Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/591


LA BUONA MOGLIE 581

Bettina. Dei mesi tanti! E pur me xe sta dito, che xe poche ore che la l’ha visto.

Beatrice. Mi maraviglio. Guardate come parlate.

Bettina. Cara lustrissima, no la vaga in colera, la senta la mia rason, e pò, se gh’ho torto, la me daga torto. Se i ghe vegnisse a dir a ela, che so mario vien in casa mia, ch’el spende, ch’el zioga, ch’el perde i bezzi e che, eccetera, cossa diravela?

Beatrice. Pur troppo mio marito è stato innamorato di voi; lo è ancora, che lo so benissimo, e può darsi che venga da voi, e spenda, e giuochi, e che so io.

Bettina. No, la veda, da mi nol ghe vien so mario. Se recordela cossa che giera da puta? Mo son cussi anca da maridada. In casa mia no ghe vien nissun. Mi lasso star i marii de le altre, e vogio che le altre lassa star mio mario.

Beatrice. In casa di una dama si parla così1?

Bettina. Mi no so gnente nè de dama, ne de pedina. Ghe digo liberamente che la me lassa star mio mario, se no anderò dove che se va.

Beatrice. Pettegola, sfacciata, che ne voglio far io di tuo marito?

Bettina. Che ne voglio fare, che ne voglio fare? La me lo lassa stare.

Beatrice. Vostro marito in casa mia non ci viene.

Bettina. E mi so che ci viene. (affettando il toscano con caricatura)

Beatrice. Chi ve l’ha detto che viene in casa mia?

Bettina. Mia sorela me l’ha dito, che ghe l’ha contà so mario, che l’ha sentio a dir da Brighella.

Beatrice. Bricconi quanti siete... (esce Catte dalla camera)

Catte. A mi una schiafa? Toco de baron, una schiafa a mi? (verso la porta ov’era rimpiattata)

Beatrice. Che fate qui voi? Con chi l’avete?

Catte. Senti, sa, ti m’ha dà una schiafa, ti me la pagherà. (come sopra)

Bettina. Sorela, chi t’ha dao? (a Catte)

Beatrice. Che cosa fate voi in questa casa?

  1. Bettin., Sav. e Zat6ta: In casa di una dama si parla così?