Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/582

572 ATTO SECONDO

SCENA XI.
Pantalone solo.

Burleme, che gh’havè rason. Strapazzeme, che lo merito. Spueme in tel muso, che ve perdono. Mio fio ha fatto pezo. Quel can m’ha tradio; quel infame m’ha assassinà. Buttarse ai mii piè; pianzer con tanto de lagreme; sospirar, domandarme perdon, e pò burlarme in sta maniera? Prometerme de muar vita, e da un momento a l’altro tornar da cao, far pezo che mai? Com’ela sta cossa? Come se pol dar una iniquità de sta natura? Xelo sta un finto pentimento, o xela una pessima recidiva? Ah, che quel desgrazià de quel Lelio l’ha torna a precipitar! Quattro parole d’un cattivo compagno val più de tutte le più tenere correzion. Per varir una piaga, no basta un vaso d’unguento; per incancherirla poco ghe vuol. L’avessio menà con mi; no l’avessio mai lassà qua! Chi l’averave mai dito? Cussì presto? Cussì facilmente el s’ha lassà ingannar, el s’ha lassà menar via? Effetto de l’animo vizioso abituà. Ma za che vedo che no giova l’amor, che xe inutile la compassion, ti proverà la mia colera, te farò veder chi son, e se son sta fin adesso un pare amoroso, sarò in avegnir el to nemigo, el to flagello, el to più acerrimo persecutor. (parte)

SCENA XII.
Camera in casa del marchese Ottavio.
Il marchese Ottavio in veste da camera, e Brighella.

Ottavio. Accostati e di’ piano. La Marchesa è fuori di casa?

Brighella. Lustrissimo sì. Quando l’ha bezzi, no la sta in casa. Fin che la ghe n’ha uno, no la se vede più.

Ottavio. Hai cambiati i dodici zecchini? Brighella. I ho cambiadi. Questi xe trentadò ducati d’arzente.

(gli dà una borsa con i ducati)