Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/616

606 ATTO TERZO

Beatrice. L’opera di pietà che usate meco, non può essere più meritoria.

Catte. (Poverazza! Sastu cossa che ti pol far? Ti poi mandar via la Momola, che la farà ela). (piano a Bettina)

Bettina. Cussì ti parli d’una lustrissima?

Catte. Vustu darghe da magnar de bando?

Bettina. Me lo caverave da la boca a mi per darghelo a ela. La fame xe granda in tuti, ma la xe più granda in chi xe avezzo a star ben. La zente ordenaria domanda el so bisogno, senza aver sugizion. I pitochi, se no i ghe ne trova da uno, i ghe ne trova da un altro, ma i poveri vergognosi, queli merita esser assistii, e quel poco che se ghe dà, i lo paga caro, con tanto sangue che ghe vien sul viso per la vergogna. Siora Marchesa, la resta servida. Son Bettina1, son veneziana, e le Veneziane xe de bon cuor; e pur tropo tante e tante, per tropo bon cuor, le fa dele volte dei scapuzzoni. (parte)

Beatrice. Imparate a vivere da vostra sorella. Ella, benchè nata vile, ha massime da eroina. (a Catte, e parte)

Catte. Mi no gh’è caso. Ste lustrissime descazue2 no le posso veder. Co no le gh’ha el so bisogno, le vien quachie quachie3; ma co le torna gnente gnente a refarse, le gh’ha una spuzza che no le se pol sofrir. (parte)

SCENA IX.
Camera d’osteria.
Messer Menego, Nane, Tita, poi il Cantiniere.

Menego. Camerieri.

Cantiniere. Eccomi.

Menego. Caro sior eccomi, porte una grossa de molesin.

Cantiniere. Che cosa è questo molesino?

  1. Sav. e Zatta qui e altrove: so.
  2. Decadute.
  3. Quatte quatte, umili: v. Boerio. Leggasi quace: poichè, come si sa, la consonante e, seguita da h, ritiene suono palatale davanti ai dittonghi in cui precede i «recchie» recie; «occhi» oci: ma «pochi» resta pochi, da «poco».