Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/626

616 ATTO TERZO

Bettina. E1 dorme. Vustu che lo desmissia1?

Pasqualino. No no, lasselo dormir. Quanto xe che no vedè mio pare?

Bettina. L’aspeto qua adessadesso. Oh, se ti savessi chi ghe xe in casa nostra?

Pasqualino. Chi ghe xe?

Bettina. Siora Marchesa, miserabile, povereta, che la fa pietà; so mario xe in preson, e ela la xe vegnua a racomandarse che se ghe daga alozo per carità.

Pasqualino. Mandela via subito.

Bettina. No, Pasqualin, no la vogio mandar via. La carità xe sempre bona. Chi sa ch’el Cielo no m’abia dà la consolazion che ti torni a casa, per la carità che ho fato a sta povera zentildona!

Catte. Se vedessi, come la mastega ben. (a Pasqualino)

Pasqualino. Mugier, no so da che banda prencipiar a domandarve perdon dei mali tratamenti, che fin adesso v’ho fato...

Bettina. Zito, no disè cussi, che me fè cascar le lagreme. (piange)

Pasqualino. I bezzi i xe fenii.

Bettina. No m’importa.

Pasqualino. I manini xe andai.

Bettina. No ghe penso.

Pasqualino. I debiti ancora ghe xe.

Bettina. No ve stè a aflizer, che i pagheremo.

Pasqualino. Mio pare no me vorà più.

Bettina. Chi sa? Pol esser de sì.

Pasqualino. No gh’ho coragio de andar da lu.

Bettina. Adessadesso el vegnirà qua.

Pasqualino. No so come far a parlar.

Bettina. Lasseme parlar a mi.

Pasqualino. Cara mugier, me racomando a vu.

Bettina. Sè el mio caro mario: no ve dubitè.

  1. Svegli.