La castalda/La gastalda. Appendice/Atto II

Atto II

../Atto I ../Atto III IncludiIntestazione 29 aprile 2020 100% Da definire

La gastalda. Appendice - Atto I La gastalda. Appendice - Atto III

[p. 199 modifica]

ATTO SECONDO.
SCENA PRIMA.
Altra camera.
Pantalone, poi Corallina.

Pantalone. Una gran cossa xe questa, che no se possa a sto mondo viver a modo soo, ma che s’abbia da far squasi sempre a modo dei altri. Vegno in campagna per goder un poco de libertà; se me cazza in casa della zente per forza. Vegno in campagna per devertir mia fia; e per causa d’un matto bisogna che la tegna serrada. Vegno in campagna per scoverzer el mio cuor alla mia cara Corallina; e a mala pena gh’ho podesto parlar. Bisognerà po che risolva de far quel che tante volte ho proposto, e non ho mai risolto. Bisognerà che vaga a star in fra terra in t’un liogo lontan, fora dei strepiti. Là nissun me vegnirà a romper le tavernelle. E Corallina? Corallina vegnirà con mi. Vela qua che la vien. Vardè che tocco, vardè che zoggia; mo no fala cascar el cuor?

Corallina. Cosse, sior patron, cossa gh’oio fatto? Nol me voi più ben?

Pantalone. Per cossa, fìa mia, me diseu cussì?

Corallina. Sta mattina nol m’ha dito gnanca una parola. Son usa che el me chiama in camera, che el me ordina o la chioccolata, o el panimbrodo, per so bontà; femo quattro chiaccolette che me consolo tutta. In verità, no gh’ho altro gusto a sto mondo, che quando stago col mio caro paron.

Pantalone. Anca mi, cara, co son con vu me giubila el cuor. Ma no vedè? Tutta sta mattina forestieri, intrighi, rompimenti de testa.

Corallina. Cossa vorlo far, ghe vol pazenzia. A sto mondo bisogna farse voler ben, far servizio co se pol, e darghene a chi no ghe n’ha.

Pantalone. Tutto va ben. Ma la suggizion de sta terra mi no [p. 200 modifica] la posso più sopportar. No se pol dormir la mattina quanto se vol, perchè vien zente e bisogna levarse; no se pol star despoggi, perchè chi va e chi vien, e bisogna vestirse; bisogna magnar in suggizion, zogar co no se ghe n’ha voggia, cenar tardi, andar in letto a strasore1, e spender, e rovinarse per complimento. Vegno vecchio, no son più bon per ste cosse. Cognosso che se spende e se s’incomoda, e po se se fa burlar, che quei istessi che magna, xe i primi a criticar. Onde ho risolto de lassar sto liogo, de tirarme lontan, e de viver colla mia libertà. Cossa diseu. Corallina? Me conseggieu de farlo? Approveu col vostro giudizio sta mia risoluzion?

Corallina. Caro sior paron, no so cossa dir. El pensa ben, el la descorre ben, e per lu el farà ben; ma per mi, poverazza... Basta, el cielo me provederà.

Pantalone. Per che cossa diseu cussi? Gh’aveu paura che ve abbandona? Gnanca per insogno. Vegnirè con mi, starè con mi.

Corallina. Oh, el vede ben... Cossa vorlo che diga la zente?... Qua son cognossua. Stago con ela, ma gh’ho i mi parenti qua vesini. Una putta ... lontana dai sói ... con un paron che no xe tanto vecchio ...

Pantalone. Certo disè ben; se fusse vecchio assae, la zente no poderia sospettar ... Ma finalmente ghe xe mia fia.

Corallina. M’immagino che el la vorrà maridar?

Pantalone. Seguro che bisognerà che la marida.

Corallina. E allora resteressimo in casa nu do soli? Oh poveretta mi, cossa vorìela che disesse el mondo?

Pantalone. Donca co mi no volè vegnir?

Corallina. No vôi vegnir? ... Caro sior patron, se el me lassa, in verità ... ho paura d’aver da morir. (piangendo)

Pantalone. Mo via, per cossa pianzeu? V’ho dito che no ve abbandonerò.

Corallina. Son stada arlevada in casa soa; me par ch’el sia mio pare.

Pantalone. E mi ve tegno in conto de fia, e vegnirè con mi. [p. 201 modifica]

Corallina. Lu el me tegnirave per fia, ma la zente diria che el me tien per qualcoss’altro.

Pantalone. Lasseè che i diga.

Corallina. Certo! lassè che i diga? El bel ben ch’el me vol! No ghe preme la mia riputazion? Co no ghe importa che la zente diga, ho paura che el gh’abbia qualche segondo fin. El me vol tirar alla lontana? Oh, no ghe vegno assolutamente.

Pantalone. Pazenzia, se no vorrè vegnir ... No so cossa dir. Ghe vorrà pazenzia.

Corallina. Donca el me lasserà?

Pantalone. Za vedo che poco v’importa dei fatti mii. Gh’averè qualche genietto in sti contorni; questo xe quello che ve despiaserà de lassar.

Corallina. Se gh’ho morosi, che el diavolo me porta. Se ghe penso de nissun, prego el cielo ... Ma a pian co sto zurar, pur troppo penso a una persona che me sta sul cuor.

Pantalone. Sì ah? Brava! Eh za, me l’immaginava. Se pol saver chi xe sto bel suggetto?

Corallina. Mi ghe lo dirave ... Ma ...

Pantalone. Via, via, disemelo: tanto fa, vede.

Corallina. Che ghel diga?

Pantalone. Sì, disemelo. Chi xelo?

Corallina. El mio caro paron.

Pantalone. Mi, cara?

Corallina. Sior sì.

Pantalone. Mi, colonna?

Corallina. Sior sì ... e lu ... me vuol lassar ...

Pantalone. Lassarve? No, Corallina ... Sentì ... Anzi ve voleva parlar, e sappiè, fia mia ...

SCENA li.
Brighella e detti.

BriGHEIìA. Con grazia, se pol vegnir?

Pantalone. (Oh maledetto costù). (da sè)

Corallina. Vegnì avanti, cossa voleu? [p. 202 modifica]

Brighella. Con permission de vussustrissima. (a Pantalone)

Pantalone. Mo via, che m’avè lustrà abbastanza.

Brighella. Ghe domando umilmente perdon, patrona mia riveritissima, (fa una riverenza a Corallina)

Corallina. Grazie infinitissime. (fa una riverenza)

Brighella. Perdoni, per amor del cielo, el disturbo.

Corallina. Oh, gnente affatto!

Brighella. No saveva che la fusse coll’illustrissimo patron.

Pantalone. Mo via, disè cossa che volè, e destrigheve.

Brighella. No vorria che la disesse che l’è troppo ardir.

Corallina. Eh, parlè con libertà.

Brighella. La vede ben, l’è la necessità che me fa parlar.

Pantalone. Oh, che seccagine!

Brighella. Dirò ...

Corallina. Mo via, disè, parlè, buttè fora.

Brighella. Vorria supplicarla ... Per amor del ciel, la me perdona.

Pantalone. Debotto no posso più.

Brighella. Vorria supplicarla che la se degnasse de far dar ... La prego de compatimento.

Corallina. De far dar ...

Brighella. Da merenda ai barcarioli dell’illustrissima mia padrona.

Pantalone. E tanto ghe voleva?

Brighella. E se la se contentasse ...

Pantalone. Tornemio da capo?

Brighella. Anca a un so umilissimo servitor.

Pantalone. Mo ande là, che no me faria servir da vu, gnanca se me dessi a mi do zecchini al zorno.

Brighella. Perdoni, illustrissimo.

Pantalone. Basta, basta; andè, cara Corallina, deghe da merenda a lu e ai barcarioi; deghe quel che i vol, destrigheve e tornè qua, che v’aspetto.

Brighella. Grazie umilissime alla bontà de vussustrissima.

Pantalone. Andè, andè, non occorr’altro. [p. 203 modifica]

Brighella. La permetta.

Corallina. Andemo, vegnì con mi.

Brighella. La supplico. (vuol baciar la mano a Pantalone)

Pantalone. Andè, che el diavolo ve porta.

Corallina. Mo vegnì, destrigheve.

Brighella. Son a ricever le so carissime grazie. Bondì a vussustrissima. Grazie alla bontà de vussustrissima, me umilio a vussustrissima. (via)

Pantalone. Tornè presto. (a Corallina)

Corallina. Vegno subito. (via)

Pantalone. L’è una cossa che fa venir i moti convulsivi. No se pol star saldi co ste maledette cerimonie. Ma pensemo un poco a Corallina. Per quel che vedo, la me vol ben, e mi ghe ne voggio a ela. Com’alo da fenir sto negozio? Oh bella! Perchè no possio sposarla? Bisogna mo véder se la me vol ... La xe qua che la torna. Ghe darò una tastadina alla larga.

SCENA III.
Corallina e detto.

Corallina. Son qua. Sìelo maledìo colle so cerimonie.

Pantalone. Corallina cara, tornemo un poco sul nostro proposito. Donca, per quel che sento, vu me volè ben?

Corallina. No vorlo che ghe voggia ben? El xe el mio caro paron.

Pantalone. Ma a vegnir a star con mi solo, via de qua, gh’ave suggizion.

Corallina. Certo che gh’ho i mi riguardi.

Pantalone. Cossa donca avemio da far?

Corallina. Mi ghe lo lasso pensar a elo.

Pantalone. Cara Corallina, ve vôi parlar col cuor in bocca. Sappiè, fia mia ... [p. 204 modifica]

SCENA IV.
Lelio di dentro, e detti.

Lelio. Chi è qui? Si puoi penetrare?

Pantalone. Oh, ghe mancava sto matto. Andè via, che no vôi che al ve veda.

Corallina. Eh, che el lassa ch’el vegna.

Pantalone. No vôi, ve digo.

Lelio. Licet, licet? (di dentro)

Pantalone. Andè in quella camera, e ve chiamerò.

Corallina. Caro sior patron, tutto quello ch’el vol elo. Oh Dio, che per elo me butterave in fogo. (via)

Pantalone. Cara culìa... La vegna, patron la resta2 servida. Sentimo cossa che vuol sto sempio.

Lelio. (Esce) Signore, come gli dissi, io son venuto in birba.

Pantalone. Sior sì, me n’accorzo.

Lelio. E sono venuto con due cavalli, li quali non possono vivere senza mangiare.

Pantalone. Son persuaso.

Lelio. Ergo, dalle proposizioni premesse fate voi la dilazione dell’argomento.

Pantalone. Patron mio reverito, mi no so cossa diavolo che la se diga.

Lelio. Vi parlerò più zoticamente. Avete fieno nella vostra stalla?

Pantalone. Credo de sì.

Lelio. Avete biada?

Pantalone. Ghe ne sarà.

Lelio. I miei cavalli vi riveriscono, e vi pregano di dar loro da mangiare.

Pantalone. Fazzo umilissima riverenza ai so cari cavalli, e ghe digo a ela che la vaga dai mi contadini da parte mia, e che la se fazza dar tutto quel che la vuol.

Lelio. Benissimo, vi ringrazio in nome dei miei cavalli; ma già che [p. 205 modifica] con tanta emergenza di grazie profonde avete proveduto alli miei quadrupedi, spero vi degnerete di soccorrere ancora a me.

Pantalone. Se la vuol anca ela del fien e della biava, la se serva.

Lelio. Sì signore, vi domando biada amorosa.

Pantalone. Come sarà ve a dir?

Lelio. Vi chiedo per sostanza individuale il nutrimento di vostra figlia.

Pantalone. Mia fia?

Lelio. SI signore, ve la chiedo in ipotesi coniugale.

Pantalone. E mi ghe respondo un de no tanto fatto.

Lelio. Voi mi conquassate la macchina.

Pantalone. E ela me secca el fluido.

Lelio. Basta, ragioneremo.

Pantalone. Sior sì, la vaga, e se vederemo.

Lelio. Io son venuto a confabularvi per parte dei miei cavalli. Verrà qualcun altro a ragionarvi per me. Si verrà3 fra poco. Acqua acqua, signore, a tanto foco.

Pantalone. Oh che sacco de spropositi! Oh che alocco! E a drettura el me domanda mia fia: xe vero che el xe ricco, e che una donna de giudizio poderave manizzarlo a so modo, ma Rosaura xe una spuzzetta che son seguro che no se contenteria. Corallina, vegnì qua, fia mia. Za che ghe semo, ancuo la s’ha da fenir. Voggio serrar sta porta, acciò che nissun ne vegna a tettar de mazo4.

SCENA V.
Ottavio nel solito abito, e Pantalone.

Ottavio. Schiavo, signor Pantalone.

Pantalone. Servitor obbligatissimo, cossa me comandela?

Ottavio. Vi ho da parlare.

Pantalone. Negozio longo.

Ottavio. Fatemi dar da sedere. [p. 206 modifica]

Pantalone. Più tosto, se l’affar xe longo ...

Ottavio. Datemi da sedere.

Pantalone. Subito, lustrissimo. Cossa vol dir? no la pol star in pie per la debolezza, n’è vero? Poveretto. La se senta, la se comoda. (El casca dalla fame). (da sè)

Ottavio. Lelio è stato al mio palazzo a baciarmi la mano, e siccome è un giovane che gode la mia protezione, mi ha confidato esser egli innamorato della vostra ragazza. Gli ho fatto dare la cioccolata, ed intanto mi ha raccontato tutta la cosa com’è andata. Mi ha pregato che io ve ne parli, e per consolarlo, trattandosi poi che siamo in villa, coll’occasione che sono passato da questa parte, avendovi anche da discorrere di un’altra faccenda, vengo io in persona a chiedervi la vostra figliuola per lui.

Pantalone. Resto attonito de sto boccon d’onor che me fa el lustrissimo sior Ottavio. El vien elo in persona a domandarme mia fia. Za che semo in villa, che el gh’aveva occasion de passar de qua, e che el m’ha da discorrer d’un’altra faccenda: de resto un signor de sta sorte no se saria degnà di incomodarse per questo.

Ottavio. Ah, siamo in villa. E così, cosa mi rispondete?

Pantalone. Premendome de sollevarla presto dall’incomodo, perchè gh’ho un pochetto da far, ghe dirò che no son in stato de dar mia fia ..

Ottavio. Come! A un uomo del mio carattere darete voi una negativa? Io mi abbasso a domandarvi la figlia, e voi me la negate?

Pantalone. Me la domandela per ela, o per el sior Lelio?

Ottavio. Per me? Vostra figlia per me? Povero vecchio, vi compatisco. Ve la domando per Lelio. Lelio è uomo ricco e uomo civile. Chi ve la chiede per lui son io, e non potete negarla.

Pantalone. Basta, parlerò con mia fia, sentirò se la se contenta.

Ottavio. Vostra figlia è contenta, ve n’assicuro io.

Pantalone. Cossa sala ela? [p. 207 modifica]

Ottavio. Ve n’assicuro io.

Pantalone. Ma con che fondamento?

Ottavio. Lelio ha parlato con lei, e fra di loro già sono intesi.

Pantalone. Sior Lelio s’ha inteso co mia fìa? La me perdona, stento a crederla.

Ottavio. Sì, s’è inteso con lei, e le ha dato un anello.

Pantalone. El gha dà un anello?

Ottavio. Ma con voi bisogna replicar tutte le parole. Questa è poca civiltà. Sì, le ha dato un anello ...

Pantalone. La senta. Se mia fia lo vol, se i s’ha intesi fra de lori, se el sior Lelio gh’ha dà un anello, se el la vol, mi ghe la darò. Finalmente el xe ricco.

Ottavio. E io che ve la chiedo, qualifico infinitamente un tal matrimonio.

Pantalone. Xe verissimo, rendo infinite grazie a vussustrissima, che con tanta bontà la se degna vegnir in casa mia.

Corallina. Siamo in villa, siamo in villa! Oh, questa è fatta.

Pantalone. Benissimo, semo intesi. Ala altro da comandarme?

Ottavio. Sì, un altro affare di pochissima conseguenza. Quanto date di dote a vostra figlia?

Pantalone. Segondo, la discorreremo.

Ottavio. Mille ducati li darete a me, ed io li pagherò il cinque per cento.

Pantalone. Ma ... la vede ben ... Bisogna che i daga al novizzo.

Ottavio. Già con lui siamo intesi; anzi gli fo una grazia a impiegargli il suo denaro con sicurezza.

Pantalone. Trattandose de dota ... Bisogna veder i fondamenti ...

Ottavio. Che fondamenti? Non ho io un palazzo?

Pantalone. El casca, lustrissimo.

Ottavio. Non ho una possessione?

Pantalone. La compatissa, el xe un brolo.

Ottavio. Non ho titoli?

Pantalone. La xe robba che no se vede.

Ottavio. Orsù, lo sposo è contento. Egli vi assicura la dote [p. 208 modifica] sopra i suoi beni, e se vuol investire mille ducati nelle mie mani, voi non lo potete e non lo dovete impedire, e se ardirete impedirlo, l’avrete a fare con me. Cosa credete? Per aver quattro zolle di essere più di me? Son chi sono. Giuro a bacco! V’insuperbite per questa vostra casuccia? Giuro a bacco, se non avrete giudizio, ve la farò gettare abbasso, le darò foco.

Pantalone. Signor, no la se scalda, no la vaga in collera. Se seguirà sto matrimonio ...

Ottavio. Seguirà, seguirà.

Pantalone. Se sior Lelio ghe vorrà dar elo i mille ducati ...

Ottavio. Li darà, li darà.

Pantalone. Per mi no me opponerò.

Ottavio. Sior sì, sior sì.

Pantalone. (El vol mille ducati de sansaria, e quel martuffo se li lasserave magnar). (da sè)

Ottavio. Quando mi darete la risposta?

Pantalone. Presto, perchè me preme che sto sior vaga via.

Ottavio. Benissimo: verrò a pranzo da voi, e concluderemo.

Pantalone. Oh, la se vol degnar della mia tola?

Ottavio. Quando si fa un piacere, bisogna farlo compito. Per concludere, verrò a pranzo con voi; già siamo in villa.

Pantalone. Benissimo, la se contenterà de quel poco che dà la mia tola.

Ottavio. Ma io non intendo di darvi soggezione. Se volete crescere fin a due o tre piatti, ve lo concedo, ma più no assolutamente.

Pantalone. Grazie alla so benignità.

Ottavio. Schiavo ... A che ora andate a pranzo?

Pantalone. Un’oretta dopo mezzo zorno.

Ottavio. Se dopo pranzo si ha da concludere, fate antecipare. A mezzogiorno sarò da voi, schiavo. (via)

Pantalone. Schiao, schiao, che saludar da martuffo; cussì co sta polegana5 el vien a disnar, el fa l’amor a mille ducati, e el [p. 209 modifica] spua grandezze da tutte le bande. Ma pussibile che mia fia sia innamorada in quel marzocco, e che l’abbia ricevesto un anello! Me chiarirò, e se la xe cussi, me destrigo, ghe la petto con poca dota. Ma vorria fenir sto discorso con Corallina. Maledetta sta porta! La vôi serrar, e vegna chi sa vegnir, no averzo a nissun.

SCENA VI.
Corallina e detto.

Corallina. Sior paron ...

Pantalone. Oh, vegnì qua. Fenimo el nostro descorso.

Corallina. No la sa?

Pantalone. Cossa?

Corallina. Xe arriva forestieri.

Pantalone. Chi xe arriva?

Corallina. Sior Florindo.

Pantalone. Oh poveretto mi! Dove xelo?

Corallina. L’ha domandà de siora Beatrice, e l’è desmontà.

Pantalone. Co sta franchezza? In casa mia?

Corallina. La vede ben. In campagna se usa cussì.

Pantalone. E mia fia dove xela?

Corallina. In te la so camera.

Pantalone. Gh’ala parlà?

Corallina. Mi no credo.

Pantalone. Sia maledetto sta usanza, no la posso più sopportar. Vien chi vol, i fa quel che i vol: in casa mia no son paron mi. Cossa vorlo sto sior? Cossa xelo vegnù a far? Anderò mi a dirghe le parole. Cossa gh’intra sta siora Beatrice a far da patrona in casa mia? Xela fursi vegnua a posta a batter el canaffio6 a mia fia? No la sarave la prima, che per amicizia fa sto bel mistier. Via de qua; via da sti lioghi; via da sta soggizion. Corallina, se parleremo, resolveremo, anderemo. Voggième ben, e no ve dubitè, che qualcossa faremo. (via) [p. 210 modifica]

Corallina. Faremo? Cossa faremo? No vorria chiappar un granzo; no vorria impenirme de belle speranze, e po restar a muso secco. Sior Pantalon par ch’el me voggia ben, ma sti omeni la sa longa, e i vecchi ghe ne sa più dei altri. Mi però no son gonza, credo quel che vedo, e no fazzo castei in aria. Se el dirà dasseno, anca mi farò pulito con elo. Se no, gh’ho tanto da banda che basta per maridarme con qualchedun da par mio: la saria bella che in sie anni che servo e che manizzo, no m’avesse fatto la dota. Gh’ho anca mi i me grumetti. Gh’ho le mie pezzette con dentro dei tràiri, delle lirazze e qualche zecchinetto. Se el patron me sposa, la sarà roba soa, se el me lassa, poderè dir che me l’ho guadagnada colle mie fadighe.

SCENA VII.
Arlecchino e detta.

Arlecchino. Siora Corallina, me consolo infinitamente?

Corallina. De cossa?

Arlecchino. Ancuo disnemo insieme.

Corallina. Per che rason?

Arlecchino. El padron el farà l’onor al sior Pantalon de vegnir a disnar con elo, e mi, come membro del padron, vegnirò a disnar con ela.

Corallina. Me ne consolo infinitamente. Lo salo el mio paron che vien sior Ottavio?

Arlecchino. El lo sa sicuro; el vien per farghe onor.

Corallina. E che boccon d’onor!

Arlecchino. Lu onorerà la sala, e mi onorerò la cusina.

Corallina. Benissimo. Ghe xe dei altri forastieri, staremo allegramente.

Arlecchino. Me despiase che gh’è una difficoltà, che no so se el padron poderà vegnir. Ma n’importa, se nol vegnirà lu, in ogni cas vegnirò po mi.

Corallina. Che difficoltà porlo aver?

Arlecchino. Ve lo dirò in confidenza: ma che nissun sappia gnente. [p. 211 modifica]

Corallina. Oh, mi no parlo. Savè chi son.

Arlecchino. Noi gh’ha alter che quella spolverina, e el se vergogna a vegnir.

Corallina. Nol gh’ha una velada?

Arlecchino. Oh, el ghe n’ha delle velade!

Corallina. Perchè no se ne mettelo una?

Arlecchino. Zitto. El le ha tutte impegnade.

Corallina. Donca, come faralo?

Arlecchino. El s’ha racomandà a mi, e mi bisognerà che veda de aiutarlo. (con aria)

Corallina. Donca a vu el ve confida tutto.

Arlecchino. Mi son el so segretari. El se confida con mi; perchè el sa che in materia de segretezza no gh’è un par mio.

Ottavio. Come fareu mo a aiutarlo?

Arlecchino. Oh, qua sta el busilli! Come faroio mo a aiutarlo?

Corallina. Via, da bravo; come fareu?

Arlecchino. Feme grazia, vu sì donna de spirito; se fussi in tel cas che son mi, come faressi?

Corallina. Mi nol so in verità.

Arlecchino. L’è mo che nol so gnanca mi.

Corallina. Che el staga a casa?

Arlecchino. Nol pol.

Corallina. Perchè?

Arlecchino. Perchè ancù nol gh’ha da magnar.

Corallina. Che el vegna in spolverina.

Arlecchino. Oh giusto, e la nobiltà?

Corallina. Che el despegna una velada.

Arlecchino. Brava! che el despegna una velada.

Corallina. Vedeu? l’avemo trovada.

Arlecchino. Sì ben, l’avemo trovada. Che el despegna... Ma gh’è un’altra difficoltà.

Corallina. Via mo?

Arlecchino. Nol gh’ha quattrini.

Corallina. Che l’impegna qualcos’altro.

Arlecchino. Oh, adesso m’avì toccà dove me dol. Che [p. 212 modifica] l’impegna qualcos’alter. Bisogna mo saver che l’osto che l’ha la so velada, vol i so quattrini, e nol vol altra roba.

Corallina. Che el trova qualchedun altro che ghe daga i bezzi.

Arlecchino. Bravissima. Oh che donna! Chi crederessi mo che se podesse trovar?

Corallina. Mi no so in verità.

Arlecchino. Gnanca mi, da galantomo.

Corallina. Quanti bezzi ghe vol?

Arlecchino. Un felippo7 solo. Un felippo solo.

Corallina. Oh, un felippo no xe una gran cossa.

Arlecchino. Cossa xelo un felippo? giusto gnente.

Corallina. Troverè, troverè.

Arlecchino. Troverò ... Siora Corallina, per sparagnarme i passi e la fadiga ... me faressi vu el servizio de darme sto felippo?

Corallina. Perchè no? Volentiera.

Arlecchino. Oh cara! Oh benedetta! Ho sempre dito che sì una donna de garbo, servizievole e de bon cor. Son qua, deme sto felippo, e comandeme anca a mi.

Corallina. Cossa gh’aveu mo da darme per sicurezza?

Arlecchino. Ah, volì el pegno?

Corallina. Vede ben, caro vecchio, xe giusto che sia segura.

Arlecchino. E credìu mo, che mi volesse el felippo senza darve el pegno? No son miga cussì mamalucco. Tolì, per aiutar el mio padron, no m’importa, anderò senza. Tolì, ve dago in pegno el me cappellin.

Corallina. Sior? Me chiamela? Vegno subito.

Arlecchino. El felippo.

Corallina. No sentì che el paron me chiama? Vegno, vegno. (Oh, no i me cucca). (da sè, via)

Arlecchino. Siora Corallina ... el felippo ... Siora Corallina ... Si, el diavolo la porta. Tolì, la m’ha impiantà come un ravano. Corpo del diavolo! Cossa dirà el me pover padron, se no ghe porto la velada? El m’ha dit inzegnete, bisogna che [p. 213 modifica] m’inzegna. Gh’ho dito, se sgrafignasse? El m’ha dito inzegnete. Diavolo, se savesse come far. Zitto. Coss’è sta roba? (guarda qua e là, e vede i candelieri d’argento) Questo l’è arzento . Se portas un de sti candelieri all’osto? Credemo che el me das la velada? Oh, sior sì! Donca bisogna torlo. Se m’ho da inzegnar, questa l’è l’occasion. Ma l’oi da robar? Sior no, l’ho da tor in prestido. E lo torrò in prestido senza pegno? Sior no, vôi lassarghe el pegno. Sior taolin, me imprestela sto candelier? Sì? grazie. La vôi el pegno? La gh’ha rason. Ghe lasso el me cappellin. Cussì fa i omeni d’onor. No i roba, no i tol in prestido senza pegno. Son un galantomo. Porto via el candelier, ma ghe lasso el me cappellin.

SCENA VIII.
Pantalone e detto.

Pantalone. (Da sè) Anca questa xe bella. La mia casa debotto la xe deventada la casa del comun. (osserva Arlecchino) Cossa fa sto giazzao8 qua?

Arlecchino. (Vede Pantalone) Uh poveret mi. (vuol nascondere il candeliere)

Pantalone. Oe galantomo, cossa gh’aveu là?

Arlecchino. Eh gnente, guardava se gh’aveva della roba che m’ha dà el padron.

Pantalone. (Gli trova il candeliere) Ah, xela questa la roba che v’ha dà el vostro padron? Sier poco de bon. Cussì se mette le man in la roba dei altri?

Arlecchino. La me compatissa, per amor del cielo, che nol portava via miga per torghelo.

Pantalone. Mo perchè lo tolevi donca?

Arlecchino. Lo voleva in prestio.

Pantalone. La roba in prestio, se domanda.

Arlecchino. Mo ghe l’ho domandà.

Pantalone. A chi? a mi no certo che son el paron. [p. 214 modifica]

Arlecchino. A gh’ho ben domandà al candelier sel xe contento, e lu no m’ha dito gnente, onde che el s’ha contentà9.

Pantalone. Credo de sì, che el candelier no te dirà nè sì, nè no. Ma cossa ghe ne volevistu far?

Arlecchino. Se la me promette de perdonarme, ghe dirò tutto. La sappia che voleva impegnarlo per un felippo.

Pantalone. Per un felippo? Da che farghene?

Arlecchino. Per despegnar una velada al padron, che ha da vegnir a disnar con ela sta mattina, e nol gh’ha altro da metterse che la spolverina.

Pantalone. (Poverazzo! Me fa pecca el so paron, e ammiro la semplicità e el bon cuor del servitor). (da sè) Tiò, questo xe un felippo, e va a squoder la velada del to paron, ma no ghe dir da chi ti l’abbia avudo, che no voggio gramazzo che el s’arrossissa.

Arlecchino. Oh che caro sior Pantalon, la me fa ben un gran servizi, ma no vôi ch’el sia con so descapito. Lu tegna saldo, che ghe lasso in pegno sto cappellin.

Pantalone. Ah, ti me lassi sto boccon de pegno in le10 man?

Arlecchino. Sior sì. Za, anca se portava via el candelier, ghe lo lassava qua per sicurezza.

Pantalone. Povero baban! Tiò, tiò, (gli mette il cappello) va a far i fatti tói col felippo, e portete via el to cappello.

Arlecchino. Si tutti fasesse cussi, quanti ghe ne saria che impegneria le velade. (via)

Pantalone. Gran brutto muso che gh’ha la miseria. Xe vero che no merita compassion chi xe miserabile per rason dei vizi, e molto manco chi xe povero e superbo come sto sior Ottavio. Ma bisogna compatir i difetti dei altri, per meritar che sia compatidi anca i nostri, perchè tutti gh’avemo la nostra parte, e no bisogna farse maravegia, e no bisogna burlar nissun. Anca mi in sta etae gh’ho el mio vovetto11. Son innamorà co fa un bisso, e voggio presto presto ... Ma prima destrighemo sta putta. [p. 215 modifica] Sì ben. Se la vol Lelio, dargliela; se el xe matto, pazenzia. Se ghe volesse trovar un mario savio, ho paura che no la se marideria cussì presto. (via)

SCENA IX.
Camera di Rosaura
Rosaura e Beatrice.

Rosaura. Dunque il signor Florindo è venuto per me?

Beatrice. Sì, come vi dissi, Florindo mio nipote mi ha pregato di prevenir il suo arrivo, per poter aver accesso alla vostra casa.

Rosaura. Mio padre non permetterà ch’io gli parli.

Beatrice. Pazienza, almeno vi vederà, e in tanto, per farvi vedere che si ricorda di voi, ecco qui, vi ha portato da Venezia questo anelletto, e mi ha pregato di presentarvelo.

Rosaura. Ringrazio il mio caro Florindo, che si ricorda di me, e ringrazio voi per la vostra bontà.

Beatrice. Posso far meno per mio nipote? Egli vi brama in moglie, e spera di conseguirvi.

Rosaura. Perchè non mi domanda al mio genitore.

Beatrice. È venuto in villa per questo, e oggi certamente si scuoprirà al signor Pantalone.

Rosaura. Voglia il cielo che mio padre dica di sì.

Beatrice. Oh, non vi è ragione perchè egli abbia a dire di no. Da marito siete, la dote l’avete, il partito è buono, cosa vuole aspettare?

Rosaura. Ecco mio padre, voglio nascondere l’anello.

SCENA X.
Pantalone e dette.

Beatrice. Serva, signor Pantalone.

Pantalone. La reverisso devotamente.

Beatrice. Avete veduto mio nipote? [p. 216 modifica]

Pantalone. Chi? Sior Florindo? L’ho visto.

Beatrice. Vi ha parlato?

Pantalone. El m’ha parlà! Cara ela, la compatissa, ho da dir do parole a mia fia. Rosaura, andemo.

Beatrice. No, no, accomodatevi qui.

Pantalone. La prego ...

Beatrice. No, vi dico, restate. (Mio nipote non averà perso tempo). (da sè, via)

Rosaura. (Cossa mai vorrà dirmi mio padre?) (da sè)

Pantalone. E cussì, siora, la xe quella che digo mi. I morosi, che no pol aver libertà a Venezia, i vien a favorirne in campagna.

Rosaura. (Florindo si è già scoperto). (da sè)

Pantalone. Ma stimo che i fa i so accordi, i mette12 i so ordini, e se fa tutto senza dir gnente a so pare.

Rosaura. Io, signore, credetemi, non ne so nulla.

Pantalone. Tasi là veh, desgraziada, che so tutto. Dov’elo l’anello ch’el t’ha dà?

Rosaura. (Oh diamine; gli ha detto anche dell’anello). (da sè)

Pantalone. Via, siora, dov’elo sto anello?

Rosaura. Eccolo.

Pantalone. Bella cossa, ah? recever i regali dai morosetti.

Rosaura. Me lo ha dato la signora Beatrice.

Pantalone. Eh za, siora Beatrice fa la mezzana. Credeu che no sappia che la xe vegnua a posta per introdur sto bel soggetto.

Rosaura. (Povera me! sa tutto). (da sè)

Pantalone. Basta, el m’ha fatto parlar, e el ve vol per muggier; cossa diseu?

Rosaura. Se siete contento voi, son contenta ancor io.

Pantalone. Vardè che bella rassegnazion. Se sono contento io, siete contenta anche voi. Ma voi avete fatto l’amore senza de io13. [p. 217 modifica]

Rosaura. Compatitemi, signor padre. Finalmente è un giovane da mio pari.

Pantalone. Sì, ma al xe un pezzo de matto.

Rosaura. A me non rassembra tale.

Pantalone. Mo za, a vualtre putte i zoveni i par zoggieli. Basta, se gh’averè giudizio, el xe ricco e stare ben.

Rosaura. (Questa per me è una nuova felice). (da sè)

Pantalone. Arrecordeve, che co l’è fatta, l’è fatta. Penseghe ben, vardè che no ve n’abbiè da pentir.

Rosaura. Oh, non vi è pericolo. Per dirvela, gli voglio bene, e spero che sarò con esso felice.

Pantalone. Voleu cussì, cussì sia. No m’averè da rimproverar mi, se el ve farà deventar matta anca vu. Avanti sera el negozio xe fatto.

Rosaura. (Oh giorno per me felice, se oggi sarò la sposa del mio caro Florindo! È stato sollecito a farmi chiedere, e questa sollecitudine è una prova dell’amor suo). (da sè, via)

Pantalone. Vardè, chi l’avesse mai dito che la fusse innamorada de quel martuffo de Lelio? Le donne se tacca sempre al so pezzo.

SCENA XI.
Lelio e detto.

Lelio. Eccomi qual farfalla intorno al mio rilucente candelliere.

Pantalone. S’intende donca che mi ghe fazzo de candelier?

Lelio. Ditemi, di grazia, o un bel sì che mi disperi, o un bel no che mi consoli.

Pantalone. La se consola, o la se despiera, mia fia sarà so muggier.

Lelio. Sarà mia moglie?

Pantalone. Sior sì.

Lelio. Vostra figlia?

Pantalone. Sior sì.

Lelio. Acqua di melissa. [p. 218 modifica]

Pantalone. Cossa è stà?

Lelio. La consolazione mi sveglia gli effetti patricali.

Pantalone. Come?

Lelio. Sì signore, io patisco l’ipocrisia.

Pantalone. (Oh siestu maledetto!) (da sè) Voleu forsi dir d’ipocondria?

Lelio. Per l’appunto, e quando sento parlar d’amore, mi si muovono i flauti negl’intestini.

Pantalone. Le buelle ballerà la furlana a son de subiotto.

Lelio. Dov’è la sposa?

Pantalone. La xe in te la so camera.

Lelio. Avete preparato il letto?

Pantalone. El letto? Xe ancora a bonora.

Lelio. Solleticate, caro signor genero.

Pantalone. A mi zenero?

Lelio. Sì, a voi, a cui protesto la grazia riverita dell’animo mio obbligante.

Pantalone. No vôi sentir altro; patron caro, a bon riverirla.

Lelio. Servitor suo venerato.

Pantalone. Schiavo mio obbligante.

Lelio. La prego conservarmi nel suo individuo.

Pantalone. La tegno scolpida in tel mesenterio.

Lelio. Sarò sempre obbligante alla sua umilissima servitù.

Pantalone. E mi mandarè a far ziradonar14 la so padronanza. (Siestu maledetto ti, e chi t’ha calzà, e chi t’ha vestio. Ancora me par impussibile che mia fla abbia da sposar sto martuffo). (da sè, via)

Lelio. Son consolatissimo, son l’uomo più felice che sia sotto la cappa di questa terra. Sposerò la prole generata del generante. Stringerò fra le mie braccia la sua difforme bellezza. Unirò il polo artico del mio amore al catartico della sua grazia. Ma io, per bacco, dico le più belle cose del mondo. Sono l’uomo più zotico fra i letterati. Tutti s’incantano della mia [p. 219 modifica] significante verbosità. Gran profitto che ho fatto in cinque giorni di scuola! In cinque giorni ho imparato tutto; e mi ricordo come fosse adesso le concordanze del verbo attivo colla declinazione passiva; e che sia la verità,

          Ecco ch’io metto in pratica
          La regola verbal della grammatica.
          Oh bella concordanza,
          Il marito e la moglie in una stanza. (via)

Fine dell’Atto Secondo.



Note

  1. A ora tarda, fuori del consueto: v. Boerio.
  2. Nel testo: vegni e resti.
  3. Forse: sì, verrà ecc.
  4. Vedi a pag. 189.
  5. Flemma, aria da sornione ecc.: v. Boerio. Arte fina, disinvoltura: v. voi. II, 133, a.
  6. Fare il mezzano: v. vol. II, pagg. 121, n. a e 328, n. c.
  7. Dieci paoli circa: v. vol. I. 481, n. a.
  8. Uomo senza quattrini: v. Boerio.
  9. Così il testo. Forse onde ho credesto che ecc.
  10. Per in te le
  11. Da vovo, uovo; qui capriccio, grillo, estro.
  12. Testo: se mette.
  13. Così il testo.
  14. A farsi benedire ecc.
[p. 220 modifica]