Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/600

590 ATTO SECONDO

Bettina. Vegnirò con vu.

Pasqualino. Certo, che bela cossa!

Lelio. (Eh, cacciatela via colle brusche). (come sopra)

Pasqualino. Ande via, no me fè andar in colera. (a Bettina)

Bettina. Sior Lelio, sior Lelio, el vol far poco bon fin.

Lelio. Io poco buon fine! Perchè?

Bettina. Perchè le lagreme che ho trato e che trago per causa soa, le domanda vendeta al cielo; el cielo che xe giusto, ghe le farà pagar, quando manco ch’el se lo pensa.

Lelio. Voce d’asino non va in cielo.

Pasqualino. Oh bravo! Oh co a tempo! Vedeu? Tolè su. (a Bettina)

Bettina. Sì ben, bravo, bravo. Tire de longo, che me la saverè contar. Me despiase de ti, povero Pasqualin.

Pasqualino. Anemo, andè a casa, ve digo.

Bettina. Sior no, vogio star qua.

Pasqualino. Steghe, e mi anderò via.

Bettina. Ve vegnirò drio...

Pasqualino. Se me vegnì drio, povereta vu. (parte)

Lelio. Rabbia, crepa, scoppia, pettegola. (parte)

SCENA XXIV.
Bettina sola.

No me vôi far nasar, da resto ghe responderia come ch’el menta sto desgrazià de Lelio. Basta dir che de do pari uno l’ha refudà, e l’altro nol lo vol cognosser per fio. Tiolè su, me pareva d’esser una principessa col mio Pasqualin; l’aveva reduto a vegnir a casa; l’ha infina pianto; el m’ha abrazzà; sto sassin sul più belo xe vegnù a menarmelo via. E i mii manini, povereta mi? No me li recordava più. Fegureve! Altro che pagar i debiti! Ghe li magnerà quel baron. Oh, vogio andarghe drio, se credesse ch’el me copasse.