Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/596

586 ATTO SECONDO

Pasqualino. (Mostra segni di tenerezza.)

Bettina. No me leverò suso de qua, se no ti me dà quel stilo, o se no ti me mazzi. Pussibile che ste lagreme no te mova a compassion?

Pasqualino. (Si lascia cadere lo stilo.)

Bettina. Ah siestu benedio! Velo qua, ch’el me l’ha dà. Presto, presto, che no vegna i zafi. (lo prende di terra, e corre a gettarlo in canale.)

Pasqualino. (Si asciuga gli occhi.)

Bettina. Me par, oimei! d’esser respirada. Se no ti me vol ben, pazenzia. Almanco che no te veda precipita.

Pasqualino. Che bela cossa! Butarlo in canal! Songio un putelo? (adirato)

Bettina. Te despiase? Hogio fato mal? Te domando perdonanza.

Pasqualino. Basta dir che siè donne.

Bettina. Di’, Pasqualin, viestu a casa?

Pasqualino. Siora no.

Bettina. No ti gh’ha vogia de veder el to putelo?

Pasqualino. Cossa falò? Stalo ben?

Bettina. Sta note no l’ha fato altro che pianzer. El cercava el so papà; el voleva el so papà; e co ghe diseva: l’è qua el papà, sentilo, vita mia, ch’el vien, el se quietava. E pò, co nol te vedeva, el dava in t’un deroto de pianto. Pianzi lu, pianzi mi, no te digo gnente che note che avemo fato.

Pasqualino. (Poverazza!) (da sè)

Bettina. Da gieri in qua son ancora a dezuna, no ho cercà gnanca un fià de aqua. Sento proprio ch’el stomego me va via.

Pasqualino. Via, andè a magnar qualcossa; no stè cussi.

Bettina. Mi a magnar? Gnanca per insonio. Se no ti vien ti, mi no magno.

Pasqualino. Voleu morir da la fame?

Bettina. Cossa m’importa a mi? Se ho da viver in sta maniera, vogio più tosto morir.

  1. Ho digiunato.