Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/624

614 ATTO TERZO


gnirà qua. El xe con mi un puoco in colera, ma el xe tanto bon, che gh’ho speranza ch’el l’agiuterà ela e ch’el m’agiuterà anca mi.

Beatrice. Cara Bettina, quanto sono tenuta al vostro bel cuore!

Bettina. Oh, in materia de bon cuor no la cedo a nissun. Povereta, ma schieta e sincera. Quel che gh’ho in cuor, gh’ho in boca, e co posso, fazzo del ben a tuti.

Beatrice. Il cielo vi benedica.

SCENA XVI.
Catte e dette.

Catte. Sorela, hastu sentio a bater?

Bettina. Mi no.

Catte. Sastu chi xe?

Bettina. Chi? Sior Pantalon?

Catte. Oh giusto. Xe Pasqualin.

Bettina. Pasqualin? Oh siestu benedeto! Dov’elo1 le mie vissere? Vienlo de su?

Catte. Gh’ho paura che nol se ossa2.

Bettina. Mi, mi gh’anderò incontra. Caro el mio ben, el cielo me l’ha mandao. Oh Dio, che no posso più! (parte)

Catte. Siora Marchesa, andemo in st’altra camera.

Beatrice. Perchè?

Catte. No la sente che xe qua Pasqualin?

Beatrice. E per questo? Che importa?

Catte. No la sa che xe tre zorni che nol vien a casa de so mugier?

Beatrice. Cara signora Catte, mi fate ridere, benchè non ne ho voglia. (parte)

Catte. Fegurève se Betina vol sugizion! So come che la xe fata co so mario. (parte)

  1. Bettin.: Dov’ele.
  2. Che non osi.