Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/609


LA BUONA MOGLIE 599

SCENA III.
Il marchese Ottavio e detti, poi gli Sbirri.

Ottavio. Gondola. (chiama forte)

Menego. La servo. Bracket right 3.png tutti tre a gara si esibiscono.
Nane. Son qua.
Tita. Son qua mi.

Nane. Dove andeu? A mi me toca. (alli due)

Menego. Via, caveve, che toca a mi.

Tita. E mi ve digo che a mi me toca1.

Ottavio. Presto, o l’uno o l’altro, spicciatevi che ho premura. (Mi sento gli sbirri alle spaile). (da sè)

Menego. E1 xe el mio paron, toca a mi a servirlo.

Nane. El vostro paron el xe stao, adesso nol xe più. Mi son prima barca.

Tita. Coss’è sta prima barca? Qua no ghe xe ne prima, nè segonda. A sta riva xe do ani che ghe son mi, e per aver sto posto, servo de bando sta lustrissima che sta in campielo2.

Ottavio. Ma! Presto, per amor del cielo. (Or ora gli sbirri mi trovano). (da sè)

Menego. Che la resti servida. (vuol condurlo alla sua gondola)

Nane. Fermeve, sier vechio mato. (a Menego)

Tita. Mi la servirò, se la comanda. (ad Ottavio)

Ottavio. Che siate maledeti. O l’uno o 1l’altro, non m’importa.

Menego. Me vorla mi?

Ottavio. Sì, Catinello, andiamo.

Menego. Sentiu? El me vol mi.

Nane. No xe vero gnente. L’ha chiamao gondola.

Tita. Sì ben, a mi me toca. Sto posto xe mio.

Menego. Cossa xe too?

Tita. Sta riva.

Nane. La riva xe publica, cossa me contistu?

  1. Nella ed. Bettin. segue: «Nane. E mi ve digo che a mi me toca».
  2. Piccolo campo, o sia piazzetta veneziana. V. Boerio.