Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, VII.djvu/212

202

Brighella. Con permission de vussustrissima. (a Pantalone)

Pantalone. Mo via, che m’avè lustrà abbastanza.

Brighella. Ghe domando umilmente perdon, patrona mia riveritissima, (fa una riverenza a Corallina)

Corallina. Grazie infinitissime. (fa una riverenza)

Brighella. Perdoni, per amor del cielo, el disturbo.

Corallina. Oh, gnente affatto!

Brighella. No saveva che la fusse coll’illustrissimo patron.

Pantalone. Mo via, disè cossa che volè, e destrigheve.

Brighella. No vorria che la disesse che l’è troppo ardir.

Corallina. Eh, parlè con libertà.

Brighella. La vede ben, l’è la necessità che me fa parlar.

Pantalone. Oh, che seccagine!

Brighella. Dirò ...

Corallina. Mo via, disè, parlè, buttè fora.

Brighella. Vorria supplicarla ... Per amor del ciel, la me perdona.

Pantalone. Debotto no posso più.

Brighella. Vorria supplicarla che la se degnasse de far dar ... La prego de compatimento.

Corallina. De far dar ...

Brighella. Da merenda ai barcarioli dell’illustrissima mia padrona.

Pantalone. E tanto ghe voleva?

Brighella. E se la se contentasse ...

Pantalone. Tornemio da capo?

Brighella. Anca a un so umilissimo servitor.

Pantalone. Mo ande là, che no me faria servir da vu, gnanca se me dessi a mi do zecchini al zorno.

Brighella. Perdoni, illustrissimo.

Pantalone. Basta, basta; andè, cara Corallina, deghe da merenda a lu e ai barcarioi; deghe quel che i vol, destrigheve e tornè qua, che v’aspetto.

Brighella. Grazie umilissime alla bontà de vussustrissima.

Pantalone. Andè, andè, non occorr’altro.