Cielo l’ha castigà, el Cielo l’ha fato morir; donca Lelio giera mio fio.