Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/610

600 ATTO TERZO

Ottavio. Presto, che non v’è più tempo.

Menego. Son qua. Bracket right 3.png (ognuno vuol essere preferito e scaccia l’altro)
Tita. Son qua.
Nane. In drio, cagadonai.

(Gli sbirri fermano il Marchese e gli mettono il mantello in testa.

Ottavio. Tocca a me, tocca a voi, maledetti, ha toccato a me. (parte, condotto dagli sbirri)

SCENA IV.
I tre Barcaruoli suddetti.

Menego. Varè che bela azion, che ave fato! (passeggiando)

Nane. Mio el giera el nolo, per cossa l’avevio da perder? (passeggiando)

Tita. Vualtri vegnì a magnar el sangue dei povereti. (passeggiando)

Nane. Con chi parlistu, toco de tuto aseno?

Tita. Xe do ani che me vadagno el pan a sto posto, e vualtri me vegnì a vogar sul remo.

Nane. Questo nol xe tragheto; qua no se paga libertae; semo tuti paroni.

Tita. Sangue de diana, che ve mandarave de là da stra1.

Nane. Vustu ziogar che con un pugno te buto le coste in corpo?

Tita. Se gh’avesse adosso le mie tatarea, no parleressi cussi.

Menego. Siben che son vechio, me vien vogia de cavarve el figao.

Tita. Con chi parlistu?

Nane. Con chi la gh’astu?

Menego. Con tuti do.

Nane. E mi tuti do no ve gh’ho gnanca in la mente.

Menego. E mi no ve stimo un figo.

Tita. Adesso, fionazzi d’una sgualdrina. Vago a tior el mio pistolese2.

Nane. Soto pope gh’ho tanto de stilo.

  1. Arme.
  1. Al diavolo, in malora: v. Boerio. Gioco di parole. Stra è luogo già famoso di villeggiatura, sul fiume Brenta, verso Padova.
  2. Specie di coltello a larga lama, che la maschera di Pantalone porta sempre alla cintola.