Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/593


LA BUONA MOGLIE 583

Bettina. No, no ve lasso andar.

Pasqualino. Se me vegnì drio, ve fazzo tanto de muso. (parte)

Bettina. Vardè cossa che l’è deventà! Nol me pol più veder. El dà, el manazzaa. S’el farà cussì, se precipiterà e l’anderà in preson. Povereta mi! No posso più. Lo seguiterò da lonzib per no farlo precipitar. (parte)

SCENA XIX.
Strada con veduta della casa del Marchese.
Il marchese Ottavio e Brighella.

Brighella. Sussurri grandi. Pasqualin s’ha sconto dove che giera siora Catte. El gh’ha dà una schiafa. Bettina ha strapazzà la padrona. Cosse grande!

Ottavio. Briccone! Pasqualino ha perduto il rispetto a casa mia? Me ne renderà conto. Lo voglio far cacciar in una prigione.

Brighella. La varda che i sbirri no vegna per ela.

Ottavio. Perchè?

Brighella. Perchè, come gh’ho dito ancora, quattro creditori gh’ha leva el capiatur.

Ottavio. A un mio pari non si farà un simile affronto. Sei un pazzo; va via di qua.

Brighella. (Per mi fazzo conto che da lu no voggio altro; se tiremo de longo ancora un poco, paron e servitor morimo da fame tutti do). (da sè, e parte)

SCENA XX.
Il marchese Ottavio, poi Catte, che esce dalla casa di lui.

Ottavio. Domani partirò da Venezia. Qui non ci posso più stare senza pericolo.

Catte. Oh! Giusto ela, sior Marchese. Pasqualin m’ha dà una

  1. Minaccia.
  2. Da lontano.