Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/574

564 ATTO SECONDO

Arlecchino. L’ha disnà qua.

Pantalone. E dopo disnar dove xelo andà?

Arlecchino. In nissun liogo.

Pantalone. Donca el xe ancora qua.

Arlecchino. Oh! El xe va un poco meggio de el ghe giera.

Pantalone. Ma dove xelo?

Arlecchino. Zitto, vegnì qua da mi. (lo tira in disparte) Deme una altra lirazza, e saverè cossa che vol dir el ghe giera, e el ghe xe.

Pantalone. Tolè pur. (gli dà una moneta, volgarmente detta una lirazza)

Arlecchino. El ghe giera col giera a tola, el ghe xe adesso sotto la tola. (parte)

SCENA V.
Pantalone e Pasqualino, come sopra.

Pantalone. Oh siestu maledio col ghe giera e col ghe xe! Adesso l’intendo. Sto furbazzo el m’ha sentio mi, e el s’ha sconto. (Adesso lo voggio giustar co le zeolette)1. (da sè; va furioso verso la tavola, poi si ferma) Ma no xe meggio andar co le bone? De le volte un’amorosa correzion gh’ha più forza de un severo castigo. Lo farò vegnir fora, ghe parlerò da pare, e sarò veramente pare, s’el se resolverà de trattar da fio.
Pantalone s’accosta alla tavola, alza la tovaglia e scopre Pasqualino, che senza dir nulla esce, e fa una riverenza a Pantalone, e va per prendere il suo tabarro e per andarsene, e Pantalone lo ferma) Fermeve; no andè via. No son qua ne per criarve, nè per manazzarve, e molto manco per castigarve. Finalmente son pare, e ad onta de tutto quello che m’ave fatto, ancora ve voggio ben. Vedo pur troppo, che per causa de la zente cattiva, che v’ha messo su, no son più in istato de comandarve. Ve prego donca, ve prego per carità de ascoltarme. Ve domando un mezzo quarto d’ora per cortesia; ve posso domandar manco, dopo de tutto quello che ho fatto per vu? Me ascoltereu, respondeme, me ascoltereu?

  1. Zeola, cipolla. «Giustar o conzar co le ceolete ecc. Acconciare uno per le feste. Boerio, l. c.