Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/595


LA BUONA MOGLIE 585

Bettina. Vien qua, vissere mie; lassa ch’el me mazza mi.

Ottavio. Levatevi di là. (a Bettina)

Bettina. No sarà mai vero che lassa el mio Pasqualin.

Ottavio. Giuro al cielo, m’avventerò contro di voi.

Bettina. Moriremo tuti do insieme.

Ottavio. Difendete un ingrato.

Bettina. Difendo mio mario.

Ottavio. Non merita l’amor vostro.

Bettina. Son obligada a volerghe ben.

Ottavio. Ve ne pentirete.

Bettina. No me pentirò mai d’una cossa giusta.

Ottavio. (Costei mi muove a compassione). Va, in grazia di una sì buona moglie, ti dono la vita. (parte)

SCENA XXII.
Bettina e Pasqualino.

Bettina. Sia ringrazia el Cielo, che l’ho liberà da la morte.

Pasqualino. (Oimei! respiro). (da sè)

Bettina. Pasqualin, fio mio, hastu abù paura?

Pasqualino. Mi paura? Se no gieri vu che me secavi la mare, vedevi vu cossa che fava a quel sior. S’el torna, povereto elo.

Bettina. Caro Pasqualin, meti zo quel stilo; metilo zo, se ti me vol ben; ma so che no ti me vol più ben, so che no son più la to cara Berina. So che per amor mio no ti lo vorà far. Te prego per l’amor che te porti a la to creatura; per amor de quel caro putelo, che ogni momento chiama el so caro papà; se i zafi te trova, i te liga, i te mena via. Cossa sarave de mi; cossa sarave de quel povero inocente? Via, Pasqualin, dame quel stilo. Gnanca per el to sangue no ti te movi a pietà? Falo almanco per amor too, varda in che pericolo che ti è. Falo per amor del Cielo, son qua, te lo domando in zenochion. (s’inginocchia) O dame quel stilo, o cazzemelo in tel sen; caveme el cuor; saziete in tel mio sangue. (piange)