Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/581


LA BUONA MOGLIE 571

Pasqualino. No so cossa risolver.

Lelio. Quella giovine per voi sospira.

Pasqualino. Via, andemola donca a trovar.

Lelio. Bravo.

Pasqualino. Oimè, se mio pare no me trova più...

Lelio. E se quella donna muore per voi?

Pasqualino. Povereta! Andemola a consolar. (partono)

SCENA IX.
Il Cameriere, incontrandosi con Lelio che parte,
parla verso la scena.

Sì, signore, non dubiti che sarà servita. Nell’orto non ci verrà. Dirò che sono andati via per la porta di strada. Gran bella vita fanno questi giovinotti, ma dura poco, perchè i danari finiscono; perdono la salute, e si mettono a viver bene, quando non hanno più il comodo di viver male.

SCENA X.
Pantalone e detto.

Pantalone. Quanta fadiga che gh’ha volesto... Pasqualin, dov’estu? Pasqualin. Disè, quel zovene, dov’elo andà Pasqualin?

Cameriere. È andato fuori dell’osteria, in compagnia del signor Lelio e degli altri suoi camerata.

Pantalone. Come! L’è andà con Lelio?

Cameriere. Sì, signore, con lui.

Pantalone. E coi altri camerada? Anca co le donne?

Cameriere. Non lo volevo dire. Anco con le donne.

Pantalone. Oh, poveretto mi! Cossa me tocca sentir.

Cameriere. Vuol altro da me, signore?

Pantalone. Ande in malora anca vu.

Cameriere. Quando suo figlio verrà all’osteria, verrò da lei a portare il conto. (parte)